Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
11 Novembre 2011 | BURKINA FASO

Stabilizzazione dello stato civile, formazione del personale, iscrizione anagrafica per 3 milioni di persone. Incremento della scolarizzazione.Questi i primi risultati del programma "Bravo!" in Burkina Faso

 
versione stampabile

Al termine dei due corsi di formazione, uno per gli agenti di stato civile delle province di Bobo Dioulasso e di Réo e l’altro per gli ufficiali di stato civile-capi servizio provinciali di tutto il paese, svoltisi fra il 31 ottobre e il 5 novembre, è stato possibile raccogliere qualche iniziale elemento di valutazione e i primi dati sugli effetti a lungo termine del vasto impegno di formare uno stato civile stabile e durevole in Burkina Faso, paese che si è reso protagonista di un enorme sforzo in questo senso e che ha visto il programma BRAVO! impegnato per garantire l’attuazione di un diritto umano fondamentale: quello della registrazione allo stato civile.

La formazione del personale di stato civile infatti si inquadra nell’impegno a proseguire lo sforzo della grande campagna di registrazione universale e gratuita che ha coinvolto l’intero paese e che ha posto fine alla piaga dei “bambini invisibili”.

Infatti il Burkina Faso è uno dei pochi paesi africani che ha affrontato in maniera complessiva e con una strategia di lungo periodo, il problema della mancata registrazione allo stato civile.

La campagna di registrazione universale e gratuita che si è svolta fra il 2009 e il 2010, che ha toccato gli angoli più remoti del paese, infatti, ha segnato  un grande successo permettendo la registrazione di più di 3 milioni di persone. Ma ha anche posto le basi per una stabilizzazione del sistema di stato civile, attraverso la sensibilizzazione della popolazione e la strutturazione dei servizi di base con l’apertura di centri principali e secondari in tutto il territorio nazionale, dove è possibile agevolmente registrare le nascite. La notevole riduzione della distanza fra i villaggi rurali e i luoghi deputati a raccogliere le dichiarazioni di nascita ha permesso di affrontare uno dei motivi più seri che impedivano alla popolazione di registrare le nascite.

La campagna ha permesso di riconoscere un diritto umano fondamentale a larghi strati della popolazione del Burkina Faso che, seppure in gran parte consapevole della gravità del problema, non aveva gli strumenti per affrontarlo, rendendo inoltre presente l’amministrazione dello Stato nella vita dei suoi cittadini. La formazione degli agenti e dei funzionari di stato civile ha poi creato una nuova sensibilità e una maggiore consapevolezza su questi temi.

Una bambina mostra il suo certificato di registrazione anagraficaQuesto impegno ha dato frutti molto positivi. Dai primi dati raccolti  risulta che, nel 2010, nelle scuole del ciclo primario, la percentuale di bambini in possesso di un certificato anagrafico è stata pari al 95%. Questo elemento è particolarmente decisivo perché la stragrande maggioranza dei bambini, prima della campagna universale e gratuita, non poteva concludere il ciclo primario perché mancava del certificato anagrafico e abbandonava la scuola. Il tasso di analfabetismo in Burkina Faso è uno dei più alti dell’Africa, raggiungendo punte del 70%. Il successo della campagna ha permesso quindi di far notevolmente salire il numero di bambini che continua gli studi. Oggi solo il 5% dei bambini ha bisogno di ricorrere ad un ufficio dello stato civile per avere il certificato e poter affrontare l’esame.

Inoltre la percentuale di bambini che vengono registrati al momento della nascita è salita a circa l’80% (mentre prima del 2009 solo un terzo dei bambini era registrato alla nascita), mostrando che la popolazione è ben consapevole della necessità di registrare alla nascita i bambini, gratuitamente, per evitare la procedura di registrazione tardiva più complessa e costosa.

L’impegno del programma BRAVO! è quello di continuare a sostenere la creazione di uno stato civile stabile e durevole, perché questo è il fondamento di una nuova società che sa includere tutti i suoi cittadini, particolarmente i più deboli e sa garantire i diritti umani fondamentali ad ogni generazione che nasce.

 

Sostieni "Bravo!" con una donazione online
versamento online mediante connessione sicura per i circuiti:
 

 

APPROFONDIMENTI

{PROGRAMMA_BRAVO}
{BRAVO_DONAZIONE}
{EMAIL_BRAVO}
{SEGRETERIA_BRAVO}

MEDIAGALLERY

"Sostieni il programma BRAVO!" Uno spot con Christian De Sica


 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Agosto 2016
NAIROBI, KENYA

Sant'Egidio a Nairobi per parlare di pace, sviluppo e diritto alle cure per tutti

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU | HU
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
14 Luglio 2016
ROMA, ITALIA

Il presidente della Guinea, Alpha Condé, visita Sant'Egidio: si parla di pace, di DREAM e di abolire la pena di morte

IT | ES | DE | CA
11 Luglio 2016
MATOLA, MOZAMBICO

Il Centro Nutrizionale di Sant'Egidio a Matola compie 10 anni

IT | ES | DE | FR | PT | HU
10 Luglio 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Concluso il convegno delle Comunità dell'Africa Occidentale e Centrale riunite ad Abidjan con Marco Impagliazzo

IT | ES | DE | FR | PT
8 Luglio 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Ad Abidjan l'incontro tra il Presidente della Repubblica della Costa d'Avorio, Alassane Ouattara, e Marco Impagliazzo

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
20 Settembre 2016
L'Eco di Bergamo

Il grido di dolore dell'Africa: «Aiuti ma anche pari dignità»

19 Settembre 2016
Notizie Italia News

Vivere insieme tra religioni diverse: la speranza viene dal cuore dell’Africa

6 Settembre 2016
Roma sette

In un libro la vita delle Saveriane italiane uccise in Burundi

6 Agosto 2016
Avvenire

Costa D'Avorio. Gentiloni da Sant'Egidio «Un lavoro prezioso»

18 Luglio 2016
OnuItalia

Il centro DREAM di Blantyre (Malawi) dedicato al responsabile Elard. A Durban Ban apre AIDS2016

11 Luglio 2016
La Croix

Les projets de Sant’Egidio pour l’Afrique: entretien avec Marco Impagliazzo

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1288 visite

1219 visite

1150 visite

1217 visite

1399 visite
tutta i media correlati