Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
5 Marzo 2015

Nella tradizione della Chiesa vi è un bagaglio di sapienza che ha sempre sostenuto una cultura di vicinanza agli anziani,

una disposizione all’accompagnamento affettuoso e solidale in questa parte finale della vita.

 
versione stampabile

Nella tradizione della Chiesa vi è un bagaglio di sapienza che ha sempre sostenuto una cultura di vicinanza agli anziani, una disposizione all’accompagnamento affettuoso e solidale in questa parte finale della vita. Tale tradizione è radicata nella Sacra Scrittura, come attestano ad esempio queste espressioni del Libro del Siracide: «Non trascurare i discorsi dei vecchi, perché anch’essi hanno imparato dai loro padri; da loro imparerai il discernimento e come rispondere nel momento del bisogno» (Sir 8,9).

La Chiesa non può e non vuole conformarsi ad una mentalità di insofferenza, e tanto meno di indifferenza e di disprezzo, nei confronti della vecchiaia. Dobbiamo risvegliare il senso collettivo di gratitudine, di apprezzamento, di ospitalità, che facciano sentire l’anziano parte viva della sua comunità.

Gli anziani sono uomini e donne, padri e madri che sono stati prima di noi sulla nostra stessa strada, nella nostra stessa casa, nella nostra quotidiana battaglia per una vita degna. Sono uomini e donne dai quali abbiamo ricevuto molto. L’anziano non è un alieno. L’anziano siamo noi: fra poco, fra molto, inevitabilmente comunque, anche se non ci pensiamo. E se noi non impariamo a trattare bene gli anziani, così tratteranno a noi.

Fragili siamo un po’ tutti, i vecchi. Alcuni, però, sono particolarmente deboli, molti sono soli, e segnati dalla malattia. Alcuni dipendono da cure indispensabili e dall’attenzione degli altri. Faremo per questo un passo indietro?, li abbandoneremo al loro destino? Una società senza prossimità, dove la gratuità e l’affetto senza contropartita – anche fra estranei – vanno scomparendo, è una società perversa. La Chiesa, fedele alla Parola di Dio, non può tollerare queste degenerazioni. Una comunità cristiana in cui prossimità e gratuità non fossero più considerate indispensabili, perderebbe con esse la sua anima. Dove non c’è onore per gli anziani, non c’è futuro per i giovani.


Dall'udienza generale del 4 marzo 2015

 LEGGI ANCHE
• NEWS
18 Maggio 2017

La malattia non può e non deve farci dimenticare che agli occhi di Dio il nostro valore rimane sempre inestimabile

IT | DE
29 Aprile 2017

Il nostro compito è quello di pregare gli uni per gli altri domandando a Dio il dono della pace

IT | ES | DE | FR | PT
23 Aprile 2017

L’eredità viva dei martiri ci dona oggi pace e unità. Ci insegnano che con la forza dell’amore e la mitezza si può lottare contro la prepotenza, la violenza, la guerra e si può realizzare con pazienza la pace.

IT | PT
19 Aprile 2017

Saremo uomini e donne di risurrezione se, in mezzo alle vicende che travagliano il mondo - sono tante oggi -sapremo porre gesti di solidarietà

IT | DE | FR | PT
15 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

O Cristo, nostro unico Salvatore, torniamo a Te anche quest’anno con gli occhi abbassati di vergogna e con il cuore pieno di speranza

IT | FR | PT
23 Marzo 2017

Sogno un nuovo umanesimo europeo cui servono memoria, coraggio, sana e umana utopia

IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
31 Ottobre 2015
La Repubblica

Papa Francesco, Romero martire due volte: "Dopo la sua morte per mano dei vescovi"

28 Luglio 2014
Il Mattino

Riccardi: svolta storica, la preghiera può unirci

4 Settembre 2013
L'Osservatore Romano

Associazioni e movimenti laicali in vista della giornata di digiuno e orazione

3 Settembre 2013
L'Eco di Bergamo

«Papa Francesco così ha spiazzato tutte le diplomazie»

22 Agosto 2013
Famiglia Cristiana

La via aperta da Francesco al dialogo tra le religioni

tutta la rassegna stampa