Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Novembre 2015

Sant’Egidio in Ungheria apre dei varchi nel muro di inaccoglienza e chiede di investire nella solidarietà

Amicizia, preghiera e ... scarpe per i profughi in viaggio verso l’Europa

 
versione stampabile

È di pochi giorni fa la notizia che uno dei partiti membri del governo ungherese ha iniziato una raccolta di firme contro gli accordi europei che prevedono il sistema delle quote dei rifugiati da ricollocare nei diversi Stati della UE. In un appello diffuso su facebook, le Comunità di Sant’Egidio dell’Ungheria esprimono preoccupazione per il clima diffuso di inaccoglienza e invitano a investire nell’integrazione e nella solidarietà: “Promuovendo varie iniziative di accoglienza e di aiuto - a Budapest, Bicske, Pécs, Beremend, Hegyeshalom - abbiamo sperimentato che i profughi non sono un pericolo. Accogliere chi fugge dalla violenza della guerra e del terrorismo non è solo un gesto di umanità e misericordia, ma esprime anche intelligenza e lungimiranza, perché la chiusura delle frontiere non ci renderà più sicuri. Come segno della nostra solidarietà, abbiamo cominciato a raccogliere scarpe, così necessarie a chi deve proseguire il viaggio a piedi in mezzo al fango. Il 6 dicembre, festa di san Nicola, le porteremo ai profughi che attendono il passaggio in Ungheria alla frontiera con la Croazia e la Slovenia”.
A questo appello rispondono in tanti e si moltiplicano in diverse città ungheresi le iniziative, anche piccole, che aprono dei varchi in un clima reso più cupo dagli attentati a Parigi. Lo scorso 20 novembre alcuni giovani per la pace di Budapest hanno visitato il centro per minori non accompagnati a Fót, portando dolci e the, giocando insieme a calcio e facendo semplicemente amicizia. Il 22 novembre un gruppo di rifugiati, ospiti del centro di Bicske, sono andati a Budapest per una gita in battello sul Danubio con gli amici di Sant’Egidio: finalmente così hanno potuto ammirare le bellezze della capitale ungherese. La giornata si è conclusa con una preghiera in memoria delle vittime dei viaggi verso l’Europa, presieduta dal vescovo ausiliare di Budapest, mons. János Székely, alla presenza del vescovo luterano, Támas Fabiny, vicepresidente della Federazione mondiale luterana.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | DE | FR | PT
23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest

IT | ES | DE | FR | RU
22 Ottobre 2016
ROMA, ITALIA

In arrivo altri 130 profughi in salvo dalla guerra in Siria e dal traffico di esseri umani grazie ai corridoi umanitari!

IT | FR
21 Ottobre 2016

Profughi, lunedì a Fiumicino nuovi arrivi con i corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR
19 Ottobre 2016

Via dalla guerra, oltre il mare: la strada della speranza. IL VIDEO

IT | EN | ES | DE | PT
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
OnuItalia

Corridoi umanitari: 40 profughi a Fiumicino; Sant’Egidio, modello per Europa

22 Novembre 2016
Osnabrücker Kirchenbote

Eine Kerze für jeden toten Flüchtling

20 Novembre 2016
Catalunya Cristiana

«Ser refugiada és començar de zero»

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

25 Ottobre 2016
La Vanguardia

Una iniciativa ecuménica lleva refugiados a Roma y los recibe un ministro

18 Ottobre 2016
Avvenire

Nei «Games4Peace» vince l'integrazione

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti

FOTO

102 visite

93 visite

89 visite

82 visite

94 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri