Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
13 Maggio 2011

DREAM VII Conferenza Internazionale: Accesso universale al trattamento: il passo decisivo per sconfiggere l’AIDS. UN’ALTRA VITTORIA. Sintesi

 
versione stampabile

In Africa con la terapia antiretrovirale il virus perde forza e non si trasmette più. Uno studio di 6 anni su 26.000 pazienti in M alawi conferma lo studio dell’Istituto Nazionale USA per le Malattie Infettive su 1763 coppie.

La terapia universale diventa l’arma per fermare il contagio e vincere la battaglia mondiale contro l’AIDS.

Dalla 7° Conferenza Internazionale di DREAM, alla presenza di 20 ministri della salute dell’Africa sbsahariana – dal punto più difficile del mondo nella lotta all’AIDS,  22,5 milioni di persone infette, un passo avanti decisivo per fermare la pandemia

DREAM. Cancellare l’AIDS dall’Africa sub-sahariana e’ possibile

SINTESI della Relazione alla VII Conferenza Internazionale “Accesso Universale al Trattamento: il passo decisivo per sconfiggere l’AIDS”, presentata per il gruppo di Ricercatori DREAM dalla dott.ssa Noorjehan Abdul Nagid e dal prof. Leonardo Palombi

La situazione attuale in Africa

 Alla fine del 2009 UNAIDS stimava i casi d’infezione da HIV/AIDS in Africa Sub-Sahariana pari a 22,5 milioni, ovvero il 5% della popolazione adulta del continente. Questo dato di prevalenza conosce variazioni molto ampie, si va dallo 0,7% della Mauritania al 25% dello Swaziland e del Lesotho.  Nel solo 2009 nel continente africano sono morte 1,3 milioni di persone.

Dei 22,5 milioni di infetti, il 54% (cioè oltre 12 milioni) sono donne e il 10% (cioè 2,3 milioni) bambini, per lo più infettati durante la gravidanza e l’allattamento.  Le gravidanze di donne infette  sono 1,4 milioni ogni anno e circa il 40% di questi nati, 560.000 neonati, si infetteranno a loro volta in utero, al parto o con il latte materno. Solo la metà di questi bambini arriverà al secondo anno di vita: è terribile, è inaccettabile.  Senza l’epidemia avremmo avuto 15 milioni in meno di orfani, bambini spesso condannati ad una vita molto breve .

Oggi bisogna chiedersi responsabilmente se non si poteva evitare una crescita smisurata di bambini malati e orfani con un approccio terapeutico differente.

Quanto costano e quanto sono costati, in questi dieci anni, i 15 milioni di orfani e di bambini  malati non solo in termini economici ma anche sociali e umani?

Sicuramente molto di più dei costi della tri-terapia.Quanto è costato il ritardo di serie politiche di contrasto dell’HIV?

E’ una lezione da ricordare per il futuro.

 Sviluppo dell’epidemia

I dati UNAIDS sui nuovi casi per anno nel continente africano mostrano segnalano una quota di 1,8 milioni, 500.000 unità in più dei morti per anno (1,3 milioni). La popolazione infetta è cresciuta così di circa mezzo milione di persone.

La massiccia introduzione della cura in Africa è la causa del calo della mortalità, e crea una stabilizzazione dei nuovi casi per anno , in modo uniforme per tutti i paesi. Si tratta del risultato dell’ introduzione della terapia antiretrovirale.

Prendendo quattro paesi che differiscono per il tasso di copertura della terapia antiretrovirale: Malawi e Kenya , 2 paesi con una buona copertura (rispettivamente 46 e 48%), Sud Africa (37% ma solo in anni recentissimi) e  Nigeria (21%). Mentre  Kenya e Malawi hanno ridotto in modo significativo la loro mortalità e, in una certa misura, anche l’ incidenza, per la  Nigeria non si osserva questo aspetto positivo.

Questo successo della terapia è confermato dal fatto che nelle due aeree  nel mondo con solo il 3% dei nuovi casi , gli Stati Uniti e l’Europa occidentale,  i tassi di copertura con farmaci antivirali superano il 95%. E’ oggi noto a tutti che la terapia  ha un impatto preventivo verificato, proprio per la sua capacità di ridurre la carica virale nel plasma ed in tutti i fluidi corporei, diminuendone la contagiosità.

