Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
1 Dicembre 2015

Solo la pace è santa: L'islam italiano ringrazia il presidente di Sant'Egidio per l'adesione a #notinmyname

 
versione stampabile

Con una lettera indirizzata al presidente della Comunità di Sant'Egidio, Marco Impagliazzo, Abdellah Redouane, Segretario Generale del Centro Islamico Culturale italiano, ha voluto esprimere la sua gratitudine per il sostegno della Comunità e le parole del suo presidente, alla manifestazione del 21 novembre "Not in my name", in cui i musulmani  hanno manifestato la loro ferma opposizione alla violenza e al terrorismo in nome della religione, dopo gli attentati di Parigi.

 

Signor Presidente,
 
sicuro di farmi interprete del sentimento di tutta la comunità musulmana italiana, desidero esprimerLe il ringraziamento più sentito, mio personale e del Centro Islamico Culturale d’Italia, per il sostegno e l’adesione che Ella ha voluto esprimere, attraverso il messaggio a me indirizzato, alla manifestazione pubblica “Not in My Name” svoltasi a Roma lo scorso 21 novembre, manifestazione di solidarietà alle vittime del terrorismo e di condanna di ogni forma di violenza e che ha visto riuniti insieme ai musulmani italiani, numerosi cittadini, esponenti delle istituzioni e del sindacato, della cultura e della società civile.
Non posso non far mio il suo grido a Piazza Santi Apostoli  che non esistono guerre sante e che solo la pace è santa. Per noi musulmani Dio è insieme Pace e Misericordia.
Il grido che si è levato dalla piazza è stato indubbiamente un grido di condanna, di sofferenza e di denuncia, ma anche un grido di coraggio, di fiducia e di speranza levato al cielo. Coraggio nel non mostrare timore nel denunciare e manifestare il proprio dissenso, coraggio nel rivendicare la propria identità di credenti, fedeli a Dio e leali nei confronti delle Istituzioni e delle leggi, in tempi di crescenti paure, con le inevitabili ricadute sulla vita quotidiana dei musulmani. La comunità musulmana italiana è parte integrante di questo Stato, che ama, rispetta, protegge. Fiducia in primo luogo nell’uomo, creato da Dio nella migliore delle forme e che certo non può esprimere la sua dignità nel male perpetrato da organizzazioni blasfeme ed assassine, fiducia nella possibilità di poter ancor di più camminare e operare insieme con tutte le altre componenti della società italiana, società di cui ci sentiamo a pieno titolo partecipi, per far sì che l’Italia sia sempre più sicura e prospera. Speranza, in tempi in cui giovani uccidono altri giovani, che il nostro continuo operato permetta alle generazioni a venire di non dover più essere testimone dell’orrore, speranza testimoniata dai numerosi giovani presenti alla manifestazione. Speranza che mai dovrà essere semplice utopia.
Come da sempre nel suo quasi mezzo secolo di vita, in un ininterrotto rapporto di collaborazione con le Istituzioni italiane, il Centro Islamico Culturale d’Italia, ente formalmente riconosciuto dalla Repubblica, saprà farsi interprete del sentimento della comunità di cui è espressione, sentimento che affonda le sue radici nel desiderio di dialogo, di pace, di armoniosa convivenza.
In questo cammino consideriamo S.Egidio come punto di riferimento essenziale nel panorama nazionale e negli scenari internazionali.
Pace su di voi
 
Dr. Abdellah Redouane
Segretario Generale

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
25 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Il pluralismo religioso in Indonesia, una risorsa da custodire e implementare

24 Maggio 2017

Sant'Egidio e il Governo Tedesco siglano un accordo per una maggiore collaborazione su pace e lotta alla povertà

IT | DE | FR
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | ES | FR | CA
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

''Un futuro migliore per i bambini e le bambine rom che vivono nella nostra città''. Le parole di Marco Impagliazzo

25 Aprile 2017
BERLINO, GERMANIA

Giovani, Africa e dialogo interreligioso al centro del lungo colloquio a Berlino tra Andrea Riccardi e Angela Merkel

IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
25 Maggio 2017
Corriere della Sera

''Ho visto piangere la first daughter con le ragazze scampate alla tratta''

12 Maggio 2017
La Repubblica - Ed. Roma

Rom uccise, dolore e polemiche

11 Maggio 2017
Il Messaggero Veneto

Rogo camper. Obiettivo integrazione: il rimedio mai adottato

11 Maggio 2017
FarodiRoma

Veglia senza la Raggi per le tre sorelle rom uccise. Impagliazzo: Roma si fermi e rifletta

10 Maggio 2017
Avvenire

Pakistan. Shahbaz Bhatti, sangue cristiano versato per gli altri

10 Maggio 2017
L'Unità

Centocelle “tragedia dell’indifferenza”. Parla Impagliazzo (S.Egidio)

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Maggio 2017 | PERUGIA, ITALIA

I migranti e noi - Possibili buone pratiche di accoglienza

25 Maggio 2017 | PERUGIA, ITALIA

Conferenza: Sant'Egidio, il Santo dei deboli nell'Europa medioevale

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Saluto di Marco Impagliazzo al termine della liturgia per il 48° anniversario della Comunità di Sant’Egidio

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

"Non rassegnamoci al declino di Roma": l'intervento di Marco Impagliazzo alla manifestazione Antimafia Capitale

Speech of Ahmad Al-Tayyeb, Grand Imam of Al Azhar at "East and West: dialogues between civilizations" (Arabic)

tutti i documenti
• LIBRI

Il martirio degli armeni





La Scuola
tutti i libri

FOTO

1253 visite

1224 visite

1195 visite

1160 visite

1223 visite
tutta i media correlati