Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
8 Marzo 2013

Mai più invisibili: Volti e storie

Il programma Bravo! della Comunità di Sant'Egidio: identità legale e protezione a donne e bambini in Africa.

 
versione stampabile

BRAVO! il programma di Sant'Egidio per la registrazione delle nascite promuove i diritti dei bambini e delle donne.
Lavorando per dare identità legale e protezione a più di tre milioni di bambini in Africa, ci siamo resi conto che molto spesso anche le loro mamme non avevano nessun documento.

Madri, donne invisibili, hanno ottenuto insieme ai loro figli il certificato di nascita e quindi il diritto all'esercizio dei diritti civili. BRAVO!  ha fatto così uscire dall’invisibilità anche migliaia di donne.

Ecco alcuni volti e storie di donne che grazie al certificato di nascita hanno potuto realizzare i loro sogni.

Maria O. di Baskui, in Burkina Faso, è forse la più anziana a cui Bravo! Ha restituito l'identità. Nata nel 1928, ha ritirato l'anno scorso il suo certificato di nascita! A riprova che non si è mai troppo anziane per desiderare di far parte pienamente della società. VAI ALLA NEWS

La campagna in Burkina Faso, ha garantito la registrazione gratuita delle nascite e quindi un documento di identità a 3 milioni e mezzo di burkinabè. Di questi, più del 60 per cento erano bambini. Nel restante 40% di adulti, la grande maggioranza donne.
La registrazione tardiva, infatti, comporta una procedura lunga e costosa e spesso solo gli uomini fanno questo “investimento”, magari per ottenere la patente di guida o la licenza di commercio, e la famiglia decide di lasciare senza documenti le donne e i bambini.

Grazie all’impegno di BRAVO! è stato possibile dare a molte donne i loro documenti d’identità, così da metterle in condizione di avere un lavoro regolare, votare alle elezioni o magari ricominciare a studiare. La battaglia per i diritti delle donne ha coinvolto il Governo del Burkina Faso anche in una specifica campagna per favorire la registrazione delle donne sposate, che incontravano maggiori difficoltà nel processo di registrazione.

Mozambico Uganda
Albertina ha 17 anni. Vive a Nahipa, nel distretto di Mecuburi in Mozambico. Senza certificato di nascita, pur avendo frequentato le scuole elementari, con un certo successo, non aveva potuto ritirare il diploma e proseguire negli studi. Ora è di nuovo iscritta a scuola. 

Anne è la madre di Francis e John. Sono di Moyo, in Uganda, dove fino a pochi anni fa infuriava la guerra. I bambini, nati durante gli scontri, non erano stati registrati all'anagrafe, coem del resto la madre. La pace inizia anche dall'affermazione dei diritti. Grazie Anna! 

In questi anni abbiamo incontrato tante donne che ringraziamo per il loro coraggio. È anche grazie a loro se abbiamo potuto registrare migliaia di bambini, che loro hanno accompagnato in viaggi spesso lunghi per arrivare nei villaggi in cui effettuavamo le registrazioni. L’impegno di queste donne e la loro comprensione dell’importanza dei documenti d’identità per i loro figli ci fanno credere che vinceremo la battaglia di dare ad ogni bambino un nome, perché abbiamo delle alleate molto motivate: le loro mamme!

 

 

 

 

 

 

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
BURKINA FASO

Marius vive in Burkina Faso, ha sette anni e vuole andare a scuola. Ma serve il certificato di nascita....

IT | ES | DE | FR | NL | HU
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
3 Febbraio 2017
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Lettera da Goma, in Congo: Siamo diventati i portavoce degli anziani abbandonati nella periferia della città

IT | EN | ES | DE | FR
2 Febbraio 2017
DOUALA, CAMERUN

Un tendone per rendere più umane le condizioni di vita nel carcere di New Bell a Douala, Cameroun

IT | ES | DE | PT
11 Gennaio 2017

Africa, Marco Impagliazzo: ''L'eccellenza della medicina italiana per lo sviluppo della sanità africana''

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
28 Marzo 2017
La Civiltà Cattolica

La corruzione che uccide

18 Marzo 2017
Radio Vaticana

Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

8 Febbraio 2017
Avvenire

La Giornata. Il Papa: ascoltiamo il grido dei bimbi schiavi. Basta con l'indifferenza

7 Febbraio 2017
FarodiRoma

Tratta degli esseri umani. Sant’Egidio: privilegiare i milioni di minori invisibili

1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
11 Gennaio 2017

Sant'Egidio: al via la collaborazione con la Fondazione Arpa per la formazione e lo sviluppo di sistemi sanitari avanzati

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1528 visite

1364 visite

1392 visite

1407 visite

1357 visite
tutta i media correlati