Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
9 Marzo 2011

Abidjan (Costa D'Avorio) - Le autorità religiose, cristiani e musulmani, del quartiere di Koumassi chiedono aiuto alla Comunità di Sant'Egidio per "fare pace" ed evitare lo scoppio di violenze

 
versione stampabile

Sono giorni di grande tensione in Costa d'Avorio. Il prolungarsi della crisi politica avviata con le elezioni presidenziali del novembre 2010, sta generando continui episodi di violenza tra gruppi etnici e religiosi.

In molti quartieri della capitale economica, Abidjan, ci sono stati scontri, che sembrano preludere ad una vera e propria guerra civile tra i sostenitori dei due presidenti, Laurent Gbagbo e Alassane Ouattara, che - entrambi convinti di aver vinto le elezioni - non danno segni di disponibilità ad aprire un dialogo o trovare un accordo.

Qualche giorno fa, nel popoloso quartiere di Koumassi, alcuni giovani, in maggioranza musulmani, hanno minacciato di dare alle fiamme la chiesa cattolica, per vendicarsi dell'incendio di una moschea avvenuto in un'altra zona della città.

Ma una delegazione delle due fazioni in lotta, insieme ai capi religiosi del quartiere (musulmani e cristiani insieme) si sono allora rivolti alla  Comunità di Sant'Egidio, che da anni ha una Scuola della Pace a Koumassi, chiedendo aiuto per evitare ulteriori violenze.

In poche ore si è organizzata un'assemblea nel cuore del quartiere, accanto alla chiesa minacciata. Tutti presenti: ouattaristi, gbagboisti, capi del quartiere, responsabili della locale municipalità, il parroco, il cappellano dei giovani, un pastore metodista e quattro imam.

La riunione, presieduta da Georges Adon, responsabile di Sant'Egidio in Costa d'Avorio, è durata tre ore. Non sono mancate le tensioni, ma alla fine si è trovato un accordo su alcuni punti:

- la protezione e il rispetto dei luoghi sacri (chiese e moschee) perchè "sono lo specchio della nostra coscienza: se vengono distrutte non potremo più specchiarci in esse, con la conseguenza che non avremo più vergogna di niente e la violenza non avrà più un argine";

- la rinuncia della violenza come soluzione delle controversie e la richiesta di aiuto alla Comunità di Sant'Egidio di dirimerle ogni qual volta si ripresentassero;

- la creazione di alcuni "comitati di vigilanza", composti da tutte le componenti civili e religiose presenti, in modo da segnalare con prontezza evntuali episodi di violenza al loro nascere.

Incontrarsi e parlare, con l'aiuto della Comunità, ha permesso di calmare gli animi.

Persone che da anni vivono insieme, vicini di casa, colleghi di lavoro, hanno trovato così la forza di resistere al peso violento della propaganda, che incita all'odio.

L'assemblea si convocherà di nuovo nei prossimi giorni per fare il punto della situazione e perfezionare l'accordo.

Insieme si è anche deciso di "esportare" questo metodo di riconciliazione in altri quartieri a rischio e in altre città, per raccogliere una domanda di pace che esiste nel Paese, a cui però, finora, i politici locali e la comunità internazionale non hanno saputo rispondere.

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

Una delegazione di Sant'Egidio incontra il Presidente della Repubblica di Etiopia Mulatu Teshome

IT | ES | DE | PT
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni

IT | ES
tutte le news
• STAMPA
23 Novembre 2016
Il Fatto Quotidiano

Non solo faide, al Sud si parla di pace

22 Novembre 2016
Avvenire

Sant'Egidio. «Quella in Centrafrica non è una guerra di religione»

22 Novembre 2016
L'huffington Post

Se Bangui diventa il centro del mondo con il Cardinale, l'Imam e il Pastore

19 Novembre 2016
Vatican Insider

A Sant’Egidio il cardinale, l’imam e il pastore centrafricani

14 Novembre 2016
Radio Vaticana

Colombia. Nuovo accordo di pace: Farc rendono denaro e beni a vittime

21 Ottobre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: La guerriglia colombiana ha perso la fede

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
16 Novembre 2016 | CERGY, FRANCIA

La globalizzazione e l'arte della pace: il ruolo di Sant'Egidio, con Andrea Riccardi

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
12 Marzo 2015
COSTA D'AVORIO

COSTA D'AVORIO, PENA DI MORTE ABOLITA ANCHE NEL CODICE PENALE

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Appello di Pace 2016

Nuclear Disarmament Symposium on the 70 th anniversary of the atomic bomb. Hiroshima, August 6 2015

Comunidad de Sant'Egidio

Un appello al popolo centrafricano e alla comunità internazionale per la riconciliazione nazionale

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Programma della Campagna della Cortesia verso gli anziani "Vive les Ainés"

tutti i documenti
• LIBRI

Religioni e violenza





Francesco Mondadori

Hacer la paz





Proteus
tutti i libri

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri