change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - assisi 2... di pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11/12/2016
Liturgia della domenica

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
18 Settembre 2016 16:30 | Teatro Lyrick

Saluto di Domenico Sorrentino



Domenico Sorrentino


Arcivescovo-Vescovo di Assisi, Italia
Signor Presidente della Repubblica,
Santità Bartolomeo I, 
Gentili Autorità, cari fratelli ed amici, 
 
vi do il più caldo benvenuto a nome di questa Chiesa conosciuta nel mondo soprattutto per il suo grande figlio Francesco. 
Quello che Giovanni Paolo II definì "spirito di Assisi" ha certamente una relazione con le scelte di vita di questo Santo, patrono della nostra Italia.
Consentitemi di consegnarvi, all’inizio dei nostri lavori, un’icona ideale di Francesco che prese forma proprio nel vescovado dove ho il privilegio di abitare. Mi riferisco al gesto con cui egli, sotto lo sguardo del padre e del vescovo, si spogliò di tutto, fino alla completa nudità. 
Esprimeva così il suo desiderio di conformarsi a Cristo, liberandosi delle ricchezze della terra, per essere un uomo libero e fratello universale. 
Quell’icona resta di attualità. Se infatti la guerra, in tante forme, ancora imperversa, è perché, in definitiva, ciascuno di noi è incapace di "spogliarsi" di sé facendosi carico fraternamente degli altri. Vale per i singoli, come per la società, per gli Stati come per le Chiese e le comunità religiose.
Come arginare la violenza e promuovere un mondo accogliente e fraterno? Quale può essere in questo il ruolo dei credenti? 
 
Certamente ci tocca in prima istanza il servizio della preghiera. Solo Dio può parlare ai cuori e concederci il dono della pace.
Occorre poi intenderci sul senso di un’autentica religiosità, affermando che Dio è amore e sorgente di amore, e dunque gridando forte, e tutti insieme, che uccidere in nome di Dio è il tradimento di una vita religiosa. 
Occorre infine prendere sul serio l’invito di Francesco di Assisi a "spogliarci" di noi stessi: non certo rinunciando alla nostra identità e ai nostri valori, ma rinunciando alle identità arroganti e pretenziose, alla voglia sfrenata di potere 
È lo spirito che Francesco attinse da Gesù e continua a irradiare nel mondo. 
È lo spirito che suggerì a Giovanni Paolo II di scegliere la nostra Città quale luogo -simbolo di una nuova alleanza tra le religioni. 
È lo spirito che Papa Francesco rilanciò tre anni fa ad Assisi, nella Sala della Spogliazione, auspicando una Chiesa che rinunci allo spirito del mondo per rivestirsi di vangelo. 
La Chiesa di Assisi, cari amici, è lieta di accogliervi. 
Sia la testimonianza del Poverello a orientare i nostri pensieri e a qualificare il nostro incontro 
 
A tutti buon lavoro.

 

#peaceispossible #setedipace
PROGRAMMA in PDF

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

Materiale per la stampa

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
29 Ottobre 2016
La Civiltà Cattolica
Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia
5 Ottobre 2016
Avvenire
Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi
2 Ottobre 2016
Avvenire
Quale accoglienza? Il metodo «adottivo» che emerge da Assisi
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
30 Settembre 2016
Il Ticino
Alle sorgenti della pace in un mondo assetato
tutta la rassegna stampa correlata


Giovani x la Pace


Ringraziamo

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri