Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
10 Marzo 2014

LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO

Il digiuno più difficile è il digiuno della bontà, di cui è capace il Buon Samaritano, che si china sull’uomo ferito

 
versione stampabile

“Ricevere dal Signore l’amore di un Padre, ricevere dal Signore l’identità di un popolo e poi trasformarla in una etica è rifiutare quel dono di amore. Questa gente ipocrita sono persone buone, fanno tutto quello che si deve fare. Sembrano buone! Sono eticisti, ma eticisti senza bontà, perché hanno perso il senso di appartenenza a un popolo! La salvezza, il Signore la dà dentro un popolo, nell’appartenenza a un popolo”.

Eppure, già il Profeta Isaia aveva descritto con chiarezza quale fosse il digiuno secondo la visione di Dio: “Sciogliere le catene inique”, “rimandare liberi gli oppressi”, ma anche “dividere il pane con l’affamato, introdurre in casa i miseri senza tetto”, “vestire uno che vedi nudo”.
“Quello è il digiuno che vuole il Signore! Digiuno che si preoccupa della vita del fratello, che non si vergogna - lo dice Isaia stesso - della carne del fratello. La nostra perfezione, la nostra santità va avanti con il nostro popolo, nel quale noi siamo eletti e inseriti. Il nostro atto di santità più grande è proprio nella carne del fratello e nella carne di Gesù Cristo. L’atto di santità di oggi, nostro, qui, nell’altare, non è un digiuno ipocrita: è non vergognarci della carne di Cristo che viene oggi qui! E’ il mistero del Corpo e del Sangue di Cristo. E’ andare a dividere il pane con l’affamato, a curare gli ammalati, gli anziani, quelli che non possono darci niente in contraccambio: quello è non vergognarsi della carne!”.

Questo significa che il “
digiuno più difficile è il digiuno della bontà. È il digiuno di cui è capace il Buon Samaritano, che si china sull’uomo ferito, e non è quello del sacerdote, che guarda lo stesso sventurato ma tira diritto, forse per timore di contaminarsi. Questa è la proposta della Chiesa oggi: io mi vergogno della carne di mio fratello, di mia sorella?”

Omelia a Santa Marta, 7 marzo 2014


 LEGGI ANCHE
• NEWS
18 Maggio 2017

La malattia non può e non deve farci dimenticare che agli occhi di Dio il nostro valore rimane sempre inestimabile

IT | ES | DE | FR
29 Aprile 2017

Il nostro compito è quello di pregare gli uni per gli altri domandando a Dio il dono della pace

IT | ES | DE | FR | PT
23 Aprile 2017

L’eredità viva dei martiri ci dona oggi pace e unità. Ci insegnano che con la forza dell’amore e la mitezza si può lottare contro la prepotenza, la violenza, la guerra e si può realizzare con pazienza la pace.

IT | PT
19 Aprile 2017

Saremo uomini e donne di risurrezione se, in mezzo alle vicende che travagliano il mondo - sono tante oggi -sapremo porre gesti di solidarietà

IT | DE | FR | PT
15 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

O Cristo, nostro unico Salvatore, torniamo a Te anche quest’anno con gli occhi abbassati di vergogna e con il cuore pieno di speranza

IT | FR | PT
23 Marzo 2017

Sogno un nuovo umanesimo europeo cui servono memoria, coraggio, sana e umana utopia

IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
31 Ottobre 2015
La Repubblica

Papa Francesco, Romero martire due volte: "Dopo la sua morte per mano dei vescovi"

28 Luglio 2014
Il Mattino

Riccardi: svolta storica, la preghiera può unirci

4 Settembre 2013
L'Osservatore Romano

Associazioni e movimenti laicali in vista della giornata di digiuno e orazione

3 Settembre 2013
L'Eco di Bergamo

«Papa Francesco così ha spiazzato tutte le diplomazie»

22 Agosto 2013
Famiglia Cristiana

La via aperta da Francesco al dialogo tra le religioni

tutta la rassegna stampa