Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Settembre 2012

Sarajevo: «Il nemico è il consumismo che annienta i rapporti umani». Da ebrei e cristiani, la ricetta contro la crisi: l’uomo ha bisogno di Dio.

 
versione stampabile

A Sarajevo, la città in cui leader di tutte le religioni mondiali sono riuniti per il Meeting interreligioso “Vivere insieme è il futuro”, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, gli uomini di fede si interrogano sulle radici spirituali della crisi economico-finanziaria e sul contributo che può venire dalle religioni. La riflessione è avvenuta all’interno di una tavola rotonda del Meeting: “Cercare Dio per ritrovare l’uomo”.

«L’uomo egoista, schiavo del denaro o dei piaceri, trasforma anche gli altri in oggetti o mezzi per soddisfare i propri interessi – ha affermato Serafim, il metropolita responsabile della pastorale dei romeni ortodossi in Germania e nell’Europa centrale settentrionale –  perché non cerca più Dio, ma si mette lui stesso al posto di Dio». Alexander Ogorodnikov, testimone della deportazione nei gulag dell’Unione Sovietica, si spinge ad un paragone con la sua esperienza: «durante il regime ho cercato Dio e l’ho pregato di farmi incontrare qualcuno che mi facesse vedere il suo volto. In quegli anni difficili ho visto molti staretz, molti uomini di Dio, ma oggi ho l’impressione che di uomini così non ce ne siano poi molti».

La proposta, allora, arriva da Ambrogio Spreafico, vescovo di  Frosinone-Veroli-Ferentino: «in questi tempi difficili la gente ha bisogno di Dio – spiega – noi dobbiamo mostrare il volto umano di Dio, e il primo modo che abbiamo per farlo è amare i poveri».  Un’idea rilanciata dal rabbino capo di Colonia, Jaron Engelmayer: «in quanto uomini di fede, sempre più dobbiamo aiutare gli uomini, e ne abbiamo gli strumenti. In questo ci aiutano le Scritture che non parlano tanto di com’è dio, ma si rivolgono all’uomo per dire a lui come dovrebbe essere».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Giugno 2015

Papa Francesco a Sarajevo, la città da ricominciare

8 Maggio 2015
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Studenti toscani a Sarajevo con Sant'Egidio per ricordare la guerra nei Balcani.

IT | EN | FR
7 Maggio 2015
FIRENZE, ITALIA

150 studenti toscani a Sarajevo

28 Maggio 2014
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

A 100 anni dalla I° Guerra Mondiale, a Sarajevo, giovani cristani e musulmani si incontrano

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
10 Maggio 2013
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

A Sarajevo, è cittadino chi lavora per la pace

IT | ES | DE | FR | CA
6 Maggio 2013
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Cittadinanza onoraria di Sarajevo a Alberto Quattrucci della Comunità di Sant'Egidio

IT | DE | NL
tutte le news
• STAMPA
6 Giugno 2015
Avvenire

La città da ricominciare

29 Maggio 2015
Avvenire

Un sogno multiculturale che vive ancora

16 Novembre 2012
Criterio

Encuentro de paz en Sarajevo: convivir es el futuro

20 Ottobre 2012
Il Giorno

SARAJEVO LA SCOMPARSA DEI CATTOLICI

26 Settembre 2012
Tertio

Samenleven is de toekomst

23 Settembre 2012
Famiglia Cristiana

La forza della preghiera per un mondo riconciliato.

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Maggio 2014 | SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Giovani cristani e musulmani si incontrano 100 anni dopo la 1° Guerra Mondiale

11 Settembre 2012

Incontri di preghiera in luoghi diversi

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Homi Dhalla

Le minoranze in India

Roger Etchegaray

Intervento di Roger Etchegaray - Cerimonia finale

Jean-Arnold de Clermont

Contributo di Jean-Arnold de Clermont

Valentin Inzko

Sarajevo 20 anni dopo: da scontro ad incontro?

Vincenzo Paglia

MEDITAZIONE dell'Arcivescovo Vincenzo Paglia

Kirill

Contributo di Kirill

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

720 visite

661 visite

735 visite

651 visite

749 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri