Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
26 Gennaio 2011

Roma - Camera dei Deputati, Inaugurazione dell'Anno Europeo del Volontariato. L'intervento Mario Marazziti a nome della Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

L’inizio dell’ “Anno Europeo del Volontariato”, nel suo decennale, cade in un tempo particolare, per il nostro paese e per l’Europa, per il mondo. Dieci anni fa l’attacco delle Torri Gemelle e l’inizio di un decennio, a saldo nettamente negativo, che ha investito nella guerra come soluzione dei conflitti. E cade in un tempo di crisi di credibilità morale della finanza internazionale e dei mercati, di crisi sociale ed economico, in un clima culturale, anche nel nostro paese, in cui tutto si vende e tutto si compra.

Sono contento e onorato di intervenire oggi qui, in questo luogo fondante della democrazia e della storia d’Italia, nel 150mo anniversario della nostra unità nazionale a nome della Comunità di Sant’Egidio, per dare alcuni tratti di una “storia italiana” che può aiutare anche a livello mondiale,in tempi complessi come i nostri.

Anticipo una riflessione semplice, diretta. La Comunità di Sant’Egidio, e il volontariato, è il contrario di un’idea e una pratica di scontro, di diffidenza verso l’altro fino alla violenza, al terrorismo e alla guerra, il contrario del tutto si può vendere e si può comprare. E’ un antidoto a una società fatta a isole, compound, senza coesione sociale e valori comuni, in cui chi arriva per ultimo, come ad esempio gli immigrati o chi è più debole socialmente è avvertito come una minaccia, anziani, malati, disabili, zingari, in cerca di lavoro, giovani più del sud che del Nord, famiglie numerose, l’Altro, in tutte le sue facce.


I nostri sono anni in cui il volontariato è lodato mentre è messo ai margini da una vulgata in cui occorre sempre “scusarsi” se si ricorda che mille immigrati in più, da un anno all’altro, sono spariti nel Mediterraneo a causa delle restrizioni che rendono più difficili i tragitti e più ricattabili profughi, rifugiati, aspiranti asilo e famiglie in cerca di speranza, e si dice che non possiamo scendere sotto una soglia minima di umanità, pena lo svuotamento della nostra democrazia e l’imbarbarimento della nostra anima “italiana”. Ci si deve scusare  e dire: “non è per buonismo”, perché si è affermata l’idea che il volontariato è degli ingenui e la vita vera, degli altri, magari un po’ “cattivisti”. C’è una predicazione del disprezzo dell’altro, molto popolare, che inizia dalle classi dirigenti e si fa discorso da bar e da mercato, indulgenza verso tutte le intolleranze, che è iniziata con la presa in giro dell’incenso del buonismo. E del volontariato.


Ma il volontariato è un grande antidoto per una società, come la nostra, depressa, stordita, e che ha paura del futuro. Il volontariato è gratuità. Vorrei semplicemente fare l’elogio della gratuità. Non tutto si compra  non tutto si vende e non tutto ha valore per il suo valore economico. A volte nel volontariato maturano professionalità, un’antropologia che si fa anche piccola o media capacità imprenditoriale. Ma non è questo il caso della Comunità di Sant’Egidio, che è poco “terzo settore”. C’è per noi un valore imprescindibile che è quello della gratuità. E più è fuori moda e più ce n’è bisogno. Nasce per noi dalla commozione di Gesù per tutte le vittime e chi è ai margini. Passione, com-passione. Nasce dalla realtà, non solo dall’idea, di fare una famiglia in cui i poveri sono amici e fratelli, inclusi. Come ricordava da studioso il teologo Joseph Ratzinger, commentando il vangelo di Matteo al capitolo 25, il Giudizio finale. E ricordava come per “i più piccoli”, i malati, i prigionieri, gli assetati, per i poveri, Gesù usa la stessa parola, “fratelli” che viene usata nel nuovo Testamento solo per i discepoli e la comunità cristiana. Perché i poveri, diceva, fanno parte integrante della Comunità, “indipendentemente dalle loro qualità morali”.

Un altro modo per esemplificare questo è come la tradizione orientale raffigura il Buon samaritano, Gesù, che si prende cura dell’uomo mezzo morto ignorato dai sacerdoti e lasciato ai margini della strada dai banditi, ha lo stesso volto della persona che è soccorsa. E’ questa la radice della Comunità di Sant’Egidio, della sua amicizia con i poveri, la sua scelta per la gratuità, la scelta per costruire una società che, se è a misura dei poveri, anziani non autosufficienti, deboli socialmente, immigrati, malati, è a misura di tutti.

