change language
usted está en: home - ecumenis...diálogo - encuentr...r la paz - asís 20...d de paz cómo contactarnosnewsletterlink

Sostiene la Comunidad

  
11/12/2016
Liturgia del domingo

La oración cada día


 
versión para imprimir

Talwalkar Didi


Líder del Movimiento Swadhyaya, India

E’ Presidente del movimento Swadhyaya, organismo di natura spirituale e sociale fondato da suo padre, Pandurang Vaijnath Shastri Athavale, nel 1954.

Laureata in filosofia nel Collegio Elphinston dell’Università di Mumbai, dove ha insegnato alcuni anni, ha lasciato l’insegnamento per dedicarsi a tempo pieno alle attività del movimento.

Swadhyaya ama definirsi “famiglia” ed è impegnato per la salvaguardia della dignità dell’uomo e la promozione della dimensione religiosa nella vita personale e nella società. Particolarmente attivo nella difesa e nel miglioramento delle condizioni di vita delle persone più vulnerabili, il movimento promuove a livello internazionale i temi della pace e della convivenza.

Swadhyaya è diffuso principalmente in India, soprattutto nelle zone rurali e nei villaggi. 

(Settembre 2014)

 

Asís 2016 - Sed de paz

 

Tirana 2015 - Peace is Always Possible

 

Antwerp 2014 Peace is the future

 

ROMA 2013 Religiones y Culturas: Diálogo y Paz

 

SARAJEVO 2012

 

11 de septiembre - Religiones en diálogo por la paz

 

BARCELONA 2010

 

#peaceispossible #thirstforpeace
PROGRAMME

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PRENSA RELACIONADA
29 Octubre 2016
La Civiltà Cattolica
Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia
5 Octubre 2016
Avvenire
Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi
2 Octubre 2016
Avvenire
Quale accoglienza? Il metodo «adottivo» che emerge da Assisi
30 Septiembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
30 Septiembre 2016
Il Ticino
Alle sorgenti della pace in un mondo assetato
todo relacionado con la prensa


Giovani x la Pace

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri