Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
17 Ottobre 2015 | ROMA, ITALIA

Il saluto di Marco Impagliazzo a Ban Ki-Moon, in visita alla Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

Signor Segretario Generale,

benvenuto a Sant’Egidio!
E’ un onore e una gioia accoglierla nella nostra casa dopo tanti anni di collaborazione stretta e fattiva con le Nazioni Unite per la pace, l’accoglienza ai profughi e rifugiati, lo sviluppo dei popoli. Lei oggi vede per la prima volta il luogo dove il lavoro per la pace per il Mozambico, il Burundi, la Guinea e tanti altri paesi si è sviluppato.

Lo facciamo oggi in un’assemblea tutta particolare, una piccola ONU dei popoli, raccolta qui a Roma con persone che per tanti motivi, spesso drammatici hanno dovuto lasciare la loro terra. I migranti rappresentano nel mondo di oggi uno dei maggiori “segni dei tempi”, come direbbe Gesù. Dobbiamo guardare insieme a questo segno dei tempi – quello delle migrazioni – per capire come rendere più umano questo fenomeno, salvare la vita delle persone in pericolo per la guerra, la siccità, le conseguenze di uno sviluppo non sostenibile. Dobbiamo spiegare alle nostre società che l’accoglienza e un dovere e un’opportunità. L’ONU attraverso tante istanze, e primariamente con l’UNHCR esercita un ruolo di coscienza mondiale a questo livello (saluto il rappresentante dell’UNHCR).

Sant’Egidio è impegnata da più di trent’anni su questa frontiera e ha fatto dell’accoglienza ai migranti e ai rifugiati uno dei punti cardini del suo impegno: favorendo le pratiche per i documenti, lavorando per l’integrazione a partire dalla lingua e dalla scuola e creando un movimento pacifico, Genti di pace, che in ogni città di Europa  vive la realtà della pace e della convivenza. Alcuni suoi rappresentanti sono con lei oggi. In Europa, come lei ben sa, si è sviluppato in questi ultimi mesi un fenomeno di accoglienza ai rifugiati senza precedenti. E’ un segno di speranza e una vera sorpresa della storia. Va incoraggiato e sostenuto. Le immagini delle tragedie hanno scosso la coscienza di tanti europei.: da Lampedusa a Kos, dalle strade dell’Austria alle reti di Ceuta e Melilla, da Calais alle recinzioni in Ungheria. E’ l’ora dell’accoglienza e dell’integrazione e vogliamo sostenere quest’ora! Guardare nel profondo della sofferenza e della speranza di uomini, donne, bambini in cerca di vita nuova sarà la cartina al tornasole della capacità delle nostre comunità di promuovere una cultura autenticamente umana, che come dice papa Francesco è “la cultura dell’accoglienza e della solidarietà, secondo la quale nessuno va considerato inutile, fuori posto o da scartare”.

La guerra è la madre di tutte le povertà, ha detto il prof. Andrea Riccardi. Abbiamo visto, conosciuto, sperimentato le conseguenze disastrose della guerra nella vita di tanti popoli. Lei rappresenta la più grande istanza mondiale per la pace, anche grazie al suo impegno di riforma delle strutture dell’ONU in questo settore.

Ribadiamo oggi, innanzi a Lei, il nostro impegno “fino allo sfinimento” per la pace e la risoluzione dei conflitti. Saremo al fianco dell’ONU per questo, con le nostre povere forze, la nostra passione, la nostra fede, la nostra esperienza umana. Abbiamo visto troppi popoli soffrire per la guerra. Questa sofferenza ci ha toccato e interrogato. E’ l’ora di lavorare per la pace, anche attraverso il dialogo tra le religioni, perché è l’ora dello sviluppo. Il mondo – grazie all’ONU – da settembre ha una nuova agenda di sviluppo globale: gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, valida per i prossimi quindici anni e costruita attorno a diciassette grandi obiettivi che puntano a mettere fine alla povertà, a promuovere il benessere dei cittadini e a proteggere l’ambiente. E’ – come si legge nel testo una “visione assolutamente ambiziosa e trasformatrice”. Sono parole importanti e impegnative in un tempo, come il nostro, caratterizzato da assenza di visione del futuro. Lei, signor Segretario Generale, l’ha definita “l’agenda della gente”. Siamo con lei per realizzarla. Grazie


 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | FR | PT
1 Dicembre 2016

Altri 100 in salvo con i #corridoiumanitari. Il progetto compie un anno e arriva a quota 500

IT | DE | FR | PT
30 Novembre 2016
KOSTELEC, REPUBBLICA CECA

Ecco i giovani di Praga che rifiutano la propaganda xenofoba: ''vogliamo essere amici dei rifugiati''

IT | DE | FR
30 Novembre 2016
CATANIA, ITALIA

Al CARA di Mineo si celebra l'inizio dell'Avvento con i richiedenti asilo

24 Ottobre 2016
ROMA, ITALIA

Benvenuti! Arrivati ora, dal Libano e dalla Siria, con i corridoi umanitari. Segui LIVE la conferenza stampa alle 11

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU
7 Ottobre 2016
POLONIA

La Chiesa non vuole muri contro i profughi

IT | ES | DE | PL | HU
tutte le news
• STAMPA
3 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Ma sugli immigrati la UE deve fare di più

24 Ottobre 2016
Catholic News Agency

Syrian refugees arrive to Rome with the hope of a better life

29 Settembre 2016
Giornale di Sicilia

Emiliano Abramo:«I matrimoni multietnici sono ormai una realtà»

21 Settembre 2016
Avvenire

Le loro storie: il mio cuore è ad Aleppo

11 Settembre 2016
Corriere della Sera - Ed. Milano

«Dalla Siria alla Cattolica, In fuga dai carcerieri Isis» Le storie dei cinque profughi cristiani «adottati» dall'università

8 Settembre 2016
Avvenire

Malawi. Al confine 4mila i profughi dal Mozambico

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
14 Novembre 2016 | MESSINA, ITALIA

L'accoglienza oltre l'emergenza: i corridoi umanitari

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

Intervento Dawood Yousefi, rifugiato afgano, durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti