Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - mozambic... carcere contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Mozambico: Il progetto “Diritti umani dei reclusi”, perchè la vita non finisca con il carcere


 
versione stampabile

Mozambico: Il progetto “Diritti umani dei reclusi”, perchè la vita non finisca con il carcere
27 aprile 2010

La povertà, la mancanza di una fonte di sostentamento, l'abbandono scolastico, l'assenza di un lavoro: sono queste le cause che spingono tanti, in Mozambico, come ovunque, ad una vita di espedienti, che facilmente scivolano nell'illegalità.

Sono queste le cause più frequenti di tante detenzioni, destinate e ripetersi all'infinito se non si affronta alla radice il problema di assicurare a chi è detenuto la possibilità concreta di mantenere se' e la propria famiglia, una volta tornato a casa.

E' per questo che la Comunità di Sant'Egidio, ormai da molti anni,  si impegna nella formazione dei detenuti mozambicani, non solo con i corsi di alfabetizzazione, ma anche con specifici corsi professionali, che, insegnando un mestiere, aiutano il reinserimento sociale alla fine della pena.

Corsi di ceramista, panettiere, falegname, calzolaio.... tornare a casa così, con "un mestiere in mano", e a volte concretamente con gli arnesi del mestiere regalati alla fine del corso significa davvero una svolta verso una vita nuova.

Quest’anno l’impegno della Comunità in questo settore si è rafforzato, grazie anche ad uno specifico progetto, sostenuto anche dall’Ambasciata di Olanda a Maputo, dal titolo “Direitos humanos dos reclusos”.

Iniziato nel giugno 2009, durerà tre anni (fino al 31 dicembre 2011). Prevede corsi di formazione sui diritti umani per i volontari della Comunità che si recano in visita ai detenuti e corsi di formazione professionale ai detenuti di tre province mozambicane. Nel 2009 il progetto è iniziato dalla Provincia di Niassa, nel 2010 si è esteso a quella di Cabo Delgado, nel 2011 raggiungerà Nampula.

Fino ad ora sono stati realizzati già una serie di laboratori: a Lichinga è stato costruito un padiglione per ospitare il corso di falegnameria, dotato di utensili si aelettrici che manuali.
Anche un laboratorio di cucito è stato avviato recentemente con l'acquisto di macchine da cucire professionali.

Immagini



NEWS CORRELATE
10 Agosto 2011

Umanizzare il carcere: proseguono gli aiuti ai detenuti di Angoche, in Mozambico

IT | DE | FR | RU
28 Aprile 2011

Umanizzare il carcere: da Haiti all'Africa cresce il lavoro della Comunità nelle prigioni e cambia la realtà

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
21 Novembre 2010

Nampula (Mozambico) - Continua l'impegno della Comunità di Sant'Egidio nelle carceri africane: sono 25 i prigionieri liberati in questi ultimi tre mesi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
7 Agosto 2010

Viaggio nelle prigioni africane: l'amicizia della Comunità di Sant'Egidio di Angoche, in Mozambico, con i detenuti

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
7 Aprile 2010

Mozambico: Il lavoro della Comunità di Sant'Egidio nelle carceri del paese a sostegno e per la liberazione dei detenuti

IT | DE | FR | PT | NL
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
21 Agosto 2017
Roma
Vita e morte nei racconti dì Mattone
26 Luglio 2017
Roma
Alla ricerca della dignità perduta
26 Luglio 2017
Roma
La Comunità di Sant'Egidio porta in carcere musica e gelato
20 Luglio 2017
Famiglia Cristiana
Marco Impagliazzo. Ambasciatore di pace per i casi difficili
24 Giugno 2017
Radio Vaticana
Sant’Egidio a Washington: rafforzare impegno contro pena di morte
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

157 visite

155 visite

165 visite

168 visite

168 visite
tutta i media correlati