change language
vous êtes dans: home - revue de presse contactsnewsletterlink

Soutenez la Communauté

  
3 Septembre 2013

L'intervista: Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio

«Papa Francesco così ha spiazzato tutte le diplomazie»

 
version imprimable

Stanno lavorando a un appello ai capi di Stato e di governo che si riuniranno a San Pietroburgo, in Russia, giovedì, e intanto avvisano che la loro diplomazia «corsara», che ha già avuto successo in diverse crisi dopo la mediazione per la pace in Mozambico agli inizi degli Anni Novanta, adesso è pronta a tessere il dialogo per una soluzione del conflitto siriano. Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio, rivela che all'inizio della crisi la Comunità aveva tentato di mediare per incoraggiare chi in Siria voleva la pace e una soluzione politica che traghettasse il Paese verso maggiore libertà e democrazia: «Ma poi il fragore delle armi e il disinteresse della comunità internazionale ha fatto crollare ogni ipotesi di tavolo negoziale».

Presidente, ma oggi qual è la novità? «La giornata di preghiera e di digiuno promossa da Papa Francesco apre una breccia e inchioda la comunità internazionale alle proprie responsabilità. Il Papa in sostanza dice basta ai riti dell'impotenza diplomatica a cui assistiamo da mesi. È un gesto concreto, il primo che fa un leader mondiale. È una mano tesa per uscire dall'impasse».

È anche una critica a Obama, che scaldai motori dei jet? «Intanto c'è una fortissima condanna  dell'uso delle armi chimiche. Sicuramente poi si può leggere un invito agli Stati Uniti a non scartare le vie diplomatiche. Barack Obama ha grande considerazione della figura di Papa Francesco e del ruolo della Chiesa. Il capo del suo staff, Denis McDonough, è cattolico, fratello di un sacerdote che lavora in Minnesota, e da ciò che sappiamo è stato lui l'artefice della decisione di Obama di fermare per ora i cacciabombardieri».

La Santa Sede ieri ha parlato esplicitamente di rischio di conflitto mondiale... «Sarebbe lo scenario peggiore. Finora i conflitti in Medio Oriente hanno mantenuto un profilo militare regionale con implicazioni politiche mondiali. Ma da quelle partì tutto è molto delicato e il rischio dell'escalation del terrorismo è sempre dietro la porta. In più c'è il pericolo del coinvolgimento del Libano, dove gli attentati contrapposti stanno rendendo rischiosa la situazione, riproponendo lo  scontro tra sciiti e sunniti. Il Papa è molto preoccupato, ma fino a oggi sembra che sia l'unico a esserlo».

Lo ha dimostrato con il tweet in cui ha riproposto l'appello di Paolo VI all'Onu? «E stato il segnale più importante dei forti timori della Santa Sede. Quell'appello, mai più la  guerra, impressionò il mondo e Papa Francesco spera che oggi abbia lo stesso effetto». Sabato sarà una giornata di preghiera e digiuno.

Ci si può aspettare, secondo lei, anche un'azione diplomatica più diretta della Santa Sede? «Vedremo. Il Papa ha appena nominato il nuovo Segretario di Stato, monsignor Piero Parolin, che è un finissimo diplomatico. Ma già l'annuncio della giornata di sabato sta costringendo le diplomazie a fare i conti con la propria impotenza di questi mesi».

Il Gran Muftl di Damasco ha detto che vorrebbe partecipare alla preghiera in piazza San Pietro. Si tratta di una presenza opportuna o imbarazzante? «È un uomo del regime assai vicino al presidente Bashar al Assad. Io credo tuttavia che la sua presenza possa essere opportuna. Potrebbe servire per aprire una linea di dialogo importante. La Santa Sede non ha mai scelto gli interlocutori sulla base di convenienza politica. Papa Wojtyla mandò in Iraq il cardinale Etchegaray a parlare direttamente con Saddam».

