Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
18 Febbraio 2005

Emergenze umanitarie: Proseguono gli interventi della Comunità di Sant'Egidio per le vittime del maremoto in Indonesia

 
versione stampabile

case distrutte ad AcehL'emergenza non è finita in Indonesia, a quasi due mesi dal maremoto che ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone. Vi sono zone in cui, ancora oggi, non sono arrivati aiuti internazionali: come in alcuni villaggi più interni della zona di Aceh o nelle isole Nias, che si trovano proprio di fronte alla costa del nord Sumatra, e sono state le prime inondate dallo tsunami. Si tratta di zone povere, estranee al grande turismo internazionale. 

campagna allagata ad Aceh Nel mese di gennaio, la Comunità di Sant'Egidio ha proseguito la sua presenza nei campi profughi della città di Medan, consegnando aiuti per superare l'emergenza. Allo stesso tempo, due delegazioni si sono recate ad Aceh e nelle isole Nias, per verificare la possibilità di sostenere le popolazioni nella lunga fase di ricostruzione. 

 

MEDAN 

Provenienti da una zona di forti tensioni tra comunità etniche, i rifugiati giunti a Medan si sono spontaneamente organizzati in campi rigidamente divisi: da una parte le etnie di religione musulmana, dall'altra i cristiani, soprattutto di etnia cinese. Anche in una situazione di estremo bisogno, riaffioravano diffidenze radicate che non è stato facile superare. La locale Comunità di Sant'Egidio ha tuttavia realizzato una collaborazione, sia con la diocesi di Medan, sia con l'associazione dei rifugiati acehnesi di religione musulmana. 
Si è potuto così avviare una serie di interventi che hanno raggiunto molte centinaia di persone. Sono stati consegnati,oltre al cibo, materassi, lenzuola, cuscini, vestiti tradizionali, ombrelli. 

Un'attenzione particolare è stata riservata ai malati. In ospedale a Medan ci sono molte persone rese disabili dal maremoto. Per loro sono state acquistate e donate sedie a rotelle e ausili per la deambulazione. In questi giorni, inoltre, vengono distribuite zanzariere alle famiglie che non hanno ancora trovato una sistemazione e dormono sotto tende o tettoie.

campo di rifugiati del maremoto a Medan

 

La storia di Muchtar

in ospedale a MedanMuchtar ha 31 anni. Faceva il camionista a Banda Aceh. Non era ricco, ma la sua era una bella famiglia. Il maremoto ha portato via tutto: Muchtar ha perso la moglie, i suoi due bambini e lui stesso è stato trascinato per chilometri dalla forza dell'acqua. Ricoverato in ospedale, ha subito diverse operazioni e l'amputazione di una gamba. 
Solidarietà è per lui una sedia a rotelle, ma è anche la certezza di un'amicizia che cura anch'essa le ferite, perché aiuta a ricostruire un tessuto familiare. Muchtar più volte al giorno telefona a questi nuovi amici: sa che non lo lasceranno solo.

Il villaggio di Lagundri, nelle isole NIAS

Lagundri si trova sulla cosa sud ovest dell'isola di Nias, proprio di fronte alla costa di Aceh. Il 26 dicembre l'onda del maremoto è arrivata subito, e si è abbattuta, con tutta la sua forza, sui villaggi di pescatori di Teluk Dalam "Il porto in basso". Qui, la delegazione della Comunità di Sant'Egidio, insieme ai religiosi presenti, ha censito 47 famiglie, che hanno bisogno di aiuto per ricostruire le case, gravemente danneggiate. 

Il villaggio di Lamcot, nella regione di Aceh

Non lontano da Banda Aceh, c'è il villaggio di Lamcot. E' stato toccato marginalmente dal maremoto,perché è in una zona più interna. Ma anche lì l'acqua è arrivata dappertutto,ha allagato le case e la scuola,  distruggendo un'ala dell'edificio scolastico. La popolazione del villaggio è quasi raddoppiata per l'arrivo dei rifugiati. Un gruppo di giovani del luogo ha costituito un'associazione, la SEFA, che si occupa dei bambini. In questa zona, circa l'80 per cento dei bambini non va a scuola. "La sofferenza di questa gente - si legge nel rapporto fatto dalla delegazione della Comunità di Sant'Egidio che si è recata ad Aceh - non è dovuta soltanto allo tsunami e al terremoto, ma alla povertà, alla mancanza di istruzione, all'arretratezza e anche alla paura, frutto della guerra che vi dura da tanti anni".

Bambini a LamcotE' nato così il progetto di lavorare insieme, la Comunità e la SEFA, per  sostenere la scuola di Lamcot. Attraverso il programma "Adottiamo una scuola" verrà ricostruita e ampliata la parte della scuola distrutta dal maremoto, saranno forniti arredi e materiale scolastico. 

   Valeria Martano


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Settembre 2016
INDONESIA

A Jakarta in Indonesia uno dei primi incontri di Preghiera per la Pace

IT | ES
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
28 Luglio 2016

In Indonesia nuove esecuzioni. Sant’Egidio: “Moratoria della pena di morte durante il Giubileo della Misericordia”

IT | FR | PT
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
4 Luglio 2016
LIBIA

Aiuti umanitari in Libia dopo l'accordo firmato a Sant'Egidio: consegnato il primo container di medicinali

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | HU
10 Giugno 2016
ECUADOR

Sant'Egidio invia aiuti umanitari alla popolazione sfollata dal terremoto in Ecuador

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

27 Luglio 2016
Vatican Insider

Indonesia, Sant’Egidio e società civile contro le nuove esecuzioni capitali annunciate ieri dallo Stato

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

24 Maggio 2016
News.va

Chiesa e società civile contro le nuove esecuzioni capitali

19 Maggio 2016
Famiglia Cristiana

Il Trump filippino spaventa il mondo

7 Aprile 2016
Domradio.de

"Mauer und Stacheldraht nicht die Lösung"

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
12 Marzo 2015

Indonesia: imminente l'esecuzione per 10 stranieri condannati a morte.

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Febbraio 2015
Reuters

Australian PM strikes conciliatory note over Indonesia executions

21 Febbraio 2015
AGI

Brasile: scontro su esecuzioni, respinto ambasciatore Indonesia

21 Febbraio 2015
Reuters

Indonesia recalls envoy to Brazil amid row over execution

20 Febbraio 2015
Reuters

Australia ratchets up pressure on Indonesia over executions

18 Gennaio 2015
La Repubblica on line

Indonesia, eseguita condanna a morte per sei trafficanti di droga: 5 sono stranieri

10 Gennaio 2015
INDONESIA

L’Arcivescovo indonesiano di Jakarta contro la Pena di Morte

12 Dicembre 2014

A Jakarta cinque condannati a morte rischiano l'esecuzione nel mese di dicembre 2014

3 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Tanni Taher: the commitment of Sant'Egidio against the death penalty in Indonesia

Appeal "No justice without life" Manila 2014

Il Giappone proporrà l'abolizione della pena di morte

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Alberto Quattrucci

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Mario Marazziti

tutti i documenti

FOTO

422 visite

391 visite

393 visite

397 visite

563 visite
tutta i media correlati