Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
2 Marzo 2015

Perché è importante l'appello per la riconciliazione in Centrafrica firmato a Sant'Egidio?

Ne parliamo con Mauro Garofalo, della Comunità di Sant'Egidio, che ha seguito tutte le fasi delle trattative che hanno portato alla firma dell'accordo preelettorale tra le principali personalità del Paese.

 
versione stampabile
Lo scorso 27 febbraio è stato firmato nella sede della Comunità di Sant'Egidio a Roma un appello al popolo centrafricano e alla comunità internazionale per la riconciliazione nazionale e il sostegno al processo di ricostruzione politica e istituzionale, sottoscritto dalle maggiori personalità del Paese africano, tra cui quattro ex primi ministri, la vice presidente del parlamento di transizione e la presidente del Comitato per il “Forum nazionale di Bangui”. La firma dell'accordo preelettorale, definito da Andrea Riccardi come "un segnale di speranza per tutti", è stata salutata con soddisfazione anche dai Paesi limitrofi.
Abbiamo chiesto a Mauro Garofalo, della Comunità di Sant'Egidio, che ha seguito tutte le fasi del processo che ha portato alla firma del documento, perché questo accordo rappresenta una tappa importante per la pacificazione e la stabilità del Centrafrica e di tutta la regione.
 
 
Qual è attualmente la situazione in Centrafrica?

"Il Centrafrica da due anni vive un momento particolarmente difficile a causa dell’instabilità e della violenza diffusa. Il colpo di stato del marzo 2013 ha fatto piombare il Paese in una situazione grave, e ancora oggi la comunità internazionale si sforza di sostenere il Paese. Su una popolazione che conta poco meno di 5 milioni di abitanti, oltre 400 mila di questi sono rifugiati nei Paesi vicini mentre un milione di persone vivono nella condizione di IDP (Internal Displaced Person), cioè "sfollati interni".
La transizione voluta dalla comunità internazionale per traghettare il Centrafrica verso le elezioni si avvicina al suo termine, le elezioni presidenziali dovranno dare un presidente al Paese entro agosto 2015. Purtroppo in molte zone operano gruppi militari (Seleka, anti-Balaka e altri) che impediscono il controllo del territorio e causano continue violenze".
 
 
Cosa succederà in Centrafrica con la firma dell'accordo preelettorale?
 
"L’incontro di Sant’Egidio rappresenta un importante passo verso la riconciliazione. La presenza tra i delegati dei maggiori esponenti dei principali partiti è un fatto senza precedenti. Saranno infatti i partiti che dovranno esprimere la leadership del Paese, e la campagna elettorale è già iniziata. L’appello/dichiarazione di Roma intende stabilire tra i partiti in competizione un accordo per un pacifico e democratico svolgimento delle elezioni e lancia l’idea di un lavoro comune, anche dopo le consultazioni elettorali, nel rispetto democratico tra vincitori e vinti. Il documento congiunto ha voluto prendere la forma di un appello patriottico al popolo centrafricano, mediante il quale i politici presenti (tra cui 4 ex primi ministri) si impegnano a rimettere la politica al centro della vita del Paese, perché il Centrafrica possa rinascere nella concordia e nella democrazia".
 
Perché questo accordo è importante non solo per il Centrafrica ma anche per tutta la regione?
 
"La Repubblica Centrafricana, con la sua instabilità e la presenza di gruppi armati transfrontalieri, rappresenta un grave problema per l’intera regione. La presenza stessa di decine di migliaia di rifugiati nei paesi vicini costituisce un’emergenza umanitaria dalla gestione difficilissima. Il Centrafrica si trova al centro di uno scenario problematico, la presenza di Boko Haram tra Nigeria, Ciad e Camerun, gli scontri in Sud Sudan (a cui si potrebbe aggiungere la presenza nell’est del paese dei guerriglieri LRA, Lord Resistance Army) ci dicono chiaramente che il ritorno alla stabilità avrà un’importanza fondamentale per tutta l’area, come ribadito più volte dai governi dei paesi confinanti e dalla comunità internazionale.
Per troppo tempo infatti il Centrafrica è stato considerato un safe haven per ogni tipo di guerriglia, ed è arrivato il momento che istituzioni forti e legittime riprendano progressivamente le redini del paese".
 
OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
25 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA

Pace in Siria, Iraq, Centrafrica: colloquio tra Andrea Riccardi e il ministro degli esteri francese Jean Marc Ayrault

IT | ES | DE | FR | PT
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
3 Dicembre 2016
Radio Vaticana

Pace in Colombia: ex guerriglieri iniziano il disarmo

1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

23 Novembre 2016
Il Fatto Quotidiano

Non solo faide, al Sud si parla di pace

22 Novembre 2016
Avvenire

Sant'Egidio. «Quella in Centrafrica non è una guerra di religione»

22 Novembre 2016
L'huffington Post

Se Bangui diventa il centro del mondo con il Cardinale, l'Imam e il Pastore

19 Novembre 2016
Vatican Insider

A Sant’Egidio il cardinale, l’imam e il pastore centrafricani

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Appello di Pace 2016

Nuclear Disarmament Symposium on the 70 th anniversary of the atomic bomb. Hiroshima, August 6 2015

Comunidad de Sant'Egidio

Un appello al popolo centrafricano e alla comunità internazionale per la riconciliazione nazionale

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag

Religioni e violenza





Francesco Mondadori
tutti i libri

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri