Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
9 Febbraio 2015

Preghiera, Poveri e Pace: un anno con la Comunità di Sant'Egidio

nel giorno in cui celebriamo il 47mo anniversario, ripercorriamo l'anno che è trascorso

 
versione stampabile

“Preghiera, Poveri, Pace”: queste tre parole, pronunciate da Papa Francesco il 15 giugno 2014 nella Basilica di Santa Maria in Trastevere, hanno sintetizzato meglio di ogni altro discorso la presenza della Comunità di Sant’Egidio nel mondo. E proprio la visita di Papa Francesco alla Comunità, l’incontro con migliaia di giovani, adulti e anziani di ogni condizione sociale, che sono il “popolo di Sant’Egidio” a Roma, è stato l’evento più importante dell’anno appena trascorso. “Qui  – ha detto il Papa citando il saluto iniziale di Andrea Riccardi – si confonde chi aiuta e chi è aiutato”. A chi lo ascoltava nella Basilica, nella piazza e nella chiesa di Sant’Egidio, Francesco ha anche indicato uno stile di lavoro e una mèta per il futuro: “Camminando così aiutate a far crescere la compassione nel cuore della società - che è la vera rivoluzione, quella della compassione e della tenerezza - a far crescere l’amicizia al posto dei fantasmi dell’inimicizia e dell’indifferenza”.
Proviamo dunque a declinare un anno di attività della Comunità di Sant’Egidio – dal febbraio scorso fino ad oggi – proprio alla luce delle parole pronunciate da Papa Francesco.

Una preghiera che accoglie tutti

La preghiera a Santa Maria in Trastevere (ogni sera alle 20.30) ha accolto quest’anno un numero crescente di persone, non solo della Comunità, ma di tanti che l’hanno accompagnata, costituendo un approdo per chi cerca pace, giustizia e un mondo migliore o chiede protezione per sé e per chi i propri cari. Si tratta solo del luogo di preghiera più conosciuto, perché ce ne sono tanti altri in diversi quartieri a Roma, in molte città d’Italia, d’Europa e del mondo.

La memoria di chi è vittima della violenza e dell’indifferenza

Ma ci sono stati, nell’anno appena trascorso, anche alcuni appuntamenti speciali, come la preghiera ecumenica in memoria di coloro che hanno dato la vita per il Vangelo, presieduta dal Segretario di Stato cardinale Pietro Parolin, all’inizio della settimana santa. O la veglia a San Bartolomeo all’Isola Tiberina, il 26 aprile, per la canonizzazione dei papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II; la preghiera per le vittime dei “viaggi della speranza” da una sponda all’altra del Mediterraneo (a Mineo il 28 maggio, a Catania l’11 luglio, a Lampedusa il 3 ottobre, nel primo anniversario della strage del mare che fece 366 morti), quella (a Roma e in altre città italiane ed europee) in ricordo di Modesta, la “santa” dei senza dimora, morta dopo che un’ambulanza si rifiutò di soccorrerla.

Amici dei poveri durante tutto l’anno

E’ “dai poveri e dagli anziani” che “si inizia a cambiare la società”, ha detto il papa a Trastevere. Cioè dai più deboli, da chi è considerato uno “scarto” della società – come ha aggiunto Francesco. Sin dalla sua nascita la Comunità di Sant’Egidio ha scelto di essere amica dei poveri (minori in difficoltà, anziani soli, disabili, detenuti di tante prigioni del mondo, bambini di strada delle città africane e latinoamericane). Un lavoro che è cresciuto quest’anno, anche per l’aumento della povertà che interessa l’Italia e l’Europa. Lo testimoniano gli ormai tradizionali pranzi di Natale a cui partecipa tutto il popolo di Sant’Egidio, chi aiuta e chi è aiutato: il 25 dicembre del 2014 si sono seduti alle tavole imbandite della Comunità 181.000 persone in 78 Paesi del mondo. Nelle sole città italiane i pranzi di Natale sono stati 362 (229 l’anno precedente, a riprova di una povertà crescente). Anche migliaia di carcerati hanno partecipato all’iniziativa nei loro luoghi di detenzione.
Nel dicembre 2014 la diffusione della guida “DOVE mangiare, dormire, lavarsi”, destinata ai senza dimora, si è estesa a nuove città italiane ed europee. Alla presentazione dell’edizione romana, il presidente della Comunità, Marco Impagliazzo, ha denunciato la speculazione sulla pelle dei poveri, emersa dalle recenti inchieste della magistratura, e la “criminalizzazione dei poveri, perché al tema della povertà è stato, ingiustamente, affiancato il tema del degrado”. Il fondatore di Sant’Egidio, Andrea Riccardi, ha anche lanciato la proposta di una “Costituente per Roma”, per lanciare un’idea sulla città che promuova la qualità della vita e l’integrazione tra il suo centro e le sue periferie.
Un’altra opera della Comunità, cresciuta quest’anno, è costituita dall’ormai vasta rete delle Scuole della Pace – salutate da Papa Francesco nell’Angelus del primo gennaio – che in tutti i continenti, dall’Europa alle bidonvilles africane e latinoamericane, portano avanti un programma di educazione alla pace e alla coabitazione.

Il lavoro per la pace e l’appello per salvare Aleppo

Papa Francesco ha parlato di ”opera da artigiani pazienti” come principale caratteristica del lavoro per la pace svolto da Sant’Egidio. Anche qui gli esempi, lungo il 2014, sono numerosi: Centrafrica, Casamance, Mindanao (nelle Filippine) e Siria, sono solo alcuni dei luoghi di conflitto per i quali la Comunità ha cercato di esercitare una mediazione che parte dall’amicizia con i poveri che vi vivono e che sono le prime vittime della guerra. Per due volte nel corso dell’anno scorso, il 20 maggio e l’8 novembre, il presidente della Comunità Marco Impagliazzo ha illustrato il “metodo di Sant’Egidio” alle Nazioni Unite, incontrando il Segretario Generale Ban Ki-moon e i suoi più stretti collaboratori, con i quali ha parlato di moratoria della pena di morte, del ruolo delle religioni per la pace, del sostegno che i popoli, oltre agli Stati, devono dare alle iniziative dell’Onu. “La pace – ha sostenuto Impagliazzo – deve diventare popolare, non la guerra”.
Il 2014 è stato l’anno che ha visto la pace fare progressi decisivi a Cuba, dove la Comunità da tanti anni porta avanti un prezioso lavoro di riconciliazione e di dialogo; e invece regredire pericolosamente nell’Est europeo, fra Russia e Ucraina dove popolazioni cristiane si combattono fra di loro. All’inizio della crisi in questo Paese, il 9 aprile 2014, su invito della Comunità di Sant’Egidio, fedeli ortodossi, cattolici latini, greco-cattolici e luterani si sono riuniti nella cattedrale latina di Sant’Alessandro a Kiev. Da allora in poi, nella stessa chiesa, ogni mese le diverse confessioni cristiane continuano a pregare insieme per la pace, convocate da Sant’Egidio. Pochi giorni prima, il 21 marzo a Roma, era stato promosso un convegno sul servizio ai poveri come fattore propulsivo dell’ecumenismo, con la partecipazione di esponenti del Patriarcato di Mosca e della Chiesa ortodossa ucraina. Di pace e di dialogo ecumenico ha parlato a Mosca con il patriarca di tutte le Russie Kirill, il fondatore della Comunità Andrea Riccardi, il 3 novembre scorso.
L’attenzione alle vicende della Siria e dell’Iraq è stata quest’anno nel cuore della Comunità, a partire dalla preghiera incessante per la liberazione delle persone sequestrate, tra le quali alcuni amici di Sant’Egidio come i due vescovi di Aleppo, Mar Gregorios e Paul Yazigi e padre Paolo Dall’Oglio. Nel giugno scorso è stato lanciato da Andrea Riccardi “Save Aleppo”, un appello (con migliaia di adesioni) alla comunità internazionale per la salvezza di questa antica città siriana, luogo di millenaria coabitazione e oggi teatro di una guerra che non sembra avere fine.

Il ruolo delle religioni nella costruzione della pace

Il ruolo delle religioni per la costruzione e il mantenimento della pace è stata anche quest’anno un’iniziativa costante della Comunità. Il 19 febbraio scorso - in un convegno a Roma su “Le religioni e la violenza” - Marco Impagliazzo e Jerry White, diplomatico del dipartimento di Stato americano e Nobel per la pace nel 1997, hanno discusso insieme a personalità cristiane, ebree e musulmane, di un “patto comune delle religioni, delle culture e delle diplomazie per la pace”, con riferimento agli scenari di crisi più preoccupanti: Siria, Medio Oriente, Pakistan, Iran, Iraq, l’Africa dei mille conflitti.
“Peace is the future” è stato il tema dell’annuale Incontro Internazionale Uomini e Religioni, che dal 7 al 9 settembre 2014 si è tenuto ad Anversa, in Belgio, cento anni dopo l’inizio della prima Guerra mondiale. Nell’Appello di Pace, lanciato alla fine del convegno, si legge tra l’altro: “Le religioni possono molto: dare cuore e anima alla ricerca della pace come destino comune di tutti i popoli”. E ancora: “Ci assumiamo oggi la responsabilità della pace quando troppi pochi sognano la pace…”.
All’impegno per la pace e lo sviluppo si possono infine ricondurre i due programmi internazionali promossi da Sant’Egidio: BRAVO, per la registrazione anagrafica dei bambini nei Paesi africani, orientato a proteggere i minori dal rischio dell’anonimato e del conseguente possibile sfruttamento; e DREAM, il programma per la cura dell’Aids, presente in dieci Paesi dell’Africa subsahariana, che nello scorso anno ha curato anche interventi di prevenzione del virus Ebola.

Marco Impagliazzo rieletto presidente della Comunità

Il 7 dicembre 2014 Marco Impagliazzo è stato rieletto presidente della Comunità, ricevendo un vasto consenso dai rappresentanti dei diversi nuclei di Sant’Egidio diffusi nei diversi continenti. Il nuovo Consiglio di presidenza rispecchia nella sua composizione la diffusione della Comunità nel mondo: attualmente Sant’Egidio è presente con il proprio impegno a favore dei più deboli in 73 Paesi, con la partecipazione attiva di oltre 60 mila persone, tutti volontari, oltre a migliaia di amici e sostenitori.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Settembre 2016

1 settembre, memoria di Sant'Egidio. La Comunità che ne ha preso il nome rende grazie in ogni parte del mondo

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
26 Luglio 2016
L'AVANA, CUBA

Sant'Egidio a Cuba celebra i 48 anni della Comunità insieme al nuovo arcivescovo di L'Avana Juan García Rodríguez

IT | ES | DE
28 Giugno 2016
ANVERSA, BELGIO

Liturgia con i poveri ad Anversa per il 48° anniversario della Comunità di Sant'Egidio

IT | EN | ES | DE | FR | HU
10 Giugno 2016
BRUXELLES, BELGIO

A Bruxelles liturgia per il 48° anniversario di Sant'Egidio con il nuovo arcivescovo Joseph De Kesel

28 Maggio 2016
PARIGI, FRANCIA

A Parigi, Sant'Egidio in festa per l'anniversario della Comunità

IT | EN | FR | HU
16 Maggio 2016
NAPOLI, ITALIA

Poveri, anziani, giovani e bambini celebrano a Napoli i 48 anni della Comunità di Sant'Egidio

tutte le news
• STAMPA
12 Novembre 2016
Avvenire

Impagliazzo: Oltre Bataclan

30 Giugno 2016
Corriere della Sera

Le buone notizie viaggiano in treno (su Italo)

28 Maggio 2016
L'Osservatore Romano

In alto e lontano

27 Maggio 2016
L'Eco di Bergamo

La Comunità di Sant'Egidio: «Ha tenuto viva la memoria di Roncalli e del Concilio»

24 Maggio 2016
La Repubblica

Il Papa abbraccia l'imam di Al Azhar

11 Maggio 2016
Il Mattino

Comunità di Sant'Egidio: mezzo secolo di solidarietà

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
23 Novembre 2016

Migranti: il Premio Galileo 2000 alla Comunità di Sant'Egidio

10 Luglio 2016 | BUENOS AIRES, ARGENTINA

Liturgia a Buenos Aires per i 48 anni della Comunità di Sant'Egidio

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Saluto di Marco Impagliazzo al termine della liturgia per il 48° anniversario della Comunità di Sant’Egidio

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

I Numeri del programma "Viva gli Anziani"

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

tutti i documenti
• LIBRI

Elogio dei poveri





Francesco Mondadori

Il martirio degli armeni





La Scuola
tutti i libri

FOTO

933 visite

982 visite

904 visite

932 visite

920 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri