Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - il paese...cobaleno - il paese...ocumenti - io ho un...r inform - africa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Africa


 
versione stampabile

"Io ho un sogno… andare a scuola"
MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE 
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO
dossier informativo

AFRICA

Senza un'educazione adeguata non è possibile lavorare in maniera produttiva, avere cura della propria salute, mantenere in forze se stessi e sostenere la propria famiglia. L'educazione aiuta anche a vivere in maniera pacifica e tollerante.

In Africa la scuola presenta molti problemi. Sono stati fatti molti passi avanti, ma rimane il fatto che la regione dell'Africa a sud del Sahara è , insieme all'Asia Meridionale, quella con il tasso maggiore di analfabetismo.

Uno degli ostacoli principali, che impedisce l'affluenza scolastica, è rappresentato dalla mancanza di edifici dove svolgere le lezioni. Sono poche le strutture in muratura e spesso gli insegnanti radunano i loro alunni sotto gli alberi, con dei sassi o dei tronchi d'albero come sedie.

Per questo, il Movimento "Il Paese dell'Arcobaleno" promuove ogni anno nel periodo di Natale l'iniziativa di solidarietà "Il Rigiocattolo": si tratta di una vendita di giocattoli usati, il cui ricavato va in gran parte per la costruzione di una scuola nella città di Quelimane, in Mozambico.

I pochi edifici scolastici esistenti in Africa sono spesso sovraffollati. I genitori che vogliono garantire ai loro figli un'istruzione adeguata e di buon livello devono, così, rivolgersi alle scuola private: solo qui i ragazzi sono seguiti da insegnanti ben preparati, le lezioni hanno luogo tutti i giorni; ma i costi sono molto alti. In questi istituti, infatti, l'istruzione non è gratuita, ma bisogna pagare una retta costosa; i genitori devono provvedere a comprare tutto il materiale scolastico, i libri e le divise obbligatorie.

La maggioranza delle famiglie africane non può affrontare tali spese, e così, i bambini restano a casa, oppure aiutano i genitori nelle faccende domestiche.

Nella zona a sud del Sahara solo il 60% dei ragazzi frequenta la scuola primaria, e di questi, il 51% è rappresentato dalle bambine. Sono percentuali molto basse, se le paragoniamo ai dati dell'Italia (98%).

Un altro grande impedimento allo sviluppo di un sistema scolastico in Africa è rappresentato dalla guerra. L'Africa è la casa di circa la metà dei 25 milioni di rifugiati e profughi del mondo: la maggior parte di questi sono donne e bambini, e proprio le donne e i bambini sono la stragrande maggioranza delle vittime delle guerre (circa il 90%). Le guerre hanno causato moltissimi morti: si calcola che hanno ucciso più di due milioni di bambini in tutto il mondo negli ultimi 10 anni, e ne hanno lasciati altri milioni senza casa, cibo e medicine.

Anche in Africa la condizione delle bambine è peggiore di quella dei loro coetanei di sesso maschile. All'inizio degli anni '90, nelle zone rurali dell'Alto Egitto, più di mezzo milione di bambine fra i 6 e i 10 anni non frequentavano la scuola. In Burkina Faso soltanto il 9% delle ragazze sopra i 15 anni avevano ricevuto un'istruzione; negli anni la situazione è leggermente migliorata, e ora il 24% delle bambine in età scolare frequenta le lezioni.

I più Giovani

I documenti


NEWS CORRELATE
17 Marzo 2017
LIVORNO, ITALIA

Storia e futuro nel Mediterraneo: a Livorno il convegno internazionale Medì


oggi la sessione inaugurale. Il programma
3 Marzo 2017
ADJUMANI, UGANDA

I bambini della School of Peace nel campo profughi di Nyumanzi studiano tutti i giorni e ne sono orgogliosi


Mons. Vincenzo Paglia in visita ai piccoli rifugiati in Uganda: ''Il regno dei cieli è come questa scuola, perché Gesù vuole sempre la pace e mai la guerra''.
IT | ES | DE | NL
11 Febbraio 2017
COMUNICATO STAMPA

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''


Il presidente di Sant'Egidio: ''Garantire i diritti dei profughi, reintrodurre vie di ingresso regolare anche per motivi di lavoro e approvare subito la riforma della cittadinanza''
4 Gennaio 2017

Ultimi giorni della grande vendita di beneficenza alla città ecosolidale di Roma


Fino al 6 gennaio a Via del Porto Fluviale, 2. Un'occasione da non perdere per uno shopping che aiuta l'Africa
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini


Le Scuole della Pace, il programma "Bravo!", i centri nutrizionali, il programma DREAM... come la Comunità protegge i diritti dei più piccoli. E alcune storie
IT | ES | DE | PT | HU
16 Novembre 2016
ADJUMANI, UGANDA

Un nuovo anno ricco di novità per i bambini profughi della School of Peace di Nyumanzi


Nuove classi, sostegno nutrizionale e tanti progetti per la scuola elementare realizzata da Sant'Egidio nel campo profughi vicino a Adjumani in Nord Uganda
IT | EN | ES | DE | PT | ID
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Febbraio 2017
Corriere.it
Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
7 Febbraio 2017
Avvenire
Integrazione. Cittadinanza, le seconde generazioni: legge subito
6 Febbraio 2017
AdnKronos
Migranti: Santerini e Chaouki a Grasso, Senato approvi legge cittadinanza
24 Gennaio 2017
Huffington Post
Dopo diciotto anni e nove tentativi Cristina è riuscita finalmente a diventare italiana
tutta la rassegna stampa correlata