Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più anziani - in malaw... anziani contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

In Malawi, dopo il Convegno internazionale "Ageing in Africa": gli sviluppi della presenza della Comunità a fianco degli anziani


 
versione stampabile

In Malawi, dopo il Convegno internazionale "Ageing in Africa", gli sviluppi della presenza della Comunità a fianco degli anziani
20 settembre 2010

Dopo il I ° Convegno internazionale promosso dalla Comunità di Sant’Egidio “Ageing in Africa : Sensitizing the Nations”, tenutosi a Lilongwe i primi di giugno, l'impegno a fianco degli anziani in Malawi, ha conosciuto un importante sviluppo. Sono state intraprese diverse iniziative sia a livello culturale, che nel campo dell'intervento diretto per migliorare la vita degli anziani e favorire l'integrazione tra le generazioni.

Una delle sfide da affrontare è quella di promuovere una nuova cultura di rispetto e solidarietà verso chi è anziano. In vasti settori della società malawiana è ancora forte infatti, il pregiudizio per cui si ritiene che chi è avanti negli anni eserciti la stregoneria, e viva a lungo "rubando" la vita ai più giovani. Una credenza rafforzata dall'alta mortalità dei giovani adulti, causata dalla diffusione dell'AIDS.  Nel  Paese infatti la percentuale dei sieropositivi è attorno al 14% e si calcola che almeno un milione di bambini e ragazzi siano "orfani dell'AIDS". Allo stesso tempo, l'aspettativa di vita, ancora molto bassa secondo gli standard europei (46 anni), si va allungando e il numero degli anziani cresce. Un fenomeno nuovo a cui il Paese non è culturalmente preparato. 

Il pregiudizio nei confronti di chi è più anziano si traduce in atteggiamenti violenti (si ha notizia non solo di discriminazioni ed emarginazione, ma anche di frequenti episodi di violenza fisica, fino ad uccisioni). Per contrastarlo, la Comunità sta svolgendo un'intensa azione educativa nei confronti di bambini e adolescenti, attraverso le Scuole della Pace e le attività del Paese dell’Arcobaleno.

 

Il 12 settembre scorso, a Blantyre, un'importante città del sud del paese, si è svolta una manifestazione dal titolo “Years don’t separate us: young and elderly together”  ("Gli anni non ci separano: giovani e anziani insieme") nel quartiere del Soche, a cui hanno preso parte circa 150 persone di diverse generazioni.
Di fronte ad un pubblico prevalentemente molto giovane, si sono succeduti gli interventi e le testimonianze di  persone molto avanti in età, come Mr Zunga, di 83 anni,  ascoltato con attenzione e, ancor più, con entusiasmo, dai presenti.

 

Gli anziani rappresentano la fascia più debole e più povera della società malawiana, dove manca completamente un sistema pensionistico. Chi da giovane viveva grazie al lavoro nei campi o a piccoli commerci, oggi si trova ad affrontare grandi difficoltà economiche. Molti non sono in grado di nutrirsi a sufficienza. Per questo la Comunità organizza con regolarità dei pranzi per loro: una risposta alla fame, ma anche alla solitudine. Recentemente a  Mzuzu, una città del nord, la comunità ha raccolto un centinaio di anziani poverissimi, che visita regolarmente, per un grande pranzo.

Un altro problema molto serio è la casa. Sono sempre di più gli anziani che non riescono a pagare l’affitto, soprattutto nelle città più grandi, e si trovano costretti a vivere per la strada e a chiedere l’elemosina al mercato. Proprio al mercato di Blantyre è iniziata l’amicizia con tanti di loro. Una storia esemplare è quella di Gogo Nachuma, di 78 anni, scappata dal Mozambico insieme alla figlia e a 14 nipoti durante la guerra e venuta in Malawi in cerca di pace per la sua famiglia. Dopo la morte della figlia, Gogo per molti anni si è presa cura dei bambini. Ma oggi è molto vecchia, e anche la sua casa era ormai diroccata. Sono stati i giovani della Comunità che - con le loro mani - l'hanno ricostruita.

NEWS CORRELATE
18 Gennaio 2017
ITALIA

Dopo il terremoto di Amatrice, Sant'Egidio aiuta gli anziani a non abbandonare la loro terra


Avviato nel Comune colpito dal sisma il programma Viva gli Anziani
20 Dicembre 2016
ITALIA

Terremoto: Sant'Egidio e Comune di Amatrice firmano un protocollo per sostenere gli anziani


''Favorire la permanenza nel contesto abituale di vita: la rinascita della città dopo il terremoto passa anche attraverso la sua memoria storica''
IT | FR | PT
14 Dicembre 2016

Un'icona tattile per gli anziani ciechi: dal nostro blog ''Amici dei poveri''


Sono passati alcuni mesi da quando C. disse: "Grazie per la bella descrizione di questa icona, ma la posso vedere? Posso toccarla?". E' cominciato così ...
13 Dicembre 2016
BLANTYRE, MALAWI

Il viaggio della speranza di quattro ragazzi del Malawi dura 15 ore e finisce a ... Sant'Egidio

IT | ES | DE | PT
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione


Marco Impagliazzo consegna il premio alle opere più votate dalle centinaia di persone che in questi giorni hanno visitato l'esposizione
9 Dicembre 2016
OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia


Sabato 10 dicembre la premiazione delle opere più votate all'EX[de]PO’.
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
21 Dicembre 2016
Radio Vaticana
Sisma: anziani, protocollo tra Sant'Egidio e Comune di Amatrice
20 Dicembre 2016
SIR
Terremoto: Comunità Sant’Egidio, firmato protocollo a sostegno anziani
5 Dicembre 2016
Corriere della Sera
La chiave sotto una campana di vetro. Misteriose opere di artisti disabili
6 Novembre 2016
Würzburger katholisches Sonntagsblatt
Von Gott berührt
31 Ottobre 2016
La Nazione
Giubileo degli anziani e festa di Sant'Abramo in Santissima Annunziata a Firenze
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

278 visite

251 visite

348 visite

356 visite

359 visite
tutta i media correlati