change language
vous êtes dans: home - revue de presse contactsnewsletterlink

Soutenez la Communauté

  
18 Mai 2012

Il G-8 investa in Africa sui piccoli agricoltori

di Andrea Riccardi e Kanayo F. Nwanze

 
version imprimable

La fame dilaga nel Sahel e nel Corno d'Africa, mentre altre zone del continente africano sono alle prese con guerre e conflitti civili Altrove, dalla Bolivia al Pakistan, milioni di persone soffrono per la malnutrizione. È in tale contesto che i leader del G-8 si incontreranno oggi a Camp David.
 
Il nostro auspicio è che questa occasione sia anche un'opportunità per rivolgere l'attenzione alla crisi alimentare mondiale, ben più profonda e ampia della crisi economica e della crisi finanziaria che occupano le prime pagine dei giornali Combattere contro la fame e la povertà è anche un modo per arginare le guerre e i conflitti, nonché per contrastare la malnutrizione e la diffusione dell'Aids.
 
Investire nell'agricoltura dei Paesi invia di sviluppo è il solo metodo efficaceper migliorare la sicurezza alimentare e i popoli più poveri e stimolare al contempo la crescita economica. La crescita generata dall'agricoltura riduce la povertà almeno il doppio rispetto alla crescita di altri settori Ogni dollaro speso nella ricerca agricola ne produce nove in
termini di produzione aggiuntiva di cibo nei paesi in via di sviluppo. Oltre il 95% delle aziende agricole nei Paesi in via di sviluppo si estende su meno di io ettari e nell'Africa sub-Sahariana circa l'8o per cento dei terreni appartiene o viene coltivato da piccoli agricoltori L'esperienza neiPaesiinvia di sviluppo ha dimostrato che, in Burkina Faso, Cina, Etiopia, India, Thailandia, Vietnam e così via, ipiccoliproprietari terrieripossono promuovere la crescita agricola.
 
Sono circa 500 milioni le piccole aziende agricole che, nel mondo in via di sviluppo, contribuiscono al sostentamento di quasi 2 miliardi di persone. Sono i maggiori produttori di beni alimentari nei Paesi in via di sviluppo. Ma ancora oggi, la maggiorparte diloro sono poveri e affamati.
 
Per consentire a queste piccole aziende di prosperare, i piccoli agricoltori necessitano di accesso ai mercati, alla ecnologia e all'informazione. Necessitano di procedure per gestire i rischi intrinseci della coltivazione, soprattutto in un momento di volatilità dei prezzi Necessitano di investimenti nazionali aree rurali, sostenibili da un punto di vista economico, ambientale e sociale. Tutto ciò richiede un miglioramento sostanziale delle infrastrutture e dei servizi di base, l'accesso alle risorse idriche e unamigliore governance. Necessitano, inoltre, diun quadro giuridico chiaro che permetta la tutela dei diritti della persona e di quelli fondiariper la terra che coltivano. Hanno, infine, bisogno di sostegno per la creazione di organizzazionie cooperative agricoleper ottenere piùpotere contrattuale.
 
Quando i piccoli agricoltori hanno accesso aimercati, sono anche in grado divendere alimenti di migliore qualità e in maggiore quantità a prezzi più elevati, godendo così di un'alimentazione variata, emigliorandola sicurezza alimentare e nutrizionale della loro famiglia. Grazie all'incremento del loro reddito, possono acquistare i medicinali di base, mandare ifigli a scuola e migliorare la qualità della loro vita. La parità fra i sessi è parimenti importante: sappiamo che le pari opportunità nell'accesso delle donne alle risorse e agli strumenti agricoli sono uno dei più potenti mezzi per ridurre la fame e la povertà.
 
Confidiamo che il G-8 di quest'anno avrà come esito un sostegno tangibile, con investimenti responsabili ed efficaci, a favore deipiccoli agricoltori dell'Africa sub-Sahariana. La carestia e la malnutrizione nel Sahel ci dicono che nonpossiamo più aspettare. Dobbiamo agire con risolutezza. E nostra responsabilità investire oggi per il bene delle generazioni future.

di Andrea Riccardi e Kanayo F. Nwanze


Andrea Riccardi è Ministro per la Cooperazione internazionale e l'Integrazione dell'Italia;

Kanayo F. Nwanze è presidente del Fondo Internazionale per Io Sviluppo Agricolo (IFAD)


 LIRE AUSSI
• NOUVELLES
26 Mai 2016

L’urgence au Burundi n’est pas terminée ; Sant’Egidio poursuit son programme d’aides alimentaires

IT | DE | FR | PT
13 Juillet 2009

« LIBERER LES PRISONNIERS EN AFRIQUE » Une campagne de solidarité avec les détenus africains organisée dans les prisons italiennes

IT | ES | DE | FR | PT
20 Janvier 2014
ROME, ITALIE

Cacilda Massango, activiste DREAM : la voix d’une femme africaine pour les droits de tous

IT | EN | ES | FR | PT | CA
29 Novembre 2017

Une nouvelle mission de Sant'Egidio en partance pour les camps de Rohingya au Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
17 Juillet 2015
BERLIN, ALLEMAGNE

No more walls : les jeunes Européens à Berlin pour une Europe sans murs

IT | EN | ES | DE | FR | PT
16 Juillet 2015
MAPUTO, MOZAMBIQUE

Le président de Sant’Egidio inaugure à Maputo le programme DREAM 2.0 pour une approche globale de la santé en Afrique

IT | EN | DE | FR | PT
toutes les nouvelles
• IMPRIMER
1 Juillet 2016
Vatican Insider

Impagliazzo: “Il sogno di un’Europa dei padri e dei figli che promuova la società del vivere insieme e la pace”

3 Avril 2014
Famiglia Cristiana

Africa: La lezione del Ruanda a 20 anni dall'eccidio

30 Décembre 2017
Notizie Italia News

La politica estera italiana nell'ultima legislatura. Un breve bilancio

7 Décembre 2017
Famiglia Cristiana

E ora l'Europa si accorge dell'Africa

27 Mai 2016
Famiglia Cristiana

L'Africa è cambiata ma anche l'Europa

18 Mai 2016
Vita

Italia e Africa si corteggiano

tous les communiqués de presse
• DOCUMENTS

''Entente de Sant'Egidio'': Accord politique pour la paix en Republique Centrafricaine

Hilde Kieboom: "L’amitié comme façon d’être église"

tous les documents

PHOTOS

1498 visites

1503 visites

1530 visites

1469 visites

1518 visites
tous les médias associés