Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - programm...gratuita - registra...ndonesia contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Registrazione anagrafica per i bambini delle Scuole della Pace in Indonesia


 
versione stampabile

Registrazione anagrafica per i bambini delle Scuole della Pace in Indonesia
16 agosto 2010

Sono stati consegnati in questi giorni i primi 461 certificati di nascita per i bambini della Scuole della Pace di Yogyakarta, Jakarta e Medan, in Indonesia. Altri 230 sono già stati richiesti e saranno consegnati nelle prossime settimane.

La mancata registrazione anagrafica è un problema di dimensioni molto consistenti in Indonesia, dove, secondo i dati UNICEF, il 40% della popolazione (circa 60 milioni di persone su 240) non ha un atto di nascita legale.
Un dato ampiamente confermato dall'esperienza delle Scuole della Pace, che ha gravi conseguenze in particolare per i bambini, spesso oggetto di traffici e di abusi.
In realtà, sia dal punto di vista delle procedure, che dei costi, la registrazione anagrafica tardiva (oltre 6 mesi dopo la nascita) è un procedimento lungo e complesso. Non esiste un regolamento nazionale, ma solo delle linee generali, ed ogni provincia regola le procedure in maniera discrezionale. Ma in generale, la documentazione da presentare è molto vasta, coinvolge diversi uffici ed è quindi di difficile reperibilità. Anche se alcuni distretti hanno pubblicizzato l’iscrizione gratuita (è il caso del distretto di Sunter, dove è la Scuola della Pace di Jakarta) in realtà sia il rilascio del certificato che il  reperimento di tutta la documentazione sono molto costosi.
Inoltre, gran parte della documentazione va reperita nel luogo di origine. La vastità del territorio (l’Indonesia è un arcipelago di migliaia di isole, e abbraccia circa un sesto dell’Equatore) e le frequenti migrazioni interne aggravano la situazione.
In questi mesi le Comunità di Sant’Egidio in Indonesia hanno lavorato per aiutare la registrazione dei bambini delle Scuole della Pace e dei loro familiari.
L’iniziale raccolta dei dati ha evidenziato infatti come i genitori fossero consapevoli della necessità del certificato, ma scoraggiati per le difficoltà e i costi.
Le Comunità hanno quindi cercato di realizzare dei piccoli accordi con le amministrazioni locali, per ottenere delle facilitazioni.

A Yogyakarta, nel distretto di Kulonprogo, oltre ad aver concordato un forte abbattimento dei costi, una persona della Comunità è stata autorizzata a lavorare nell’ufficio anagrafico con gli ufficiali di stato civile per accelerare le pratiche (mediamente per ottenere un certificato di nascita si aspettano circa 60 giorni) e si sono così potuti regolarizzare tutti i bambini del quartiere della Scuoal della Pace. L’iniziativa è stata pubblicizzata dalle radio locali.

In alcune località, sacerdoti e religiose, sensibilizzati dalla Comunità, hanno deciso di coinvolgere le parrocchie e le scuole cattoliche. Così, la parrocchia di Padang la comunità parrocchiale ha deciso di farsi carico della registrazione anagrafica dei cristiani che ne sono ancora sprovvisti. E nello scorso mese sono stati registrati i primi 50 ragazzi. 

Immagini

I primi certificati di nascita


Famiglie in attesa dei certificati di nascita

  

Nuvo Video BRAVO!

Sostieni Bravo! con una donazione

Scrivi a BRAVO!

Segreteria del programma BRAVO!

Tel +39 06 89922406

Scrivi a BRAVO!

MEDIAGALLERY

NEWS CORRELATE
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
BURKINA FASO

Marius vive in Burkina Faso, ha sette anni e vuole andare a scuola. Ma serve il certificato di nascita....


...per questo nel villaggio è arrivato il programma BRAVO
IT | ES | DE | FR | NL | HU
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
21 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Vi ricordate Moise e Samuel, bambini di strada che avevano ottenuto un diploma? Eccoli qua al lavoro!!

IT | ES | DE | FR | PT
16 Febbraio 2017
INDONESIA

Li chiamano 'gli uomini dei carretti', per noi sono semplicemente amici.


Sono le persone senza dimora che vivono nell'area metropolitana di Jakarta. La Comunità li incontra la sera, con la distribuzione della cena e nella mensa, aperta da poco più di un anno. #periferiealcentro
IT | ES | DE | PT | ID | HU
8 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO
Giornata di preghiera e riflessione contro la tratta degli esseri umani

Giornata contro la tratta: la storia Moise e Samuel, dalla condizione di "invisibili" a un diploma professionale

IT | ES | DE | FR | PT | RU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
18 Marzo 2017
Radio Vaticana
Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa
17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera
Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare
8 Febbraio 2017
Avvenire
La Giornata. Il Papa: ascoltiamo il grido dei bimbi schiavi. Basta con l'indifferenza
7 Febbraio 2017
FarodiRoma
Tratta degli esseri umani. Sant’Egidio: privilegiare i milioni di minori invisibili
1 Dicembre 2016
Zenit
Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1301 visite
tutta i media correlati