Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - bujumbur...le donne contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

BUJUMBURA (Burundi): La granduchessa del Lussemburgo visita la prigione centrale, accompagnata dalla Comunità di Sant'Egidio, da anni vicina ai prigionieri, in particolare ai bambini e le donne


 
versione stampabile

BUJUMBURA (Burundi): La granduchessa del Lussemburgo visita la prigione centrale, accompagnata dalla Comunità di Sant'Egidio, da anni vicina ai prigionieri, in particolare ai bambini e le donne
2 giugno 2009 

La Granduchessa del Lussemburgo, Maria Teresa, ha visitato stamane la prigione centrale di Bujumbura a Mpimba con la Comunità di Sant’Egidio. La Granduchessa ha potuto visitare tutti i reparti della prigione soffermandosi a parlare con i prigionieri e in particolare con le detenute che assieme ai loro figli vivono in un reparto dove la Comunità svolge un servizio di aiuto ai bambini e alle loro madri. 

Al termine della visita la Granduchessa ha espresso i suoi ringraziamenti alla Comunità per il servizio che svolge all’interno del carcere e ha chiesto di “Aiutarmi a non dimenticare ciò che ho visto oggi. Perché in Europa spesso siamo presi da questioni superflue e abbiamo bisogno di qualcuno che ci ricordi l’essenziale”.
 
La Comunità di Sant'Egidio e l'amicizia con i prigionieri
nel carcere di Mpimba, una delle principali prigioni del Burundi.
 
La struttura penitenziaria, costruita nel 1959 dall’amministrazione coloniale belga, prevedeva una popolazione carceraria di 800 persone. Oggi conta 3.124 persone, ospita cioè un numero di prigionieri quattro volte superiore alla capacità originaria. Tra questi 86 donne, 145 ragazzi e 23 bambini al di sotto dei 5 anni, figli delle prigioniere. Tutti vivono in condizioni igieniche e sanitarie drammatiche, aggravate dalla scarsità del vitto, dalla promiscuità e dal gravissimo sovraffollamento che non permette neanche di dormire tutti al coperto. 
 
Nel 2007 la Comunità ha iniziato a visitare il carcere ogni settimana. Un primo approccio è stato quello dell’educazione sanitaria ai minori prigionieri, più avanti ci si è rivolti in particolare alle donne con i bambini. Molte tra loro hanno cominciato a vincere la paura e a raccontare la loro storia, trovando nella Comunità un sostegno e una compagnia fondamentali per uscire dall’isolamento e dalla disperazione. Un aspetto importante  del lavoro che la Comunità di Sant'Egidio compie per l'umanizzazione delle carceri africane, che si esprime anche nella cura dei malati, nel sostegno alla nutrizione e nell'assistenza ai detenuti più poveri.


NEWS CORRELATE
21 Febbraio 2017
EL SALVADOR

25 anni di pace in Salvador: Sant'Egidio li festeggia inviando aiuti umanitari ai detenuti


I giovani della Comunità si occupano della distribuzione alle famiglie dei prigionieri e ai minori trattenuti
IT | ES | DE | FR | PT | RU
21 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Vi ricordate Moise e Samuel, bambini di strada che avevano ottenuto un diploma? Eccoli qua al lavoro!!

IT | ES | DE | FR | PT
21 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

La benedizione di una lunga vita: Michele ha compiuto 101 anni! Auguri da tutta la Comunità di Sant'Egidio


Festa grande ieri, con Marco Impagliazzo e tanti amici nella casa dove l'amicizia è "il segreto di una lunga vita "
IT | ES | FR | RU
9 Febbraio 2017

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità


Basilica di San Giovanni affollata di giovani e anziani, senza dimora e profughi venuti con i corridoi umanitari. Marco Impagliazzo: ''Crediamo in una città dove non esiste il noi e il loro, ma dove si può costruire insieme una grande forza di pace''
IT | ES | DE | FR | PT | CA
8 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO
Giornata di preghiera e riflessione contro la tratta degli esseri umani

Giornata contro la tratta: la storia Moise e Samuel, dalla condizione di "invisibili" a un diploma professionale

IT | ES | DE | FR | PT | RU
8 Febbraio 2017
Comunicato Stampa

Sant'Egidio, 49 anni: un appello per una cultura della pace e solidarietà con i poveri #periferiealcentro


Il 9 febbraio alle 18:30, il “popolo” della Comunità a San Giovanni in Laterano. La celebrazione è presieduta dal sostituto della Segreteria di Stato vaticana mons. Becciu.
IT | ES | DE | FR | CA | RU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
10 Febbraio 2017
Avvenire
Roma. Becciu: Sant'Egidio porta Cristo nelle periferie
10 Febbraio 2017
L'Osservatore Romano
Una presenza vivace
10 Febbraio 2017
RomaSette.it
Becciu a Sant’Egidio: «I poveri siano sempre il vostro tesoro»
9 Febbraio 2017
Vatican Insider
Becciu: “I manifesti? Il Papa ci ha riso su”
9 Febbraio 2017
L'Osservatore Romano
L’arcivescovo Becciu per l’anniversario di Sant’Egidio - Una presenza vivace
tutta la rassegna stampa correlata