Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
18 Gennaio 2010

Haiti - Port au Prince: la Comunità di Sant’Egidio, nella città distrutta dal terremoto, distribuisce aiuti di emergenza e prega per le vittime

 
versione stampabile

Una delegazione della Comunità di Sant’Egidio è arrivata da tre giorni ad Haiti attraverso la Repubblica Dominicana, con un camion di aiuti di emergenza: 5.000 litri di acqua minerale, alcune tonnellate di riso, zucchero, latte, carne in scatola, cibo per neonati (baby formula) e sapone.

A Port au Prince si è riunita con i giovani haitiani della Comunità - tra i quali si conta purtroppo una vittima, una giovane donna uccisa dal crollo della sua casa. Nonostante quasi tutti siano rimasti senza un tetto, stanno lavorando intensamente per rintracciare i dispersi e per distribuire gli aiuti.

Il centro per la distribuzione degli aiuti è nel cortile di una parrocchia di Port au Prince. La Comunità infatti sta collaborando con il vescovo, mons. Pierre Dumas, per organizzare i soccorsi.

Anche la sede della Comunità di Port au Prince è stata completamente distrutta dal terremoto. Tuttavia, i giovani di Sant’Egidio si sono riuniti sulle macerie per pregare insieme, in questo momento così difficile, in cui al dolore e alle perdite del terremoto, si va aggiungendo il propagarsi di un clima di disperazione che spinge taluni alla violenza.

CONTINUIAMO AD ESPRIMERE LA NOSTRA SOLIDARIETA’ CON LE VITTIME DEL TERREMOTO DI HAITI:

oppure

c/c bancario e postale
807040
Comunità di S.Egidio-ACAP Onlus
IBAN: IT67D0760103200000000807040

 

Immagini

La distribuzione dell'acqua potabile

Una scuola distrutta

Mons. Pierre Dumas
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
31 Ottobre 2016
BAGHDAD, IRAQ

Sant'Egidio in Iraq: aiuti umanitari e dialogo nazionale e interreligioso per superare la crisi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
4 Luglio 2016
LIBIA

Aiuti umanitari in Libia dopo l'accordo firmato a Sant'Egidio: consegnato il primo container di medicinali

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | HU
10 Giugno 2016
ECUADOR

Sant'Egidio invia aiuti umanitari alla popolazione sfollata dal terremoto in Ecuador

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

7 Aprile 2016
Domradio.de

"Mauer und Stacheldraht nicht die Lösung"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

Matteo Zuppi

Dieci anni della Comunità di Sant’Egidio con l’Albania: Intervento di Don Matteo Zuppi

Piero Bestaggini

Progetto AIDS in Mozambico: un programma per il rafforzamento generale della sanità e per la lotta all'AIDS. Relazione di Piero Bestaggini

Hinao Nagao

- “Il Giappone dopo il sisma - lavorare affinché germogli vigorosi nascano da questi grandi nodi” di Hinao Nagao

tutti i documenti

FOTO

257 visite

570 visite

257 visite

534 visite

257 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri