change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
3 Luglio 2009

Gli aiuti umanitari delle Comunità di Sant'Egidio del Pakistan ai rifugiati della valle dello Swat, al confine con l'Afghanistan

 
versione stampabile

Nel nord - ovest del Pakistan, nella valle dello Swat, al confine con l'Afghanistan, è in corso una grave crisi umanitaria: sono infatti più di due milioni i rifugiati a causa della guerra che negli ultimi mesi ha interessato la zona.  

Lungo il confine tra i due stati, da lungo tempo si sono verificati scontri per il controllo del territorio. Dal mese di maggio, tra esercito governativo e milizie locali i combattimenti si sono intensificati, spingendo la popolazione civile a un esodo di massa. 

La gente, presa tra due fuochi, è scappata dai luoghi dove viveva senza poter portare con se' nulla. Per questo, a breve distanza dalla capitale Islamabad (che dista solo un centinaio di chilometri dall'area dei combattimenti) si sono formate enormi tendopoli. 

I rifugiati sono in condizioni di grave indigenza e non mancano seri problemi igienici: l'acqua, in particolare quella potabile, è scarsa, l'approvvigionamento di elettricità insufficiente e incostante, mentre la temperatura in questo periodo sfiora i 45 gradi.

La Comunità di Sant'Egidio di Islamabad ha messo in atto un piano di aiuti per un campo di rifugiati a nord di Peshawar: 250 tende che accolgono circa 2000 persone.

La tendopoli è stata individuata per le sue dimensioni contenute e per il fatto che molti dei suoi abitanti vi erano appena giunti, dopo una fuga precipitosa dalle proprie abitazioni. Non è stato facile raggiungerla: nessuna organizzazione umanitaria era presente nel campo, poichè l'intera zona è interdetta agli stranieri. Si è dunque rivelato particolarmente prezioso il fatto che la Comunità, in Pakistan come in altri Paesi, sia radicata nel territorio e sia composta da gente del luogo. I primi contatti sono stati rivolti ad incontrare tutti i nuclei familiari presenti, ascoltare le loro sofferenze e le loro testimonianze drammatiche, individuare quali fossero le necessità più impellenti.

Dalle visite, ripetute a brevi intervalli, è emerso come i profughi non avessero potuto trasportare oggetti semplici ma indispensabili per la vita quotidiana, come le stoviglie o le taniche per l'acqua potabile. La Comunità li ha forniti in tempi brevi. Altri aiuti molto apprezzati sono stati il cibo, il sapone, il latte e i succhi di frutta vitaminici per bambini e anziani, particolarmente esposti al rischio di disidratazione, a causa delle alte temperature diquesta stagione.

La distribuzione di questi generi di prima necessità ha coinvolto tutte le famiglie del campo profughi, anche se si è scelto di dare la precedenza agli ultimi arrivati, fuggiti praticamente senza nulla.

I gruppi di Sant'Egidio di Islamabad sono andati tenda per tenda, creando delle opportunità per parlare con tutti; un approccio personale che ha aiutato non solo a individuare i bisogni reali, ma soprattutto a superare le tensioni inevitabili in una situazione di forzata coabitazione tra gruppi diversi.

In particolare, le donne della Comunità hanno contribuito a superare l'iniziale diffidenza delle famiglie più tradizionali, dialogando liberamente con le ragazze e le anziane all'interno dei loro rifugi. Allo spavento e al trauma dovuto alla fuga si è gradualmente sostituito lo stupore e la gratitudine per questi nuovi amici, venuti ad aiutare chi si trova improvvisamente in difficoltà.

Oltre l'aiuto concreto a superare le difficoltà materiali, è importante infatti la testimonianza dei giovani della Comunità, che, appartenenti alla minoranza cristiana, si sono impegnati in un'amicizia fedele con quanti soffrono per la violenza degli scontri e sperano di poter tornare alla normalità.

La Comunità di Sant'Egidio in Pakistan, inoltre, è particolarmente attenta ai problemi e alle condizioni dell'infanzia. Sono 6 le Scuole della Pace presenti in diverse città del Paese. Anche i bambini presenti nel campo sono stati raccolti per giocare e cantare insieme. Merende nutrienti a base di biscotti vitaminici e bevande aiutano ad aprirsi e a ritrovare il sorriso.

Immagini
   
   
   

 LEGGI ANCHE
• NEWS
13 Ottobre 2010

Pakistan: gli aiuti della Comunità raggiungono le zone più remote del Paese

IT | EN | ES | DE | FR | CA
17 Settembre 2010

Tante mani per il Pakistan: Nuovi aiuti nelle tendopoli della zona di Peshawar

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU | UK
13 Settembre 2010

Pakistan: Réportage da Charsadda, vicino a Peshawar, dove la Comunità di Sant'Egidio sta portando aiuti ai profughi dell'alluvione

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
3 Settembre 2010

Pakistan: Arrivati a destinazione i primi aiuti di emergenza inviati dalla Comunità di Sant'Egidio. Prosegue l'azione di solidarietà con le vittime delle alluvioni

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
17 Agosto 2010

Pakistan: La Comunità di Sant'Egidio in soccorso della popolazione vittima delle alluvioni

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | ID | ZH
13 Agosto 2009

La solidarietà delle Comunità di Sant’Egidio del Pakistan con le famiglie dei cristiani uccisi a Gojrah.

IT | ES | DE | FR | PT | NL | ID
tutte le news
• STAMPA
29 Settembre 2010
L'Osservatore Romano

In Pakistan non solo conflitti

25 Settembre 2010
Agenzia Fides

ASIA/PAKISTAN - La Comunità di Sant’Egidio: “Profughi anonimi, accampati perfino nel cimitero”

20 Settembre 2010
AICA

Islamabad (Pakistán) - Llegan las ayudas enviadas por la Comunidad de San Egidio

17 Settembre 2010
Avvenire

Pakistan - «Islamici grati del nostro aiuto»

26 Agosto 2010
Avvenire

Pakistan - Acqua e datteri. Viveri ai profughi da Sant'Egidio

26 Agosto 2010
Radio Vaticana

Pakistan: la Chiesa cattolica nel mondo mobilitata per la popolazione alluvionata

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

3 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Appeal "No justice without life" Manila 2014

Il Giappone proporrà l'abolizione della pena di morte

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Alberto Quattrucci

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Mario Marazziti

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Shabhaz Bhatti





Paoline
tutti i libri

FOTO

159 visite

160 visite

166 visite
tutta i media correlati