Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - vivere i...la libia contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Vivere insieme è possibile! A Civitavecchia e Guidonia (Italia) la Comunità di Sant'Egidio dà il benvenuto ai profughi della Libia


 
versione stampabile

Vivere insieme è possibile! A Civitavecchia e Guidonia (Italia) la Comunità di Sant'Egidio dà il benvenuto ai profughi della Libia
1 giugno 2011

Negli ultimi mesi l’Europa ha assistito alla cosidetta  "Primavera del Nord Africa" ed al conflitto in Libia, eventi epocali che stanno cambiando radicalmente la vita dei paesi collocati ai suoi confini meridionali e stanno spingendo molti profughi a trovare rifugio nostro Paese.

Nelle ultime settimane sono quasi cessati gli sbarchi di migranti provenienti dalla Tunisia mentre sono arrivate circa 12.000 persone provenienti dalla Libia.
Queste persone dopo l’approdo a Lampedusa  vengono accolte nelle varie Regioni d'Italia; nella Provincia di Roma sono ospitate presso i centri di  Civitavecchia e Guidonia.

Sono uomini, donne e  bambini in fuga dalla violenza e dalla guerra di molte nazionalità. Allo scoppio della guerra in Libia infatti erano molti gli stranieri presenti nel Paese che lavoravano lì da anni o che vi avevano cercato rifugio da altri paesi in guerra e come tappa dell’itinenerario verso l’Europa.

Dall’inizio del conflitto circa 500.000 persone sono riuscite a fuggire verso le frontiere dell’Egitto e della Tunisia mentre decine di migliaia sono rimaste intrappolate nelle città della costa, sotto i bombardamenti, finchè non sono riuscite a partire attraverso il mare.

La Comunità di Sant'Egidio, nell'ambito della serie di eventi denominati
"Living Together - Vivere insieme è possibile!", per testimoniare la simpatia del nostro Paese e dare il benvenuto a questi nuovi amici giunti nelle nostre città, ha voluto organizzare delle feste presso i centri di accoglienza di Civitavecchia e Guidonia, dove sono ospitati oltre 300 profughi somali, pakistani, bengalesi, nigeriani, maliani, eritrei, nigerini e sudanesi.

Una parte di loro erano immigrati in Libia per lavorare, commercianti, operai, insegnanti, ingegneri, altri come i somali e i sudanesi del Darfur sono rifugiati politici. Grazie agli amici di Genti di Pace è stato possibile comunicare nelle loro tante lingue.

Molti degli ospiti dei centri sono arrivati solo da pochi giorni: hanno raccontato della situazione di guerra che hanno vissuto in Libia e del difficile viaggio compiuto. Alcuni hanno perso tutto e diversi nuclei familiari sono ancora dispersi. Nonostante le tante le incertezze sul futuro e la fatica di ricominciare, era visibile sui loro volti la gioia di essere stati accolti dall’Italia e di vivere in un paese in pace.

Le musiche delle Band dei Giovani per la Pace hanno portato ritmo ed allegria riscaldando il clima e liberando la gioia di tutti in balli e cori. Ognuno ha ricevuto un piccolo dono.

Alla fine della festa  in ogni lingua hanno voluto esprimere il loro ringraziamento per la visita della Comunità. Ci si è lasciati con un arrivederci… perchè è un amicizia che continua. 

Alcune immagini delle feste

A Civitavecchia:  
   
A Guidonia  
 

La Comunità di Sant'Egidio
e i Rom e Sinti

 


NEWS CORRELATE
25 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Presentazione del libro "Rifugi e ritorni" di Filippo Grandi. IL VIDEO

22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza


Anche Sant'Egidio alla manifestazione antirazzista per l'integrazione: ''Più la città diventa una comunità, più è sicura''
IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio


Le iniziative di Sant'Egidio ad Anversa
IT | ES | FR | CA
13 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Per una città senza violenza: in memoria delle tre sorelle rom morte nel rogo di Centocelle


Photogallery, Video
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

''Un futuro migliore per i bambini e le bambine rom che vivono nella nostra città''. Le parole di Marco Impagliazzo


alla preghiera in ricordo delle sorelline uccise nel rogo di Centocelle
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Photogallery della veglia di preghiera in ricordo di Francesca, Angelica ed Elisabeth


uccise nell'incendio del loro camper a Roma
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
19 Maggio 2017
Corriere della Sera On Line
Rom, con una casa un futuro diverso è possibile
18 Maggio 2017
Famiglia Cristiana
Bruciate vive? Erano rom.
12 Maggio 2017
Il Messaggero
La tragedia di Centocelle. Il dolore della madre
12 Maggio 2017
La Repubblica - Ed. Roma
Rom uccise, dolore e polemiche
12 Maggio 2017
Roma sette
Rogo di Centocelle: Roma prega per le sorelle arse vive
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1225 visite

1196 visite

1161 visite

1224 visite

1210 visite
tutta i media correlati