Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
13 Maggio 2011

DREAM VII Conferenza Internazionale: Accesso universale al trattamento: il passo decisivo per sconfiggere l’AIDS. UN’ALTRA VITTORIA. Sintesi

 
versione stampabile

In Africa con la terapia antiretrovirale il virus perde forza e non si trasmette più. Uno studio di 6 anni su 26.000 pazienti in M alawi conferma lo studio dell’Istituto Nazionale USA per le Malattie Infettive su 1763 coppie.

La terapia universale diventa l’arma per fermare il contagio e vincere la battaglia mondiale contro l’AIDS.

Dalla 7° Conferenza Internazionale di DREAM, alla presenza di 20 ministri della salute dell’Africa sbsahariana – dal punto più difficile del mondo nella lotta all’AIDS,  22,5 milioni di persone infette, un passo avanti decisivo per fermare la pandemia

DREAM. Cancellare l’AIDS dall’Africa sub-sahariana e’ possibile

SINTESI della Relazione alla VII Conferenza Internazionale “Accesso Universale al Trattamento: il passo decisivo per sconfiggere l’AIDS”, presentata per il gruppo di Ricercatori DREAM dalla dott.ssa Noorjehan Abdul Nagid e dal prof. Leonardo Palombi

La situazione attuale in Africa

 Alla fine del 2009 UNAIDS stimava i casi d’infezione da HIV/AIDS in Africa Sub-Sahariana pari a 22,5 milioni, ovvero il 5% della popolazione adulta del continente. Questo dato di prevalenza conosce variazioni molto ampie, si va dallo 0,7% della Mauritania al 25% dello Swaziland e del Lesotho.  Nel solo 2009 nel continente africano sono morte 1,3 milioni di persone.

Dei 22,5 milioni di infetti, il 54% (cioè oltre 12 milioni) sono donne e il 10% (cioè 2,3 milioni) bambini, per lo più infettati durante la gravidanza e l’allattamento.  Le gravidanze di donne infette  sono 1,4 milioni ogni anno e circa il 40% di questi nati, 560.000 neonati, si infetteranno a loro volta in utero, al parto o con il latte materno. Solo la metà di questi bambini arriverà al secondo anno di vita: è terribile, è inaccettabile.  Senza l’epidemia avremmo avuto 15 milioni in meno di orfani, bambini spesso condannati ad una vita molto breve .

Oggi bisogna chiedersi responsabilmente se non si poteva evitare una crescita smisurata di bambini malati e orfani con un approccio terapeutico differente.

Quanto costano e quanto sono costati, in questi dieci anni, i 15 milioni di orfani e di bambini  malati non solo in termini economici ma anche sociali e umani?

Sicuramente molto di più dei costi della tri-terapia.Quanto è costato il ritardo di serie politiche di contrasto dell’HIV?

E’ una lezione da ricordare per il futuro.

 Sviluppo dell’epidemia

I dati UNAIDS sui nuovi casi per anno nel continente africano mostrano segnalano una quota di 1,8 milioni, 500.000 unità in più dei morti per anno (1,3 milioni). La popolazione infetta è cresciuta così di circa mezzo milione di persone.

La massiccia introduzione della cura in Africa è la causa del calo della mortalità, e crea una stabilizzazione dei nuovi casi per anno , in modo uniforme per tutti i paesi. Si tratta del risultato dell’ introduzione della terapia antiretrovirale.

Prendendo quattro paesi che differiscono per il tasso di copertura della terapia antiretrovirale: Malawi e Kenya , 2 paesi con una buona copertura (rispettivamente 46 e 48%), Sud Africa (37% ma solo in anni recentissimi) e  Nigeria (21%). Mentre  Kenya e Malawi hanno ridotto in modo significativo la loro mortalità e, in una certa misura, anche l’ incidenza, per la  Nigeria non si osserva questo aspetto positivo.

Questo successo della terapia è confermato dal fatto che nelle due aeree  nel mondo con solo il 3% dei nuovi casi , gli Stati Uniti e l’Europa occidentale,  i tassi di copertura con farmaci antivirali superano il 95%. E’ oggi noto a tutti che la terapia  ha un impatto preventivo verificato, proprio per la sua capacità di ridurre la carica virale nel plasma ed in tutti i fluidi corporei, diminuendone la contagiosità.

Fin dal 2002 DREAM, basandosi su queste evidenze scientifiche, ha posto le basi per una reale prevenzione della trasmissione verticale  attraverso la tri-terapia su larga scala  durante la gravidanza e l’allattamento al seno fino al sesto mese di vita. Questa strategia  ha prodotto risultati spettacolari  fino a portare i tassi di trasmissione  dell’infezione a livelli occidentali, meno dell’1% di bambini infetti alla nascita e meno del 3% di bambini infetti ad un anno. Senza cure l’infezione avrebbe colpito il 40% circa dei neonati.

 Terapia/efficacia immediata. Vaccino lontano.

Per molti anni, la comunità scientifica internazionale e anche DREAM,  ha riposto le sue attese nell’individuazione di un possibile vaccino realmente efficace per eliminare la malattia. Molti sforzi ed energie sono stati investiti nella ricerca e nello sviluppo. Oggi è abbastanza chiaro che, nonostante i numerosi  e lodevoli studi in corso, la creazione di possibili vaccini è ancora lontana.

Modello Granich e Proposta Dream

D’altra parte la terapia per tutti associata al test è una strategia condivisa ormai da molti. Nel 2009 Granich, De Kock e altri ricercatori dell’OMS la proponevano come  la migliore chance e la più  credibile soluzione per l’eradicazione dell’HIV/AIDS.

DREAM ha messo a punto un modello di eradicazione dell’HIV che non è ricavato da parametri basati su studi teorici, come i modelli precedenti, ma si fonda su una coorte reale di 26,000 pazienti seguiti negli anni 2002-2010 in assistenza gratuita Ebbene, osservando i dati sulla totalità delle donne gravide sieropositive – non è uno studio campionario, ma l’intero universo di quella località – in 5 anni si osserva un dimezzamento della sieropositività per HIV.

UNA VIA D’USCITA REALE DALL’AIDS E’ POSSIBILE

La terapia a tutte le donne in gravidanza sieropositive, per la prevenzione della trasmissione del virus dalla madre al figlio .

L’offerta della circoncisione maschile a tutti i nuovi nati e ai bambini esposti al rischio precoce: Dal 2007,  l'OMS e UNAIDS raccomandano la circoncisione maschile per la prevenzione dell'infezione da HIV che riduce  il rischio negli uomini di circa il 60%  e quindi  evita nell’Africa Sub-Sahariana  5,7 milioni di nuovi casi di infezione da HIV e 3 milioni di morti in 20 anni.

 
 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Dicembre 2016

A Natale aiuta una madre a far nascere un bambino sano: regala un'adozione a distanza!

IT | ES
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

20 Settembre 2016
L'Eco di Bergamo

Il grido di dolore dell'Africa: «Aiuti ma anche pari dignità»

19 Settembre 2016
Notizie Italia News

Vivere insieme tra religioni diverse: la speranza viene dal cuore dell’Africa

6 Settembre 2016
Roma sette

In un libro la vita delle Saveriane italiane uccise in Burundi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

Impagliazzo Marco

Marco Impagliazzo: Afrique: terre d’opportunités

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1257 visite

1457 visite

1307 visite

1346 visite

1366 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri