Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
9 Settembre 2014

Da Mare Nostrum a Frontex Plus: "Tra Europei condivisione di responsabilità"

All'Incontro internazionale di Sant'Egidio ad Anversa riflessioni e proposte su immigrazione ed Europa

 
versione stampabile

Il passaggio di testimone da ‘Mare Nostrum’ a ‘Frontex plus’ non deve risolversi in un fallimento. Il tentativo in atto da parte del governo italiano – ha spiegato Mario Morcone, capo dipartimento del Ministero dell’Interno all'Incontro  della Comunità di Sant’Egidio in corso ad  Anversa – “mira a sollecitare una cooperazione più profonda, che non potrà essere rivolta ad una semplice suddivisione di costi, ma, sulla base di quanto affermato tra più o meno comprensibili cautele diplomatiche, dovrà realizzare un passo credibile verso una chiara condivisione di responsabilità”. Se l’intesa di Dublino dovesse essere per i partner europei “un moloch invincibile e impossibile da scardinare, ritengo sia maturo il tempo per introdurre il cosiddetto 'mutuo riconoscimento europeo' delle decisioni di rilascio dello status di protezione internazionale. Che Europa dell’asilo è - ha domandato Morcone - un'Europa che tiene prigionieri in un singolo Stato coloro ai quali abbiamo riconosciuto la protezione internazionale? Che Europa è quella che ripristina, in sostanza, i confini nazionali solo per i migranti che comunque abbiamo ritenuto meritevoli del nostro aiuto? Che Europa è quella che riconosce il valore dei ricongiungimenti familiari e delle condizioni di particolare vulnerabilità, ma nel concreto rinforza gli steccati tra singoli Paesi dell’area Schengen?”.

Per Daniela Pompei, responsabile per l’immigrazione della Comunità di Sant’Egidio, se Frontex vuol dire “solo salvaguardia delle frontiere, non serve e non salva. Allora è meglio continuare Mare Nostrum che ha salvato più di 117 mila persone”. Si tratta di svegliare l’Europa dal torpore e condurla sulla strada di un sano realismo suffragato dai dati. Sulla base di uno studio, il fabbisogno di immigrati in Europa per il 2015 è di cinque milioni. Tanti ne dovrebbero essere inseriti nel continente per mantenere lo standard di vita già eroso dalla crisi economica. Per Zygmunt Bauman,  intellettuale noto per le sue analisi sulla “società liquida”, l'Europa non prende atto dell’effetto “pull and push”, lo “spingi e tira”, prodotto dal progresso economico che espelle lavoratori dal sistema produttivo quando diventa tradizionale: l’Europa “sta licenziando le persone per produrre a più basso costo”, d’altra parte “le persone cercano il pane e l'acqua dove sono disponibili”. La strada è trovare soluzioni locali a problemi globali. Il lavoro dei politici deve andare in questa direzione per affrontare i problemi su larga scala.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Giugno 2016

Morire di speranza: preghiera in memoria di quanti perdono la vita nei viaggi verso l'Europa

IT | ES | FR | PT | CA
12 Febbraio 2014
ANVERSA, BELGIO

"Peace is the Future". A 100 anni dall'inizio della 1° guerra mondiale lo "spirito d'Assisi" toccherà il Belgio

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | ID
22 Giugno 2017
ROMA, ITALIA

Non si può Morire di Speranza! A Santa Maria in Trastevere la memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

IT | FR
17 Marzo 2017
LIVORNO, ITALIA

Storia e futuro nel Mediterraneo: a Livorno il convegno internazionale Medì

11 Febbraio 2017

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''

tutte le news
• STAMPA
17 Dicembre 2015
Radio France International

Sant'Egidio crée des corridors humanitaires avec le Maroc et le Liban

9 Luglio 2015
La Sicilia

"Mare nostrum o mare monstrum?"

8 Luglio 2015
Giornale di Sicilia

Catania, funerali interreligiosi per le vittime del grande naufragio

10 Giugno 2015
Famiglia Cristiana

I giusti del Mediterraneo

2 Marzo 2015
La Sicilia

Quando le migrazioni diventano frontiere di nuova convivenza

28 Settembre 2014
Catalunya Cristiana

Construir un futur sense guerra

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
10 Agosto 2017 | LEUCA, ITALIA

A Santa Maria di Leuca per costruire un ponte nel Mediterraneo

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Medì 2016: I RELATORI

Medì 2016: PROGRAMMA

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Antwerp 2014 Peace is The future - Programme EN

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri