Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
5 Marzo 2009

Roma. Basilica di san Bartolomeo. Consegna di un autografo del Beato Ignazio Maloyan, vescovo armeno, alla Comunità di Sant'Egidio.

 
versione stampabile

Il 5 marzo 2009 il patriarca armeno cattolico, Sua Beatitudine Nerses Bedros XIX Tarmouni, ha consegnato alla Comunità di Sant'Egidio una lettera autografa del Beato Ignazio Maloyan, arcivescovo di Mardin, vittima dei massacri avvenuti in Turchia nel 1915, affinchè sia custodita insieme alla memoria dei martiri e testimoni della fede del XX secolo, di cui la basilica è Luogo Memoriale. 

Nel corso di una liturgia della Parola, presieduta dal patriarca, la "reliquia" è stata portata in processione e riposta sull'altare dedicato ai martiri e testimoni dell'Asia, Medio Oriente e Oceania. 

Omelia di S. B. Nerses Bedros XIX, Catholicos Patriarca di Cilicia degli armeni 

Alcune immagini della celebrazione
S.B. Nerses Bedros XIX Tarmouni, Catholicos Patriarca di Cilicia degli armeni  Saluto del Prof. Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio
S.B. Nerses Bedros XIX Tarmouni (Catholicos Patriarca di Cilicia degli armeni) e Don Angelo Romano (Rettore della Basilica di San Bartolomeo all'Isola Tiberina)  Processione
 Deposizione della lettera del Beato Maloyan nella Cappella dedicata ai Nuovi Martiri  in Asia, Oceania e Medio Oriente  Lettera del Beato Ignazio Maloyan
Passione e morte del Beato Ignazio Maloyan e dei suoi fedeli.

Ignazio MaloyanIl 1 maggio 1915, dopo la perquisizione infruttuosa della chiesa da parte dell'esercito alla ricerca di armi, Monsignor Maloyan riunisce il clero e rende noto il suo testamento spirituale:

"Vi esorto prima di tutto a fortificare la vostra fede sulla roccia di Pietro e a rafforzare la vostra speranza nella Santa Croce...Da dove proviene il desiderio di vedere il nostro sangue di peccatori mescolato al sangue di uomini giusti e puri? Che i disegni dell'Altissimo si attuino in noi, qualunque sia il modo, anche la deportazione o il martirio. Il mio auspicio più grande è di vedere il mio gregge seguire il mio esempio e restare docili agli ordini della Sede Apostolica. Vi affido a Dio, amati figli, e vi chiedo di pregarLo affinché mi dia la forza e il coraggio di vivere questa vita nella Sua grazia e nel Suo amore fino all'effusione del sangue".

Il 3 giugno, solennità del Corpus Domini, giungono in città le prime notizie sulla deportazione degli Armeni da Dijarbekir nella direzione di Mossul. Monsignor Maloyan celebra la Santa Messa, quando al termine della processione, Mardin viene circondata dall'esercito a cavallo e dalle milizie. I gendarmi percorrono il quartiere armeno e arrestano i notabili (seguiranno, a distanza di poco tempo, altri tre gruppi di deportati, di cui il secondo composto da donne, bambini, anziani).

Mons. Maloyan riceve la notifica del suo arresto insieme a sei sacerdoti della diocesi, accusato di detenzione di armi. Condotto presso la sede della polizia, Mons. Maloyan viene interrogato assieme a 27 membri della sua comunità.

Venerdì 11 giugno, nella solennità del Sacro Cuore di Gesù, viene concessa un'ora ai condannati per prepararsi alla morte. Monsignor Maloyan chiede il permesso di parlare ai suoi. Dopo aver pregato il Signore di donargli la forza e la perseveranza di sopportare il martirio, imparte loro l'assoluzione. Quindi consacra del pane che i deportati avevano con loro, lo spezza e lo distribuisce ai sacerdoti e ai laici presenti.

Monsignor Maloyan viene quindi condotto da solo e a cavallo a Kara-keupru, a tre ore da Dijarbekir. Qui, a 46 anni, viene ucciso con un colpo alla nuca. In tutto, nel primo massacro dei cristiani di Mardin, furono uccise circa 415 persone.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Aprile 2017

L'omelia del Papa, le testimonianze e gli interventi alla preghiera per i Nuovi Martiri. TUTTI I TESTI

IT | ES
23 Aprile 2017

L’eredità viva dei martiri ci dona oggi pace e unità. Ci insegnano che con la forza dell’amore e la mitezza si può lottare contro la prepotenza, la violenza, la guerra e si può realizzare con pazienza la pace.

22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Papa Francesco a San Bartolomeo per pregare in memoria dei Nuovi Martiri. TESTI, VIDEO, FOTO

IT | EN | ES | FR | PT
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Papa a San Bartolomeo benedice colomba di antica chiesa di Aleppo

IT | ES | FR | PT
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Papa a San Bartolomeo, Andrea Riccardi: ''I martiri ci insegnano a vincere con l'amore e non con il potere''

IT | PT
tutte le news
• STAMPA
24 Aprile 2017
Vatican Insider

Il Papa: “I campi profughi sono campi di concentramento”

23 Aprile 2017
Radio Vaticana

Papa a San Bartolomeo. Mons. Paglia: testimoni della fede per vincere il male

23 Aprile 2017
Corriere della Sera

Papa Francesco: «Campi profughi come quelli di concentramento»

22 Aprile 2017
Avvenire

Roma. Papa Francesco al memoriale dei «Nuovi martiri»: ecco le reliquie custodite

22 Aprile 2017
Radio Vaticana

Francesco: martiri ci ricordano che Dio rinnova il mondo col suo amore

22 Aprile 2017
SIR

Papa Francesco all’Isola Tiberina: Riccardi (Com. Sant’Egidio), “il grido dei rifugiati e il messaggio profondo del martirio al centro della visita”

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Paul R. Gallagher per la commemorazione dei martiri contemporanei

Lista martiri ricordati alla veglia di preghiera della settimana Santa 2015

L'omelia di mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti
• LIBRI

Martiri d'Albania (1945-1990)





La Scuola

Martyr. Vie et mort du père Jacques Hamel





Editions du Cerf
tutti i libri

FOTO

430 visite

419 visite

439 visite

497 visite

490 visite
tutta i media correlati
APPROFONDIMENTI

Approfondimenti

Basilica di San Bartolomeo all'Isola


Comunità Armena di Roma