Questo non è ingenuità da anime belle. Tutti noi abbiamo negli occhi l’immagine del pranzo di natale nella Basilica di Santa Maria in Trastevere. La famiglia dei senza famiglia. Quelli considerati minacce sociali, serviti a tavola, ognuno con un nome, una dignità. E è diventato contagioso: sono oggi 130 mila persone che a Natale vivono così il Natale e a migliaia sono le persone che portano i figli a vedere, come il presepe di Greccio, perché imparino la gratuità, respirino aria pulita, che non si vive solo per sé stessi.


Non è ingenuità. E’ amicizia, laica, senza confini. Dall’amicizia con una singola persona, ma senza metter limiti, è nata l’intelligenza strategica e diplomatica che ha messo fine alla guerra in Mozambico, per opera della Comunità di Sant’Egidio, un milione di morti, 18 anni fa. E da allora la pace aiutata a esistere in Burundi, dopo il genocidio hutu-tutsi, gli accordi preventivi che stanno dando una speranza alla democrazia in Guinea Conakry e Niger, due dei paesi più poveri e difficili del mondo, o il programma BRAVO!” che ha già registrato più di tre milioni di bambini ed adulti invisibili in Burkina Faso, svuotando una delle cause del traffico umano, della prostituzione minorile, del traffico di organi, degli scontri etnici e dell’impossibilità della democrazia se a milioni sono esclusi. O il programma DREAM, che in 10 paesi africani, gratuitamente, offre un’assistenza globale e la terapia a 100 mila persone, che vivono e vivono bene con l’AIDS, e coinvolge un milione di africani, con le loro famiglie, centinaia di migliaia di bambini e giovani che hanno una possibilità di vita e di uscita dall’afro-pessimismo. Cose da ingenui, buoniste? Questo aiuta a svuotare l’odio, a re-imparare l’arte del convivere, anche nel nostro paese. E’ possibile costruire un programma di accompagnamento di tutti gli anziani ultrasettantacinquenni, anche non autosufficienti, vincendo la paura, l’isolamento nelle grandi città, mettendo in rete i servizi esistenti e creando una rete di prossimità che riduce anche lo sfilacciamento e l’isolamento che è la grande malattia che comincia a lambire anche le città italiane. Viva gli Anziani!, si chiama, la prima regione italiana che lo attuasse massivamente vedrebbe ridursi i ricoveri in ospedale, la loro durata, il ricorso ai  pronto soccorso, i ricoveri ripetuti, diventando un modello europeo e con costi, finalmente, compatibili e non fuori controllo. E’ a disposizione, solo che si voglia.

Mi auguro che questo sia l’anno in cui in tanti possono scoprire come da questa gratuità può essere riaperto uno scenario di felicità personale, e di qualità della vita per tutti, non legato solo ai soldi.  Un modello di società che re-mpara l’arte del convivere e del dialogo, anche con umanità dolenti, e che , se cominciamo noi, qui, può fare dell’Italia, di nuovo, quel luogo amato nel mondo anche per la dolcezza della vita. Alla fine conviene, mi viene quasi da sorridere a dirlo, anche economicamente.

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
31 Ottobre 2016
BAGHDAD, IRAQ

Sant'Egidio in Iraq: aiuti umanitari e dialogo nazionale e interreligioso per superare la crisi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
1 Settembre 2016

1 settembre, memoria di Sant'Egidio. La Comunità che ne ha preso il nome rende grazie in ogni parte del mondo

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
4 Luglio 2016
LIBIA

Aiuti umanitari in Libia dopo l'accordo firmato a Sant'Egidio: consegnato il primo container di medicinali

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | HU
tutte le news
• STAMPA
16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

30 Giugno 2016
Corriere della Sera

Le buone notizie viaggiano in treno (su Italo)

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
23 Novembre 2016

Migranti: il Premio Galileo 2000 alla Comunità di Sant'Egidio

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

I Numeri del programma "Viva gli Anziani"

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

tutti i documenti
• LIBRI

Elogio dei poveri





Francesco Mondadori

Il martirio degli armeni





La Scuola
tutti i libri

FOTO

933 visite

982 visite

904 visite

932 visite

920 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri