Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - la comunità - gli anni...t'egidio - la celeb...el mondo - 42° ann...bagnasco contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

42° Anniversario della Comunità di Sant'Egidio - Omelia del Cardinale Angelo Bagnasco


 
versione stampabile

42° Anniversario della Comunità di Sant'Egidio - Omelia del Cardinale Angelo Bagnasco

Cardinale Angelo BagnascoCarissimi Fratelli e Sorelle nel Signore!

E’ sempre una grazia celebrare la divina Eucaristia, fonte e culmine della vita cristiana e della missione della Chiesa. Ed oggi volentieri sono con voi, cari Amici della Comunità di Sant’Egidio, per ringraziare il Signore, datore di ogni bene, per il 42° anniversario  della vostra Comunità. Il cammino è significativo per il numero degli anni, ma è soprattutto intenso.
Saluto con viva cordialità il Fondatore, Prof. Andrea Riccardi, il Presidente, Prof. Marco Impagliazzo, nonché l’Assistente Mons. Matteo Zuppi e tutti i membri della Comunità. Un rispettoso saluto alle Autorità presenti, in particolare al Sig. Presidente del Montenegro, agli Eminentissimi Signori Cardinali e agli Eccellentissimi Vescovi. Un sentito e grato saluto va ai Rappresentanti delle diverse Confessioni cristiane e religiose che con la loro presenza testimoniano l’impegno della Comunità nel campo dell’ecumenismo e del dialogo interreligioso.

1. L’essere nella Basilica di san Giovanni, cattedrale di Roma, fa correre il nostro pensiero al Vescovo di questa Chiesa Madre, il Santo Padre Benedetto XVI. A Lui, Successore di Pietro e Pastore della Chiesa universale, rinnoviamo il nostro affetto grato e  la nostra piena comunione. La Comunità di Sant’Egidio, com’è noto, è nata a Roma e questa radice non è solo una circostanza storica, ma ne segna la natura e l’indole; ne ispira quella spinta missionaria ed evangelizzatrice legata al ministero petrino, che è la vera anima della testimonianza e della carità sotto ogni cielo.

In anni nei quali il “cambiamento” era la cifra ermeneutica e la magica parola d’ordine – siamo nel 1968 - la Comunità è sorta ricordando ciò che la Chiesa ha sempre predicato, e cioè che il vero cambiamento nasce dal cuore, e solo da qui s’irradia e informa rapporti, strutture, società. Solo se l’uomo è umano la società diventa umana, e il diventare pienamente umano significa incontrare Cristo, il Dio incarnato.  Voi sapete che il cristiano, oggi in modo particolare, è chiamato a vivere la dimensione mistica della fede, solidamente ancorato nel mistero di Cristo e della Chiesa, nutrito dalle Scritture e dalla grazia dei Sacramenti, dalla forza della preghiera personale, specialmente dell’adorazione eucaristica. E’ dal cuore infuocato di Cristo che fluisce la fiamma di ogni autentica  prossimità ai sofferenti e ai poveri. E’ al fuoco dello Spirito che  si alimenta e si sviluppa la “fantasia della carità” che prende corpo nelle molteplici forme di servizio, dagli anziani ai senza fissa dimora, dagli zingari ai disabili, dai bambini di strada ai carcerati e ai malati. Spesso, testimone ammirato del vostro costante servizio, mi sono detto che l’unica fonte possibile ed efficace della fedeltà al povero è Dio: è Dio che, nella sua radicale vicinanza agli uomini, mostra la sua assoluta fedeltà, fedeltà che resiste al logorio del tempo e non si abbatte di fronte alle risposte alterne dell’uomo. E’ Gesù che  incarna questa divina fedeltà, e che la dona a coloro che gli fanno spazio nel cuore. Da Lui, cari Amici, continuate ad invocare questa fedeltà umile e operosa, che apre una finestra sul Cielo e che fa intravedere che Dio è Amore e Salvezza. Coltivare l’amicizia con Cristo è coltivare la fedeltà agli uomini; solo se guardiamo a Lui vedremo negli altri il suo volto; solo contemplando Lui potremo soccorrere l’uomo nella verità; solo lasciandoci amare da Lui riusciremo ad amare il prossimo senza servircene. Cari Amici, non finiremmo mai di parlare di Gesù!

Il Vangelo odierno getta un’ulteriore luce  su questo anniversario di famiglia.

2. “Gesù chiamò i Dodici ed incominciò a mandarli a due a due”
Il Signore invia i suoi per la missione:  annunciare che il Regno di Dio è nel mondo. E il Regno è  Dio che – come diceva Benedetto XVI nelle omelie natalizie – si è fatto il grande “Vicino”, è l’Emmanuele che svela e offre a tutti la salvezza. E’ Cristo! E’ Lui la grande Speranza che il cuore dell’uomo attende, e che raccoglie e compie ogni altra nobile aspettativa. Speranza che, incontrata personalmente, diventa vita e gioia. Allora anche le croci, che fanno parte del vivere umano, perdono se non le loro ruvidezze, almeno le oscurità che le rendono senza significato e senza sbocco. Il Vangelo è per tutti,  e a tutti dobbiamo semplicemente annunciarlo: sarebbe un’omissione grave, un tradimento del Vangelo e dell’uomo che cerca la speranza. Ma Dio è amore, e l’amore non s’impone, si offre con amore alla libertà di ciascuno. Per questo Gesù aggiunge quelle parole che suonano dure: “ scuotete la polvere di sotto ai vostri piedi”. Il gesto esprime non certamente un rancore o una condanna, ma un dovere assolto, e la presa d’atto, necessariamente dolorosa, di un libero rifiuto. Ma sempre con la fiducia nel cuore, la fiducia che il seme del Vangelo trovi nel tempo le sue strade e germogli. Dio scruta e conosce il cuore di ogni uomo!

