Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - il paese...cobaleno - il paese...ocumenti - io ho un...r inform - africa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Africa


 
versione stampabile

"Io ho un sogno… andare a scuola"
MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE 
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO
dossier informativo

AFRICA

Senza un'educazione adeguata non è possibile lavorare in maniera produttiva, avere cura della propria salute, mantenere in forze se stessi e sostenere la propria famiglia. L'educazione aiuta anche a vivere in maniera pacifica e tollerante.

In Africa la scuola presenta molti problemi. Sono stati fatti molti passi avanti, ma rimane il fatto che la regione dell'Africa a sud del Sahara è , insieme all'Asia Meridionale, quella con il tasso maggiore di analfabetismo.

Uno degli ostacoli principali, che impedisce l'affluenza scolastica, è rappresentato dalla mancanza di edifici dove svolgere le lezioni. Sono poche le strutture in muratura e spesso gli insegnanti radunano i loro alunni sotto gli alberi, con dei sassi o dei tronchi d'albero come sedie.

Per questo, il Movimento "Il Paese dell'Arcobaleno" promuove ogni anno nel periodo di Natale l'iniziativa di solidarietà "Il Rigiocattolo": si tratta di una vendita di giocattoli usati, il cui ricavato va in gran parte per la costruzione di una scuola nella città di Quelimane, in Mozambico.

I pochi edifici scolastici esistenti in Africa sono spesso sovraffollati. I genitori che vogliono garantire ai loro figli un'istruzione adeguata e di buon livello devono, così, rivolgersi alle scuola private: solo qui i ragazzi sono seguiti da insegnanti ben preparati, le lezioni hanno luogo tutti i giorni; ma i costi sono molto alti. In questi istituti, infatti, l'istruzione non è gratuita, ma bisogna pagare una retta costosa; i genitori devono provvedere a comprare tutto il materiale scolastico, i libri e le divise obbligatorie.

La maggioranza delle famiglie africane non può affrontare tali spese, e così, i bambini restano a casa, oppure aiutano i genitori nelle faccende domestiche.

Nella zona a sud del Sahara solo il 60% dei ragazzi frequenta la scuola primaria, e di questi, il 51% è rappresentato dalle bambine. Sono percentuali molto basse, se le paragoniamo ai dati dell'Italia (98%).

Un altro grande impedimento allo sviluppo di un sistema scolastico in Africa è rappresentato dalla guerra. L'Africa è la casa di circa la metà dei 25 milioni di rifugiati e profughi del mondo: la maggior parte di questi sono donne e bambini, e proprio le donne e i bambini sono la stragrande maggioranza delle vittime delle guerre (circa il 90%). Le guerre hanno causato moltissimi morti: si calcola che hanno ucciso più di due milioni di bambini in tutto il mondo negli ultimi 10 anni, e ne hanno lasciati altri milioni senza casa, cibo e medicine.

Anche in Africa la condizione delle bambine è peggiore di quella dei loro coetanei di sesso maschile. All'inizio degli anni '90, nelle zone rurali dell'Alto Egitto, più di mezzo milione di bambine fra i 6 e i 10 anni non frequentavano la scuola. In Burkina Faso soltanto il 9% delle ragazze sopra i 15 anni avevano ricevuto un'istruzione; negli anni la situazione è leggermente migliorata, e ora il 24% delle bambine in età scolare frequenta le lezioni.

I più Giovani

I documenti


NEWS CORRELATE
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini


Le Scuole della Pace, il programma "Bravo!", i centri nutrizionali, il programma DREAM... come la Comunità protegge i diritti dei più piccoli. E alcune storie
IT | ES | DE | PT | HU
16 Novembre 2016
ADJUMANI, UGANDA

Un nuovo anno ricco di novità per i bambini profughi della School of Peace di Nyumanzi


Nuove classi, sostegno nutrizionale e tanti progetti per la scuola elementare realizzata da Sant'Egidio nel campo profughi vicino a Adjumani in Nord Uganda
IT | EN | ES | DE | PT | ID
9 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco dove a Roma l'ecologia incontra la solidarietà: la Città Ecosolidale e il mercato vintage di Sant'Egidio

9 Ottobre 2016
BERLINO, GERMANIA

No More Walls - 10 anni di Scuola della Pace a Berlino


Festa nel quartiere di Neukölln per una cultura del vivere insieme
IT | ES | DE | FR
5 Ottobre 2016

5 ottobre, World Teacher's day: Tutti a scuola... della pace!


E grazie a tutti coloro che fanno scuola, gratuitamente e volentieri, ai bambini di ogni parte del mondo. Il video della Scuola della Pace di Antwerpen
IT | EN | ES | DE | PT | RU | ID | HU
5 Ottobre 2016
MOHALES HOEK, LESOTO

Si cresce alla Scuola della Pace anche in Lesotho, il piccolo paese nel sud dell'Africa


Nel Paese africano con un'altissima incidenza di AIDS, molti bambini sono orfani di entrambi i genitori. Con loro Sant'Egidio ha recentemente celebrato il Giubileo della Misericordia
IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Ottobre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera
Andrea Riccardi. Il paradosso della Chiesa di Francia
5 Ottobre 2016
Avvenire
Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi
9 Settembre 2016
La Nazione
«Soltanto la cultura ci salverà»: la speranza di Andrea Riccardi
9 Settembre 2016
Popoli e Missione
William Quijano: Nel paese degli scontri un giovane coltiva l’arte dell’incontro
22 Agosto 2016
La Stampa
Andrea Riccardi: "Pagare per la cittadinanza europea questa è la peggior globalizzazione"
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri