Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - homeless - "napoli ...razzismo contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

"Napoli città per tutti, Napoli città per il mondo": una marcia per dire no al razzismo


 
versione stampabile

"Napoli città per tutti, Napoli città per il mondo": una marcia per dire no al razzismo
16 maggio 2010

Domenica 16 maggio, a Napoli, più di 10.000 persone, tra cui tantissimi bambini hanno sfidato il maltempo, marciando ordinatamente da piazza del Gesù a piazza  Dante, per partecipare alla manifestazione “Napoli città per tutti, Napoli città per il mondo” organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio con la collaborazione di: Movimento dei Focolari, Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, Coordinamento Campano familiari Vittime Innocenti di criminalità, CGIL, CISL, UIL, UGL.

 

Un messaggio viene da questa marcia: Napoli non è solo una città piena di problemi. È un avamposto dell’Europa in un Mediterraneo la cui situazione è diventata sempre più critica, ma che vuole riappropriarsi di una tradizione di accoglienza e di solidarietà.

Le voci dei più giovani, che hanno guidato la marcia, hanno raccontato i sogni e le attese dei bambini di Napoli rivelando uno sguardo ingenuo ma nello stesso tempo attento, che sa cogliere i problemi della loro città e che non è rassegnato sul futuro di Napoli.

Messaggio di S.E. il Cardinale Crescenzio Sepe

Care sorelle e cari fratelli, partecipanti alla manifestazione “Napoli città per tutti – Napoli città per il mondo”, con affetto vi saluto e vi incoraggio nel vostro impegno per edificare una città in cui ci sia posto per tutti, anche e soprattutto per i più deboli e i più poveri. In questo modo, Napoli ritrova anche la sua missione nel Mediterraneo e nel mondo: essere città non chiusa o ripiegata su se stessa, ma città di incontri, di scambi culturali e umani, dove si vive l’accoglienza e la solidarietà, verso i vicini e i lontani. E verso quei lontani che si fanno vicini, come gli immigrati.

In questi anni abbiamo visto immagini che non avremmo mai voluto vedere o assistito a tragedie maturate nella miseria. L’ultima è stata il crollo dello stabile di Granturco in cui hanno perso la vita due immigrati polacchi, che vi avevano trovato rifugio. Ma altre – purtroppo – se ne potrebbero ricordare. Mi riferisco a episodi di esplicito razzismo, a piccoli e grandi gesti di discriminazione, rifiuto, violenza. Di essi sono vittime spesso i più deboli che vivono in questa città, immigrati, rom, ma anche anziani, disabili, senza fissa dimora. Questi fatti ci addolorano perché coloro che tra di noi sono in maggiori difficoltà dovrebbero essere circondati di maggiori attenzioni, di solidarietà, di cura speciale. Per loro dovrebbero essere anche predisposti servizi specifici.

Questi fatti, per un motivo o per l’altro, sono ferite nell’anima della nostra città. Infatti, se non si riconosce più il bambino, la donna, il povero, insomma il debole, questo vuol dire che si è perduta l’umanità. Ecco il dramma: questi fatti - primo fra tutti l’episodio avvenuto a Ponticelli due anni fa, quando un gruppo di rom fu cacciato con la violenza dal quartiere, e che è l’occasione di questo vostro ritrovarvi – questi fatti ci fanno temere che Napoli perda la sua anima! Napoli rischia di perdere quella caratteristica che l’ha sempre distinta tra le città del mondo, la sua umanità generosa, aperta, solidale, direi comunitaria. Dov’è, Napoli, la tua anima antica e più che mai necessaria in un mondo che fa fatica ad accettare e a vivere le differenze?

All’appuntamento di oggi, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, dal Movimento dei Focolari, dalla Consulta Diocesana per i Laici, dalla Cgil, Cisl, Uil, Ugl, e dal Coordinamento campano vittime innocenti di criminalità, hanno aderito molte parrocchie, congregazioni religiose, movimenti ecclesiali, associazioni attive in campo sociale, insomma le realtà della nostra città impegnate a far crescere la carità e la solidarietà a Napoli e - come ho detto più volte - a far sì che la speranza non muoia. Insieme stiamo percorrendo questa via, da me indicata all’inizio del mio ministero in questa città tanto amata. Anche grazie alla visita di Sua Santità Benedetto XVI e alla grande preghiera delle religioni per la pace dell’ottobre del 2007, questa prospettiva si è allargata all’attenzione per il mondo e per la collocazione della nostra città nel mondo.  

Miei cari fratelli, liberiamo i cuori dal pregiudizio e dal disprezzo! Napoli deve essere una città per tutti. Ci vuole, certo, determinazione, generosità, tempo, dunque pazienza, molta pazienza, per la costruzione di una convivenza che richiede, comunque, anche accettazione e rispetto delle regole. Tutti si debbono impegnare in questo. Tutti debbono fare la loro parte. Il rapporto che Napoli saprà costruire con le piccole minoranze di sfortunati sarà rivelatore della qualità della nostra convivenza. Napoli ritrovi il suo cuore antico! Riconosca la sua vocazione per il futuro, scritta nella sua storia e nel Vangelo di Gesù Cristo annunciato dalla Chiesa fin dai tempi della prima generazione cristiana.

Archivio Video

Galleria di Immagini

Guarda lo spot:
Napoli, città per tutti, città per il mondo, è la mia città


NEWS CORRELATE
25 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Presentazione del libro "Rifugi e ritorni" di Filippo Grandi. IL VIDEO

22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza


Anche Sant'Egidio alla manifestazione antirazzista per l'integrazione: ''Più la città diventa una comunità, più è sicura''
IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio


Le iniziative di Sant'Egidio ad Anversa
IT | ES | FR | CA
15 Maggio 2017
GENOVA, ITALIA

Dolci della tradizione, le ricette che fanno bene alla salute. IL VIDEO

13 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Per una città senza violenza: in memoria delle tre sorelle rom morte nel rogo di Centocelle


Photogallery, Video
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

''Un futuro migliore per i bambini e le bambine rom che vivono nella nostra città''. Le parole di Marco Impagliazzo


alla preghiera in ricordo delle sorelline uccise nel rogo di Centocelle
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
19 Maggio 2017
Corriere della Sera On Line
Rom, con una casa un futuro diverso è possibile
18 Maggio 2017
Famiglia Cristiana
Bruciate vive? Erano rom.
12 Maggio 2017
La Repubblica - Ed. Roma
Rom uccise, dolore e polemiche
12 Maggio 2017
Roma sette
Rogo di Centocelle: Roma prega per le sorelle arse vive
12 Maggio 2017
Radio Vaticana
Rogo a Centocelle. Promosse manifestazioni di solidarietà
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1171 visite

1255 visite

1225 visite

1196 visite
tutta i media correlati