I musulmani come hanno preso l'annuncio della giornata di sabato? «Da quello che abbiamo saputo da molti interlocutori musulmani in contatto con la Comunità di Sant'Egidio, la scelta del Papa è stata apprezzata. Sono stati molto colpiti dal fatto che Bergoglio abbia annunciato preghiera e digiuno. Il digiuno è un  spetto fondamentale della fede musulmana, che abbraccia tutte le diverse espressioni dell'islam, ed è il segno che il Papa considera importante la partecipazione dei musulmani alla preghiera per la pace in Siria e nell'intero Medio Oriente».

Insomma ritorna lo «Spirito di Assisi» di Karol Wojtyla? «Io credo che quello che chiamiamo lo "Spirito di Assisi" faccia ormai parte della tradizione della Chiesa. È cresciuto con Giovanni Paolo II, è stato rafforzato daBenedetto XVI e oggiviene riproposto come un fatto del tutto normale da Papa Francesco. Di fronte alla guerra e alla violenza servono parole e gesti, serve l'invettiva di Paolo VI e il dialogo e l'abbraccio di Assisi. Gli uomini di religione possono far molto per favorire l'apertura di tavoli, anche di trattative diplomatiche. La comunità internazionale non può far finta di niente e lavarsene le mani un'altra volta».


 LIRE AUSSI
• NOUVELLES
2 Novembre 2016
ROME, ITALIE

Signature de l’accord d’amitié entre Sant’Egidio et Rissho Kosei-kai : dialogue et passion pour les défis de notre temps

IT | ES | DE | FR | PT | RU
12 Mars 2016

Trois ans avec pape François, pour construire des ponts et non des murs. Le don d’un nouvel élan missionnaire

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
5 Décembre 2017

Ne fermons pas notre cœur, ne regardons pas ailleurs. La présence de Dieu, aujourd’hui, s’appelle aussi Rohingyas.

IT | EN | DE | FR | PT
23 Août 2017

Notre réponse commune face aux conditions de vie des migrants : « Accueillir, protéger, promouvoir et intégrer »

IT | ES | DE | FR | PT
27 Octobre 2016

Trente ans après la prière pour la paix d’Assise : l’implication des religions nécessaire pour endiguer les guerres et la terreur

IT | ES | DE | FR
20 Novembre 2017

Souvent nous sommes dans l’idée de n’avoir rien fait de mal et nous nous en contentons.

IT | ES | DE | FR | PT | ID
toutes les nouvelles
• IMPRIMER
15 Septembre 2016
Iglesia en directo

Asís: el diálogo interreligioso por la paz, 30 años después

23 Avril 2017
Radio Vaticana

Papa a San Bartolomeo. Mons. Paglia: testimoni della fede per vincere il male

21 Septembre 2016
Vida Nueva

Papa Francisco en Asís: “Solo la paz es santa, y no la guerra”

19 Octobre 2017
La Croix

Migrants: « le pape François appelle les politiques à sortir du cynisme ». Entretien avec Marco Impagliazzo

28 Octobre 2017
Corriere della Sera

Ponti aerei umanitari. Sant'Egidio accoglie il millesimo profugo

27 Octobre 2017
Il Sole 24 ore

Corridoi umanitari, altri 120 profughi siriani a Fiumicino

tous les communiqués de presse
• NON LA PEINE DE MORT
10 Octobre 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Octobre 2015
ÉTATS-UNIS

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Octobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 Septembre 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 Mars 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

12 Mars 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

9 Mars 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

9 Mars 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Mars 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

28 Février 2015
ÉTATS-UNIS

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Février 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Décembre 2014
MADAGASCAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

aller à pas de peine de mort
• DOCUMENTS

Intervention de Marco Impagliazzo au Conseil de Sécurité des Nations Unies sur la situation en République Centrafricaine

tous les documents

PHOTOS

104 visites
tous les médias associés