Per questa straordinaria missione, il Maestro invia i discepoli “a due a due”.  In questa fuggevole indicazione è espressa  non innanzitutto una questione di metodo, ma la natura della Chiesa. Essa è il corpo di Cristo, la comunità dei figli di Dio, e l’annuncio del Regno è una missione delle Chiesa in quanto tale: la comunione affettiva ed effettiva sta alla base dell’azione missionaria e si manifesta anche nell’andare “a due a due”. Ben lo sappiamo, la materialità del comando rivela un principio, una realtà da cui non possiamo prescindere anche se le modalità devono adeguarsi alle circostanze. Si può essere fisicamente soli in certe situazioni, ma sapendo di essere comunque insieme nell’opera apostolica: infatti, non è necessario abitare insieme per vivere insieme. Così come abitare insieme non significa sempre, purtroppo, vivere nella comunione dei cuori e nella unità degli intenti. Ecco la bellezza della missione: grazia e responsabilità, gioia e sacrificio. Ognuno sostiene gli altri e Cristo porta tutti nelle sue mani crocifisse e gloriose.

E i mezzi necessari? “ Ordinò loro che, oltre al bastone, non prendessero nulla per il viaggio”: è un’indicazione radicale, che sembra umanamente impossibile e che rischia di rendere inefficace l’evangelizzazione nella sua integralità. Come fare se non si hanno gli strumenti per fare? E voi, cari Amici, sapete bene quanto le opere che fate – autentiche diaconie ex fide – richiedono mezzi e sacrifici. Ma sapete anche che, se la carità è una forma dell’annuncio del Vangelo, Gesù è la sorgente di ogni opera buona, e  sta all’origine di ogni efficacia: “Se il Signore non costruisce la casa, invano faticano i costruttori”!  Questa verità di fede  da una parte ci sospinge ad essere generosi e sapienti,  intraprendenti e tenaci, dall’altra ci rende sereni perché  assicura che, al di là dei mezzi materiali, Dio è all’opera sempre.

Cari Fratelli e  Sorelle della Comunità di Sant’Egidio, cari Amici, vi ringrazio per la vostra presenza e per il vostro servizio al Vangelo – in Italia e in tanti Paesi del mondo - specialmente tra i poveri e tra coloro che sono divisi e nemici. Continuate a nutrire la vostra fede – come vi esortava  il Santo Padre Benedetto XVI – “con l’ascolto e la meditazione della Parola di Dio, con la preghiera quotidiana, con l’attiva partecipazione alla Santa Messa. L’autentica amicizia con Cristo sarà la fonte del vostro amore scambievole” (Omelia 7.4.2008).

La Santa Vergine, la Grande Madre di Dio, sostenga il vostro cammino con la sua dolce e forte maternità. Amen.

Angelo Card. Bagnasco
Arcivescovo Metropolita di Genova
Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Gli Anniversari della Comunità di Sant'Egidio

Il 42° anniversario della Comunità di Sant'Egidio

NEWS CORRELATE
8 Aprile 2017
CATANIA, ITALIA

Nella cattedrale di Catania un popolo in festa per celebrare i 49 anni della Comunità di Sant'Egidio

2 Aprile 2017
TOGO

Sant'Egidio, un popolo di amici sulla strada, con i poveri: la visita di Andrea Riccardi alle Comunità del Togo

IT | ES | DE | FR | NL
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
3 Marzo 2017
ADJUMANI, UGANDA

I bambini della School of Peace nel campo profughi di Nyumanzi studiano tutti i giorni e ne sono orgogliosi


Mons. Vincenzo Paglia in visita ai piccoli rifugiati in Uganda: ''Il regno dei cieli è come questa scuola, perché Gesù vuole sempre la pace e mai la guerra''.
IT | ES | DE | NL
21 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

La benedizione di una lunga vita: Michele ha compiuto 101 anni! Auguri da tutta la Comunità di Sant'Egidio


Festa grande ieri, con Marco Impagliazzo e tanti amici nella casa dove l'amicizia è "il segreto di una lunga vita "
IT | ES | FR | RU
9 Febbraio 2017

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità


Basilica di San Giovanni affollata di giovani e anziani, senza dimora e profughi venuti con i corridoi umanitari. Marco Impagliazzo: ''Crediamo in una città dove non esiste il noi e il loro, ma dove si può costruire insieme una grande forza di pace''
IT | ES | DE | FR | PT | CA
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
10 Febbraio 2017
RomaSette.it
Becciu a Sant’Egidio: «I poveri siano sempre il vostro tesoro»
10 Febbraio 2017
L'Osservatore Romano
Una presenza vivace
10 Febbraio 2017
Avvenire
Roma. Becciu: Sant'Egidio porta Cristo nelle periferie
9 Febbraio 2017
Vatican Insider
Becciu: “I manifesti? Il Papa ci ha riso su”
9 Febbraio 2017
L'Osservatore Romano
L’arcivescovo Becciu per l’anniversario di Sant’Egidio - Una presenza vivace
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

946 visite

933 visite

949 visite

1002 visite

918 visite
tutta i media correlati