Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più anziani - haiti: r...italiani contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Haiti: Ricostruite le case per gli anziani di Port au Prince, "adottati a distanza" da anziani italiani


 
versione stampabile

Haiti: Ricostruite le case per gli anziani di Port au Prince, "adottati a distanza" da anziani italiani
21 settembre 2010

Dal 2003  alcuni gruppi  di “Viva gli anziani!” di diverse città italiane avevano "adottato a distanza" dei loro coetanei che vivevano in piccole case di ospitalità, nel comprensorio di Lakay Mwen, alla periferia di  Port-au-Prince.

Quando, con il terribile terremoto dello scorso gennaio, le casette sono andate per lo più distrutte, la Comunità si è fatta carico della situazione di questi anziani, che sono, a tutti gli effetti, parte della famiglia. Nei mesi scorsi, abbiamo dato notizia dei primi aiuti, e delle tende acquistate immediatamente dopo il sisma per offrire loro un riparo nel cortile della scuola di Lakay Mwen.

Oggi, le nuove case sono pronte: non sono grandi, ma più confortevoli di quelle precedenti. Costruite secondo criteri antisismici, con tetti ad isolamento termico, zanzariere alle finestre, ventilatori e gli arredi essenziali. Un generatore garantisce la corrente elettrica, che non è ancora stabile nell'isola.

Ogni casa ha 2 o 4 posti, e si possono ospitare in totale 28 anziani. Sono disposte attorno ad un piccolo giardino comune, dove presto verrà messo un gazebo per godere il fresco serale.


La ricostruzione è avvenuta grazie al coinvolgimento dei  gruppi di “Viva gli Anziani” di diverse città, che, negli ultimi mesi hanno messo in piedi una campagna di raccolta fondi: vendite, cene e raccolte di vario genere, per sostenere i loro amici ai quali era venuto improvvisamente a mancare tutto. 

 

“Viva gli anziani” continua l’adozione a distanza per tutti gli anziani che abitano queste nuove case e che  possono  ricominciare a vivere serenamente pensando al futuro insieme a tanti amici lontani, ma sempre vicini.

 Immagini
 

 
 
   

NEWS CORRELATE
6 Dicembre 2016

A Natale aiuta una madre a far nascere un bambino sano: regala un'adozione a distanza!


Con la terapia offerta nei centri DREAM in Africa preveniamo la trasmissione del virus HIV al bambino
IT | ES
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini


Le Scuole della Pace, il programma "Bravo!", i centri nutrizionali, il programma DREAM... come la Comunità protegge i diritti dei più piccoli. E alcune storie
IT | ES | DE | PT | HU
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
31 Ottobre 2016
BAGHDAD, IRAQ

Sant'Egidio in Iraq: aiuti umanitari e dialogo nazionale e interreligioso per superare la crisi


Medicinali, tende e generatori elettrici in arrivo grazie all’accordo tra Sant’Egidio e le autorità irachene
IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
29 Settembre 2016

Pace in Colombia: la speranza dei bambini adottati a distanza

IT | ES | DE
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan


Grazie al sostegno della fondazione Essilor visite oculistiche e occhiali per 119 bambini
IT | ES | DE | FR | PT | CA
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung
"Grazie mille, Papa Francesco"
2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità
Connessi al Centrafrica
31 Ottobre 2016
Vatican Insider
Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi
2 Agosto 2016
kath.ch
«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»
21 Giugno 2016
Huffington Post
La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

257 visite

615 visite

257 visite

449 visite

257 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri