Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - scuola d...italiana - a roma, ... diplomi contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

A Roma, cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi


 
versione stampabile

La lingua come base dell'integrazione e del diritto alla cittadinanza

A Roma, all'Auditorium Antonianum, domenica 13 novembre:  Cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi.

Un significativo passo avanti per l'integrazione e il diritto alla cittadinanza è stato compiuto ieri, con la consegna dei diplomi di lingua a 1335 immigrati, provenienti da 90 paesi del mondo, studenti della Scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant'Egidio a Roma.

Tra questi, 291 certificazioni CELI (Certificazione della Lingua Italiana) sulla base della Convenzione della Scuola con l'Università per Stranieri di Perugia.

Nel corso della cerimonia, dopo il saluto del decano della Scuola, Claudio Cottatellucci, alcuni studenti della scuola hanno portato la loro testimonianza di come, a partire dall'incontro con la Scuola, siano stati coinvolti nel movimento Genti di Pace, e quindi in un impegno concreto per il dialogo, l'incontro con gli altri e la cultura della convivenza.

Le testimonianze hanno evidenziato come, grazie alla Scuola, pur partendo da mondi religiosi, culturali e sociali tanto diversi, si sia creato tra gli studenti un linguaggio ed un sentire comune, che li vede impegnati su temi come la solidarietà, l'attenzione agli anziani, i problemi di chi è senza casa.

Così Anoir, del Marocco, ma anche Zhenny, delle Filippine,  Constantin Serpeanu della Romania, e Patricia Vilca del Perù, hanno espresso, a nome di tutti, le aspettative, i problemi, le gioie e le difficoltà degli immigrati, la gratitudine di aver trovato una scuola di qualità dove “gli insegnanti lavorano gratis e sono anche degli amici che si preoccupano della nostra vita!”. Ma anche le loro esperienze nell'incontro con la povertà, ma anche i loro sogni, e il cambiamento del loro cuore a partire dall'incontro con i poveri che vivono per strada. Parole che hanno espresso molto bene quanto la Scuola di lingua e di cultura della Comunità di Sant'Egidio non sia solo la risposta - pur necessaria - ad un bisogno di istruzione e di integrazione, ma contribuisca a fare di questi giovani i veri italiani di domani, persone capaci di contribuire alla costruzione di un tessuto sociale umano, giusto e solidale, cittadini quindi che potranno dare un contributo sostanziale allo sviluppo della società italiana.

Questo è risultato evidente nelle parole rivolte agli studenti e agli insegnanti da Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio. Partendo dalla constatazione della crisi di visioni del futuro, egli ha sottolineato sia la cultura dell'amicizia, e quanto l'essere insieme per studiare aiuti ciascuno a capire dove andare, dove dirigere la propria vita, sia l'importanza di contribuire alla "civiltà del convivere", ovvero alla costruzione di una casa comune a cui ognuno è chiamato ad offrire "il proprio mattone". "Non ci caratterizza solo la nostra origine – ha detto Impagliazzo – ma anche chi siamo oggi nella realtà in cui viviamo e che persone vorremmo essere domani”. Parole accolte con commozione oltre che con gioia dai presenti.

Il presidente ha consegnato poi i diplomi per i diversi livelli e corsi.
La festa si è conclusa con uno spettacolo in cui i canti e i balli di varie parti del mondo hanno mostrato la bellezza di questo "vivere insieme".  

ALCUNI DATI

 


NEWS CORRELATE
11 Febbraio 2017
COMUNICATO STAMPA

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''


Il presidente di Sant'Egidio: ''Garantire i diritti dei profughi, reintrodurre vie di ingresso regolare anche per motivi di lavoro e approvare subito la riforma della cittadinanza''
6 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Capodanno cinese all'Esquilino, l'integrazione comincia dai bambini

1 Febbraio 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

30° Summit dell’Unione Africana, una delegazione di Sant’Egidio incontra il nuovo presidente Moussa Faki

IT | ES | DE | PT
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA
Comunicato Stampa

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni


Firmato un Memorandum di intesa per promuovere e realizzare nuove attività di assistenza rivolte ai migranti in difficoltà
IT | ES | DE | FR | PT
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

22 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Integrazione è anche prendersi cura di chi è fragile: consegnati a Roma i diplomi di care giver e di lingua italiana


Tanti i nuovi europei che quest'anno hanno frequentato i corsi promossi dalla Comunità di Sant'Egidio
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Febbraio 2017
Main-Post
Abschiebung in die Ungewissheit
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
13 Febbraio 2017
Roma sette
Migrantes e Sant’Egidio: delusione per interventi su migranti
3 Febbraio 2017
Huffington Post
Marco Impagliazzo: Il ponte di Francesco, il muro di Donald
24 Gennaio 2017
Huffington Post
Dopo diciotto anni e nove tentativi Cristina è riuscita finalmente a diventare italiana
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1173 visite

1147 visite

1119 visite

1184 visite

1159 visite
tutta i media correlati