Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
20 Maggio 2009

Comunicato Stampa da Aachen: "C’E’ BISOGNO DI EUROPA. DOPO DUE GUERRE MONDIALI, ESPORTATE DALL´EUROPA AL MONDO, E´ TEMPO CHE L´EUROPA ESPORTI PACE E UMANESIMO, COMINCIANDO DA “EURAFRICA”. Il premio Carlo Magno a Andrea Riccardi

 
versione stampabile
 
Andrea Riccardi, storico, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, riceve il Premio Carlo Magno: il maggiore riconoscimento tedesco, da cinquant’anni va agli uomini di stato, ai politici, ai personaggi pubblici che hanno ispirato la costruzione e la riunificazione dell’Europa: Churchill, De Gasperi, Mitterand, Kohl. Ma anche Clinton e Giovanni Paolo II e, eccezionalmente, una volta, l’euro.
Ma Riccardi non ha mai accettato incarichi pubblici, non ricopre ruoli istituzionali, anche se, come Fondatore della Comunità di Sant’Egidio e personalmente ha contribuito in maniera incisiva e a volte decisiva alla ricomposizione di conflitti extraeuropei (Mozambico, Guatemala) mettendo a frutto uno dei talenti dell’Europa e di Sant’Egidio: l’arte del dialogo. Ha contribuito in maniera significativa, in anni di scontro tra culture e, per qualcuno, tra le civiltà, alla costruzione di un pensiero e di una vera “arte del convivere”: tra ebrei, cristiani e musulmani, facendo da ponte in tempi di freddezza o di confronto, come dopo l’11 settembre 2001. Tra Europa e Africa, in un tempo di riduzione della cooperazione internazionale al minimo storico. Tra generazioni, ripetendo al centro la questione anziani in un’Europa ricca anche se in crisi economica, e senza una ricetta per gli anni di una vita che si allunga. Tra minoranze sociali e europei, contribuendo a contrastare in maniera ragionevole le spinte antisemite, xenofobe e la paura degli immigrati che va crescendo nel cuore del continente.
Il Premio Carlo Magno va, insomma, a un uomo che è convinto che “oggi c’è un grande bisogno di Europa, della sua democrazia e del suo umanesimo, come pure di un capitalismo gentile che possa diventare un alleato e non un nemico o un concorrente per paesi che devono crescere, dalla storia nazionale ancora troppo giovane come i paesi africani”, come ha detto nel primo degli incontri di Aachen, quello all’Università, il 20 maggio pomeriggio”.
“L’Europa è stata capace di esportare nel mondo due guerre mondiali”. “Nate in Europa sono diventate mondiali”. “E’ tempo, oggi, che l’Europa possa esportare e fare diventare mondiale la sua pace interna e il suo umanesimo”: questa è la sfida di oggi, e non è la stima delle anime belle. E’ una necessità”.
“E’ anche la risposta al problema della paura e dell’immigrazione. L’Italia è oggi una delle porte per l’immigrazione dal Sud del mondo. Non siamo a cifre allarmanti, i numeri ci dicono che se anche è cresciuta, siamo ancora al di sotto del livello degli sbarchi della speranza degli anni Novanta: allora, se guardiamo ala sola Italia, ci si avvicinava anche a punte di 50 mila l’anno. Ma è anche vero che è un problema mondiale e almeno europeo. L’Italia deve restare all’altezza della sua civiltà di accoglienza e delle leggi e standard europei in maniera di diritto d’asilo. E tutti noi dobbiamo fare in modo che nessun immigrato venga mai trattato in maniera ostile, regolare o irregolare: perché questa diventa una bomba a orologeria di disprezzo e diffidenza che dà frutti amari sempre, magari dopo anni. E l’Europa deve aiutare l’Italia a non affrontare da sola questo problema: che poi, se ben gestito, è una chance”.
“Ritengo che sarebbe intelligente per l’Europa dare concretezza a un’idea di sé che ne contiene un’altra: Eurafrica. L’Africa non è solo un problema, di governance, di democrazie fragili, di fame, epidemie, corruzione, guerre. L’Africa è appena agli inizi e l’Africa è il futuro: un futuro anche per l’Europa: di materie prime e di amicizia e ruolo storico di pace e di sviluppo nel mondo. Questa è la strada del XXI secolo. Il contrario è una Europa ripiegata su di sé che comunica incertezza ai propri figli, che non comunica ad altri la propria grande tradizione umanistica, e che alla fine è spaventata di tutto”.

Domani 21 maggio alle ore 11 la Cerimonia Ufficiale della consegna del Premio Carlo Magno dalla sala dell’Incoronazione del Municipio di Aachen, trasmessa in diretta nazionale televisiva dalla WDR.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
4 Agosto 2016
ROMA, ITALIA

Anniversario di Hiroshima, il Premio ‘Terra e Pace’ ai Corridoi Umanitari

IT | ES | DE | FR | PT
24 Giugno 2016
ROMA, ITALIA

Il Presidente della Repubblica di Capo Verde conferisce a Sant'Egidio la Medaglia al Merito per il suo impegno per la pace

23 Giugno 2016
ROMA, ITALIA

Il Premio Colombe d'Oro per la Pace 2016 ai corridoi umanitari

15 Giugno 2016
L'AVANA, CUBA

L'Ordine della Stella d'Italia a Rolando Garrido della Comunità di Sant'Egidio di Cuba per l'impegno per i poveri e la pace

IT | DE
6 Maggio 2016

Il premio Carlo Magno al Papa. Riccardi: 'Sognare e lavorare con Francesco per un nuovo umanesimo europeo'

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
31 Marzo 2016
BERLINO, GERMANIA

Conferito ad Andrea Riccardi il Premio Umanesimo 2016

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
5 Agosto 2016
Radio Vaticana

Il premio Terra e Pace al progetto “Corridoi umanitari”

3 Agosto 2016
OstiaTV

Hiroshima, Premio ‘Terra e Pace’ ai ‘Corridoi umanitari’

23 Giugno 2016
Famiglia Cristiana

Cari nonni, siete tesori da conservare

27 Maggio 2016
Corriere del Veneto

Riccardi: la pace è fondata se cambiano gli uomini

26 Maggio 2016
Il Giornale di Vicenza

Riccardi, la pace è una utopia che diventa realtà, con gli uomini

25 Maggio 2016
corriere delle Alpi

Riccardi inaugura il Festival Biblico a Vicenza

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Andrea Riccardi

Il discorso di Andrea Riccardi

Bruno Joubert

Il discorso di Bruno Joubert

Jaime Aguilar

Premio Colombe d'Oro 2010 - Testimonianza di Jaime Aguilar

Janeth Marlene Zetino

Premio Colombe d'Oro 2010 - Testimonianza di Janeth Marlene Zetino

tutti i documenti

VIDEO FOTO
Video: La cerimonia della consegna del Premio Fondazione Chirac per la prevenzione dei conflitti a Mario Giro della Comunità di Sant’Egidio

126 visite

134 visite

265 visite

200 visite

177 visite
tutta i media correlati