Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
13 Settembre 2010

Pakistan: Réportage da Charsadda, vicino a Peshawar, dove la Comunità di Sant'Egidio sta portando aiuti ai profughi dell'alluvione

 
versione stampabile

Una nuova missione di aiuti per le vittime dell'alluvione in Pakistan è iniziata la scorsa settimana. Grazie alla sinergia delle Comunità di Sant'Egidio italiane e di diverse città pakistane, in questi giorni diversi gruppi della Comunità stanno raggiungendo alcune zone che ancora non sono state toccate dagli aiuti internazionali.

Da Islamabad, il resoconto di una giornata a Charsadda, nella zona di Peshawar:

Fa ancora molto caldo nella grande pianura attorno a Peshawar, eppure l’acqua non si è ancora del tutto asciugata. Di giorno la temperatura sfiora i 40 gradi. Alcuni campi sono screpolati o riarsi dal sole, altri sono una grande palude. Ora il fiume Indus dalle acque celesti e il più torbido Kabul scorrono tranquilli fino alla loro confluenza, ma i raccolti sono rovinati e i contadini temono di non poter gettare le sementi per l’anno prossimo. Uno scenario desolante si stende a perdita d’occhio nella città di Nowshera: molte case di semplici mattoni sono state invase dalla piena che ha superato i due metri d’altezza e ha rovinato tutto. I muri sono sfondati, i mobili marci. Tutti gli abitanti vivono in tendopoli piccole e grandi.

Superati i primi giorni di emergenza, quando la popolazione si è dovuta rifugiare sui luoghi più alti, come le colline o il manto autostradale, ora si sono formate piccole e grandi tendopoli.

L’esercito e alcune ONG le gestiscono e forniscono un po’ di cibo, ma l’assistenza si ferma qui. Gli sfollati sono costretti a mangiare con le mani, a razionare l’acqua, a conservare con cura i pochi abiti rimediati. Non è facile vivere in una grande distesa di fango e di polvere, dopo aver perso ogni cosa.

Lo hanno raccontato con le lacrime agli occhi gli abitanti di una tendopoli a Charsadda (vicino Nowshera), 500 persone, per lo più bambini. Non hanno potuto festeggiare la fine del Ramadan a casa, come vuole la tradizione. Una nutrita delegazione della Comunità (una cinquantina di persone provenienti da tutto il Pakistan e da Roma) ha trascorso una giornata insieme a loro, distribuendo un kit di aiuti tenda per tenda. Siamo arrivati con un camion dalla capitale Islamabad, distante circa 130 Km; portavamo piatti, posate, bicchieri, secchi e caraffe per l’acqua, materassini e sacchi a pelo per rendere un po’ più dignitosa la permanenza nei campi.

I bambini hanno ritrovato il sorriso quando ognuno di loro ha ricevuto una dose abbondante di dolci e succhi di frutta vitaminici per le festività islamiche. Bambine e ragazze si sono fatte decorare le mani con l’hennè da alcune donne della Comunità perché anche questo aiuta a ritrovare la normalità e il senso della festa. Gli adulti non vedevano l’ora di parlare, di raccontare, di abbracciare questi estranei che non parlano neanche la loro lingua: questa infatti è la regione dell’etnia Pashtun, e pochi conoscono l’urdu o l’inglese. Gli uomini sono commossi,  le donne pregano con le mani rivolte al cielo e ringraziano Allah.

La distribuzione richiede tempo, i bambini ci seguono curiosi da una tenda all’altra, poi sono convocati in uno spazio riparato per giocare, cantare e ballare insieme. Si forma un enorme girotondo animato dai giovani con una colomba e l’arcobaleno sulla maglietta bianca. Alcuni vogliono imparare qualche parola in italiano. Nell’aria si diffondono le canzoni della scuola della pace.

Svegliano da un sonno accaldato il piccolo Mansùr, nato meno di un mese fa nella tenda dalla giovane madre cui l’alluvione ha portato via tutta la famiglia. Mansùr (il Vittorioso, è il significato del suo nome) ce l’ha fatta a superare i suoi primi giorni di vita in queste condizioni. Con cura sua mamma gli ha cucito degli abitini ritagliati da una camicia e una gonna. Ma lui e gli altri bambini hanno bisogno di vestiti, zanzariere, medicine per le infezioni della pelle. Abbiamo registrato tutte le necessità più urgenti e torneremo a portare il necessario nei prossimi giorni.

Le loro famiglie hanno bisogno di una speranza per il futuro, chiedono di non essere dimenticati, di non essere abbandonati lì. Sperano che le scuole riaprano un giorno e si riempiano di nuovo dei loro figli. Sperano che i campi tornino a produrre quel minimo necessario con cui sono sempre andati avanti. Noi torneremo tra qualche giorno con altri aiuti e soprattutto con la promessa di non abbandonarli, ma di essere al loro fianco per la ricostruzione.

Immagini
 
Il piccolo Mansùr, nato in una tenda
 



GALLERIA DI IMMAGINI>>




APPROFONDIMENTI

SOLIDARIETA’ CON LE VITTIME DELLE ALLUVIONI IN PAKISTAN:

DONAZIONE ONLINE
causale "Emergenza Pakistan"


oppure

c/c bancario e postale
807040
Comunità di S.Egidio-ACAP Onlus
IBAN: IT67D0760103200000000807040

SWIFT:
BPPIITRRXXX

per informazioni: [email protected]

 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
4 Luglio 2016
LIBIA

Aiuti umanitari in Libia dopo l'accordo firmato a Sant'Egidio: consegnato il primo container di medicinali

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | HU
10 Giugno 2016
ECUADOR

Sant'Egidio invia aiuti umanitari alla popolazione sfollata dal terremoto in Ecuador

IT | ES | FR
9 Giugno 2016
PAKISTAN

In Pakistan il termometro segna 47 gradi: Sant'Egidio in campo per proteggere gli anziani

IT | ES | DE | FR
6 Aprile 2016
LAHORE, PAKISTAN

Pakistan: Sant'Egidio prega per la pace insieme ai familiari delle vittime dell'attentato di Lahore

IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

19 Maggio 2016
Famiglia Cristiana

Il Trump filippino spaventa il mondo

7 Aprile 2016
Famiglia Cristiana

Ora tocca all'Islam estirpare la violenza

7 Aprile 2016
Domradio.de

"Mauer und Stacheldraht nicht die Lösung"

3 Aprile 2016
La tribuna di Treviso

Messa per i morti di Bruxelles e di Lahore

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
23 Aprile 2016 | FIRENZE, ITALIA

Veglia a Firenze per le vittime dell'attentato di Pasqua in Pakistan

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

3 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Appeal "No justice without life" Manila 2014

Il Giappone proporrà l'abolizione della pena di morte

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Alberto Quattrucci

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Mario Marazziti

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Shabhaz Bhatti





Paoline
tutti i libri

FOTO

155 visite

166 visite

150 visite
tutta i media correlati