Fin dal 2002 DREAM, basandosi su queste evidenze scientifiche, ha posto le basi per una reale prevenzione della trasmissione verticale  attraverso la tri-terapia su larga scala  durante la gravidanza e l’allattamento al seno fino al sesto mese di vita. Questa strategia  ha prodotto risultati spettacolari  fino a portare i tassi di trasmissione  dell’infezione a livelli occidentali, meno dell’1% di bambini infetti alla nascita e meno del 3% di bambini infetti ad un anno. Senza cure l’infezione avrebbe colpito il 40% circa dei neonati.

 Terapia/efficacia immediata. Vaccino lontano.

Per molti anni, la comunità scientifica internazionale e anche DREAM,  ha riposto le sue attese nell’individuazione di un possibile vaccino realmente efficace per eliminare la malattia. Molti sforzi ed energie sono stati investiti nella ricerca e nello sviluppo. Oggi è abbastanza chiaro che, nonostante i numerosi  e lodevoli studi in corso, la creazione di possibili vaccini è ancora lontana.

Modello Granich e Proposta Dream

D’altra parte la terapia per tutti associata al test è una strategia condivisa ormai da molti. Nel 2009 Granich, De Kock e altri ricercatori dell’OMS la proponevano come  la migliore chance e la più  credibile soluzione per l’eradicazione dell’HIV/AIDS.

DREAM ha messo a punto un modello di eradicazione dell’HIV che non è ricavato da parametri basati su studi teorici, come i modelli precedenti, ma si fonda su una coorte reale di 26,000 pazienti seguiti negli anni 2002-2010 in assistenza gratuita Ebbene, osservando i dati sulla totalità delle donne gravide sieropositive – non è uno studio campionario, ma l’intero universo di quella località – in 5 anni si osserva un dimezzamento della sieropositività per HIV.

UNA VIA D’USCITA REALE DALL’AIDS E’ POSSIBILE

La terapia a tutte le donne in gravidanza sieropositive, per la prevenzione della trasmissione del virus dalla madre al figlio .

L’offerta della circoncisione maschile a tutti i nuovi nati e ai bambini esposti al rischio precoce: Dal 2007,  l'OMS e UNAIDS raccomandano la circoncisione maschile per la prevenzione dell'infezione da HIV che riduce  il rischio negli uomini di circa il 60%  e quindi  evita nell’Africa Sub-Sahariana  5,7 milioni di nuovi casi di infezione da HIV e 3 milioni di morti in 20 anni.

 
 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Agosto 2016
NAIROBI, KENYA

Sant'Egidio a Nairobi per parlare di pace, sviluppo e diritto alle cure per tutti

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU | HU
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
18 Luglio 2016
BLANTYRE, MALAWI

Il Centro DREAM di Blantyre dedicato alla memoria di Elard Alumando

IT | EN | ES | FR | PT
14 Luglio 2016
ROMA, ITALIA

Il presidente della Guinea, Alpha Condé, visita Sant'Egidio: si parla di pace, di DREAM e di abolire la pena di morte

IT | ES | DE | CA
11 Luglio 2016
MATOLA, MOZAMBICO

Il Centro Nutrizionale di Sant'Egidio a Matola compie 10 anni

IT | ES | DE | FR | PT | HU
10 Luglio 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Concluso il convegno delle Comunità dell'Africa Occidentale e Centrale riunite ad Abidjan con Marco Impagliazzo

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
20 Settembre 2016
L'Eco di Bergamo

Il grido di dolore dell'Africa: «Aiuti ma anche pari dignità»

19 Settembre 2016
Notizie Italia News

Vivere insieme tra religioni diverse: la speranza viene dal cuore dell’Africa

6 Settembre 2016
Roma sette

In un libro la vita delle Saveriane italiane uccise in Burundi

6 Agosto 2016
Avvenire

Costa D'Avorio. Gentiloni da Sant'Egidio «Un lavoro prezioso»

18 Luglio 2016
OnuItalia

Il centro DREAM di Blantyre (Malawi) dedicato al responsabile Elard. A Durban Ban apre AIDS2016

11 Luglio 2016
La Croix

Les projets de Sant’Egidio pour l’Afrique: entretien avec Marco Impagliazzo

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

Marc Spautz

Discorso di Marc Spautz, ministro della Cooperazione del Lussemburgo

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1219 visite

1150 visite

1219 visite

1399 visite

1241 visite
tutta i media correlati