Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - programm...gratuita - bravo! -...ina faso contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

BRAVO! - Prosegue la campagna per le iscrizioni anagrafiche in Burkina Faso


 
versione stampabile

BRAVO! - Prosegue la campagna per le iscrizioni anagrafiche in Burkina Faso
25 novembre 2009

Le operazioni  di iscrizione anagrafica procedono bene in Burkina Faso.

Tanti bambini, donne, anziani continuano ad andare nei diversi centri ad iscriversi all’anagrafe in questo “2009 année de l’enregistrement gratuit et universel des naissances” .

Nelle giornate dedicate alle operazioni l’affluenza non diminuisce, anzi: più la notizia si diffonde nel paese in modo capillare, più cresce il numero di quanti si presentano. “ E’ una grande opportunità per me e per i miei figli - dice una giovane donna in un distretto di Ouagadougou - fino ad oggi non possedevo nessun documento. Ora sia io che i miei figli possiamo dire di esistere.”

Aissa, di 19 anni, racconta che da bambina ha dovuto abbandonare la scuola, anche se studiare era la sua passione, perché non aveva il certificato di nascita. Ora finalmente è iscritta e vorrebbe riprendere gli studi.

Le aspettative sono molte e ci si sposta nelle città dove si è nati per registrarsi in modo molto rapido. Si affrontano viaggi lunghi ma si è certi che ne valga la pena.

In questo mese di novembre il Governo sta elaborando i dati sull’iscrizione anagrafica tardiva in tutto il paese, un funzionario del governo dice: ”Questo lavoro coinvolge tanti, funzionari e dipendenti in tutti i comuni e le province, magistrati e segretari generali. E’ un grande sforzo per il paese ma siamo felici di compierlo, perchè siamo certi che il volto del Burkina Faso sarà migliore”.

Sostieni Bravo! con una donazione

Scrivi a BRAVO!

Segreteria del programma BRAVO!

Tel +39 06 89922406

Scrivi a BRAVO!

"Sostieni il programma BRAVO!" Uno spot con Christian De Sica


 

NEWS CORRELATE
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa


il programma DREAM: 300.000 persone in cura, 46 centri sanitari, 5.000 professionisti formati
IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma


"Un modello per i cristiani del Congo" ha detto mons. Kaboy in pellegrinaggio alla sua tomba con la Comunità di Sant'Egidio
IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione


Un modello da replicare: continueremo a lavorare per il dialogo e la pace.
IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA
Conferenza stampa

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione


21 novembre, ore 12, Sala della pace, Piazza di S. Egidio 3a
IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
17 Novembre 2016
BENIN

In Benin, verso la conclusione del Giubileo della Misericordia con poveri e lebbrosi

IT | ES | DE
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
1 Dicembre 2016
Zenit
Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio
11 Novembre 2016
Radio Vaticana
Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio
10 Novembre 2016
Vatican Insider
Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio
20 Settembre 2016
L'Eco di Bergamo
Il grido di dolore dell'Africa: «Aiuti ma anche pari dignità»
19 Settembre 2016
Notizie Italia News
Vivere insieme tra religioni diverse: la speranza viene dal cuore dell’Africa
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1179 visite

1257 visite

1457 visite

1307 visite

1346 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri